Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mitch Lucker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mitch Lucker
Mitch Lucker al Mayhem Festival nel 2011.
Mitch Lucker al Mayhem Festival nel 2011.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Deathcore
Periodo di attività 2002-2012
Strumento Voce
Etichetta Nuclear Blast, Century Media
Gruppi Suicide Silence
Gruppi e artisti correlati Suicide Silence, Commissioner

Mitchell Adam "Mitch" Lucker (20 ottobre 19841º novembre 2012[1]) è stato un musicista statunitense, cantante della band Suicide Silence.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lucker ha cominciato a cantare nella garage band del fratello, cantando una canzone degli Hatebreed di cui sapeva il testo. Lui e il chitarrista Chris Garza hanno successivamente creato la band Suicide Silence nel 2002, una band che ha acquistato fama molto velocemente. In origine la band aveva due cantanti, con Tanner Womack che faceva da leader alla band tanto quanto Lucker. Quando Womack fu destituito, Lucker diventò l'unico cantante.

L'album di debutto della band The Cleansing diventò uno degli album più venduti della Century Media con 7,250 copie vendute nella prima settimana. Il loro secondo album No Time to Bleed fu rilasciato il 30 giugno 2009. L'ultimo album della band con Lucker come cantante The Black Crown fu rilasciato il 12 luglio 2011. I suoi testi avevano cominciato a perdere il precedente contenuto anti-religioso. Quando chiesto da Kerrang! Lucker ha spiegato:[2]

« Non voglio stroncare le credenze della gente – si tratta di me e della mia vita. Questa è la mia testa aperta, il cui contenuto viene versato su carta! Ho ancora il mio pensiero e il mio punto di vista, ma una mentalità più aperta. [...] A questo punto della mia vita, non vedo cosa ci sia di buono nel farti odiare dalla gente per qualcosa che hai detto. Quest'album è per tutti. »

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista a The AU Interview, Lucker ha detto che le band che lo hanno influenzato a crearne una sua sono "Korn, Deftones, Slayer, Sepultura... tutto quello che mio padre comprava e portava a me e mio fratello dicendo 'Hey, ascoltate qui.'"[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Mitch Lucker è cresciuto a Riverside, California, con genitori e fratelli. Si è sposato con Jolie Carmadella l'8 maggio 2010, e ha avuto una figlia il 30 giugno 2007.

Tatuaggi[modifica | modifica wikitesto]

Lucker era casualmente conosciuto per la sua grande collezione di tatuaggi sul corpo, che coprivano braccia, torso, collo, mani, dita e persino la faccia. L'unico posto dove ha rifiutato tatuarsi è la schiena. Ha spiegato ciò affermando "Mi piace vedere le opere d'arte perché sono opere d'arte! [Avere la schiena tatuata] sarebbe come avere un'opera costosa che non potrai mai vedere. Come dire, "Oh, ho questo bellissimo e costosissimo dipinto, ma non puoi vederlo perché è a casa di mio zio."[4]

Il tatuaggio che Lucker aveva sulla faccia fu uno degli ultimi che si fece. Il tatuaggio era il simbolo giapponese Kanji per la parola "forza".

Le barre nere tatuate sulle dita di Lucker erano un tatuaggio per coprirne un altro. Il tatuaggio che originariamente aveva sulle dita era "FORXEVER". Ha dichiarato di aver visto parecchie persone che portavano quell'esatto tatuaggio, come risultato del fatto che aveva quelle barre nere tatuate sulle dita.[4]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º novembre 2012 fu dichiarato dall'Orange County Coroners Office che Mitch Lucker era morto quel giorno, per le ferite riportate dopo un incidente motociclistico a Huntington Beach, California. L'ufficio del medico legale ha detto che è stato "dichiarato morto alle 06:17 Giovedi presso l'UCI Medical Center dell'Orange County". Un rapporto ha dichiarato che Lucker si è schiantato con la sua moto poco dopo le 21:00 del 31 ottobre.[5][6][7] Aveva 28 anni.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La notte del 1º novembre, si è tenuta una veglia a lume di candela in memoria di Lucker sul luogo dell'incidente. Hanno partecipato tra le 300 e le 400 persone, tra cui fans, amici, e familiari. Alla veglia, la moglie Jolie Carmadella ha dichiarato che Lucker era ubriaco al momento della sua morte, e che gli aveva chiesto di rimanere a casa quella sera:[8]

