Metodo pre-esaurimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il metodo pre-esaurimento (pre-exhaustion method) è un metodo di allenamento usato nell'esercizio con i pesi.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine degli esercizi tradizionale e il Priority system[modifica | modifica wikitesto]

Il metodo pre-esaurimento, da non confondere con l'omonima tecnica del pre-esaurimento in super set[1][2], definisce uno specifico ordine degli esercizi dedicati allo stimolo di un gruppo muscolare all'interno di una sessione con i pesi[3][4][5][6]. Le classiche linee guida sull'esercizio coi pesi più autorevoli e accreditate suggeriscono di svolgere prima gli esercizi multiarticolari (detti anche fondamentali o base) dedicati ad un gruppo muscolare rispetto ai monoarticolari (detti anche di isolamento) che reclutano lo stesso gruppo muscolare[7][8][9]. Inoltre, viene data generalmente una priorità molto maggiore agli esercizi multiarticolari rispetto ai monoarticolari[10]. In altre parole, nelle normali routine con i pesi viene prevista una prima parte dell'allenamento dedicata agli esercizi multiarticolari e una loro maggiore preponderanza sui monoarticolari. Le motivazioni generalmente presentate sono riferite al fatto che gli esercizi multiarticolari che coinvolgono maggiori masse muscolari permettono di:

  • sollevare maggiori carichi rispetto agli esercizi monoarticolari;[11]
  • sviluppare efficientemente le prestazioni di forza e potenza;[12][13]
  • provocare una maggiore risposta metabolica;[14]
  • provocare la maggiore risposta acuta degli ormoni anabolici[15] come il GH[7][13] e il testosterone;[13][16]
  • sviluppare una prestazione significativamente migliore se eseguiti per primi nella sessione (cioè evitando il pre-affaticamento);[3][17]
  • sviluppare maggiori volumi di lavoro a parità di intensità, ripetizioni e serie totali;

Questo schema di allenamento può essere riconosciuto come priority system (sistema delle priorità), modello in cui gli obiettivi principali dell'allenamento sono i miglioramenti della prestazione o del gesto atletico su determinati esercizi, per tanto gli esercizi principali vengono eseguiti per primi all'interno della sessione di allenamento. Nel modello priority system viene permesso all'atleta di concentrarsi sulla performance, usare carichi maggiori e non accusare un pre-affaticamento durante l'esecuzione dell'esercizio prioritario che viene eseguito per primo durante la sessione[3].

Differenze tra forza e ipertrofia nel metodo pre-affaticamento[modifica | modifica wikitesto]

L'uso di esercizi multiarticolari è giudicato fondamentale per sviluppare le prestazioni come la forza e la potenza[12][13], ed i progressi a lungo termine nei guadagni di forza sono molto probabilmente attribuibili all'ipertrofia delle fibre muscolari o del gruppo muscolare[18]. Sebbene il priority system possa essere ritenuto un valido metodo in una buona parte dei contesti, soprattutto per migliorare gli adattamenti legati alla prestazione, invertire l'ordine degli esercizi eseguendo nella prima parte dell'allenamento gli esercizi monoarticolari seguiti dai multiarticolari potrebbe offrire uno stimolo differente per favorire lo sviluppo di altri adattamenti muscolari come l'ipertrofia muscolare. Per quanto l'allenamento di forza produca un adattamento ipertrofico[19], anche paragonabile all'allenamento di ipertrofia[20], e quindi possa esserci una certa correlazione tra la forza e l'ipertrofia, non sempre esiste uno stretto legame tra i due adattamenti[21]. Infatti, sebbene esista una chiara relazione diretta tra la sezione trasversale (CSA) del muscolo scheletrico e la sua abilità nel produrre forza, l'acquisizione della forza ha anche una significativa componente neurale[22]. La correlazione non stretta tra forza e ipertrofia può essere evidente in diverse circostanze. Ad esempio, durante il deallenamento dall'esercizio con i pesi, la forza massima inizia a calare dopo circa una settimana, ma il volume muscolare non si riduce fino a circa 2 settimane di deallenamento[23][24], riflettendo quanto i due adattamenti non risultino strettamente dipendenti l'uno dall'altro, e quanto la forza sia dipendente dall'aspetto neurale al contrario dell'ipertrofia[21][23][25]. Inoltre, diverse evidenze scientifiche recenti hanno iniziato a sottolineare la non correlazione tra l'aumento degli ormoni sistemici (GH e testosterone) indotto dall'allenamento e l'esaltazione della forza, dell'ipertrofia, e della sintesi proteica muscolare[26][27][28][29][30]. Per tanto, sotto l'aspetto strettamente ormonale, gli esercizi multiarticolari non avrebbero alcun vantaggio sui monoarticolari nonostante siano in grado di provocare una risposta ormonale generalmente maggiore. Infine, i classici programmi con i pesi per lo sviluppo specifico dell'ipertrofia differiscono da quelli per il massimo sviluppo della forza per diverse variabili, come l'intensità, il volume, la densità, i tempi di recupero, il Time Under Tension (TUT), e potenzialmente la scelta e l'ordine degli esercizi[19][31][32].