« Era un alcolizzato, ed è stata una grande battaglia. Ho provato a fermarlo. Ero di fronte a lui pregandolo di restare a casa. Lo stavo implorando. 'Seriamente, fallo per noi, non uscire.' Ma lui è uscito. E questo è quel che è successo... Era una persona fantastica. Un meraviglioso padre e un ottimo marito. E adesso non potrà veder crescere [sua figlia di 5 anni] Kenadee, perché ha deciso di guidare da ubriaco. »

I suoi compagni della band Suicide Silence hanno tenuto un Memorial Show intitolato "Ending Is The Beginning" il 21 dicembre 2012, che ebbe luogo al Fox Theater in Pomona, CA. È servito a beneficio dei futuri costi di formazione di Kenadee Lucker. La band ha anche avviato la Kenadee Lucker Education Fund e continua a promuovere le donazioni per la figlia di Mitch.[9][10]

Inoltre, Oliver Sykes, cantante dei Bring Me The Horizon, ha collaborato con il fotografo della band Adam Elmakias per raccogliere fondi per la figlia di Lucker. Tutto il denaro racimolato andrà nel fondo per la formazione della bambina. Questa raccolta è aperta ancora oggi.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Suicide Silence[modifica | modifica wikitesto]

Con i Commissioner[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • "Predator; Never Prey" (featuring Mitch Lucker) – The Acacia Strain (2006)
  • "Classic Struggle" (featuring Mitch Lucker) – Winds of Plague (2009)
  • "We Are the Many" (featuring Mitch Lucker) – Caliban (2012)
  • "The Sinatra" (featuring Mitch Lucker) – My My Misfire
  • "Spit Vitriol" (featuring Mitch Lucker) - The Devastated (2012)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brittany Moseley, Alternative Press | News | UPDATED: Mitch Lucker, lead singer of..l, Alt Press, 1º novembre 2012. URL consultato il 1º novembre 2012.
  2. ^ Simon, Suicide Silence gets Personal on The Black Crown, Kerrang, 5 aprile 2011. URL consultato il 5 aprile 2011.
  3. ^ the AU interview: Mitch Lucker of Suicide Silence (USA) | the AU..., The AU Review, 20 novembre 2010. URL consultato il 20 novembre 2010.
  4. ^ a b http://noisecreep.com/suicide-silences-mitch-lucker-on-tattoos-and-dirty-handshakes/
  5. ^ SUICIDE SILENCE Singer Dies In Motorcycle Accident, The Gauntlet News, 1º novembre 2012. URL consultato il 25 agosto 2013.
  6. ^ R.I.P Suicide Silence'S Mitch Lucker. Total Uprawr (November 1, 2012). Consultato il on 13 novembre 2012.
  7. ^ Fatal Traffic Collision, Huntington Beach Police Department, 1º novembre 2012. URL consultato il 1º novembre 2012.
  8. ^ MITCH LUCKER's Wife: I Begged Him Not To Leave The House (Video). Blabbermouth. Net. Consultato il on 13 novembre 2012.
  9. ^ 4:06 PM, Suicide Silence Sets Up Donation Fund - in Metal News, Metal Underground.com. URL consultato il 24 agosto 2013.
  10. ^ SUICIDE SILENCE Launch Official Mitch Lucker Memorial Fund - Metal Injection | Latest News, Metal Injection, 6 novembre 2012. URL consultato il 24 agosto 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]