Nell'esercizio con i pesi finalizzato primariamente allo sviluppo dell'ipertrofia muscolare viene previsto il largo uso di esercizi monoarticolari (di isolamento). Durante l'esecuzione degli esercizi multiarticolari (fondamentali), alcuni muscoli agonisti possono prevalere su altri, creando di conseguenza uno squilibrio ipertrofico tra i muscoli coinvolti, e quindi a delle asimmetrie estetiche. L'uso degli esercizi monoarticolari può invece reclutare selettivamente un muscolo sottosviluppato migliorandone la simmetria[19]. Inoltre, l'architettura unica del singolo muscolo suggerisce che l'utilizzo di esercizi monoarticolari può provocare differenti modelli di attivazione muscolare contribuendo ad accrescere lo sviluppo muscolare generale[33]. Per tanto, diversamente dall'esercizio con i pesi per la forza, nel metodo ipertrofia gli esercizi di isolamento muscolare sono ampiamente utilizzati. Questo può rafforzare le differenze tra i protocolli con i pesi per la forza con quelli il cui obiettivo principale è lo sviluppo del volume muscolare. Di conseguenza, gli esercizi di isolamento non solo assumono un ruolo più importante nei protocolli per l'ipertrofia, ma alcuni metodi di allenamento, come il metodo pre-esaurimento, possono sfruttarne i vantaggi collocandoli all'inizio della sessione, facendoli precedere agli esercizi fondamentali (multiarticolari).

Definizione del metodo pre-esaurimento[modifica | modifica wikitesto]

Pur essendo meno popolare del pre-esaurimento in super set, il metodo pre-esaurimento condivide i punti fondamentali con la tecnica in questione. In entrambi i casi infatti l'esercizio di isolamento precede l'esercizio fondamentale col fine di "pre-affaticare" i muscoli agonisti senza affaticare alcuni dei muscoli sinergici. Tuttavia, mentre il pre-esaurimento in super set prevede l'esecuzione di un esercizio monoarticolare seguito immediatamente da un esercizio multiarticolare senza alcuna pausa che intercorre tra le serie dei rispettivi esercizi[1][2], il metodo pre-esaurimento consiste fondamentalmente nell'iniziare la sessione di allenamento con un gruppo di serie multiple usando un esercizio monoarticolare, il quale una volta terminato con tutte le serie previste viene seguito da un esercizio multiarticolare dedicato allo stesso muscolo. In altre parole, questa strategia consiste nel capovolgere la tradizionale impostazione in cui il primo esercizio è multiarticolare, mentre l'esercizio monoarticolare viene considerato secondario e svolto successivamente all'interno della sessione. L'obiettivo del metodo pre-esaurimento è quello di affaticare un gruppo muscolare escludendo l'attività di alcuni muscoli sinergici con un primo gruppo di serie multiple, prima di eseguire un altro gruppo di serie multiple in cui l'esercizio praticato riesce a reclutare altri muscoli ausiliari non affaticati che nell'esercizio precedente non erano intervenuti[3][4][5][6].

Ad esempio, nel caso si intenda applicare il metodo pre-esaurimento sul grande pettorale, l'allenamento potrebbe iniziare con qualche serie di pectoral machine (esercizio monoarticolare o di isolamento), la quale sollecita il muscolo agonista e i deltoidi anteriori escludendo i tricipiti[11]. Una volta terminate tutte le serie di pectoral machine in cui si è pre-affaticato il gran pettorale, si passa a qualche serie di distensioni su panca. Questo esercizio multiarticolare non chiama in causa solo il grande pettorale e i deltoidi anteriori, ma anche gli estensori del gomito, ovvero i tricipiti[11]. Durante le distensioni su panca, il grande pettorale sarà pre-affaticato e cederà prima dei tricipiti, che risulteranno ancora "freschi". Secondo la teoria, i muscoli sinergici che erano stati esclusi nell'esercizio di isolamento vengono portati a contribuire meno durante il successivo multiarticolare, ponendo maggiore stress sugli agonisti[4]. Ad esempio, l'esaurimento muscolare durante le distensioni su panca può facilmente portare all'esaurimento dei tricipiti. Le distensioni su panca sono un esercizio di prima scelta per stimolare il grande pettorale, per tanto la logica del metodo pre-esaurimento è quella di eseguire prima un esercizio monoarticolare come la pectoral machine per pre-affaticare il petto cosicché il cedimento muscolare durante le distensioni su panca sarà collegato all'esaurimento del petto piuttosto che a quello dei tricipiti[4].

Il metodo del pre-esaurimento può far riferimento anche ad altri metodi. Di norma, oltre al concetto di priority system, nei programmi standard viene suggerito di dare la priorità ai muscoli di grandi dimensioni, per passare solo successivamente alla stimolazione dei gruppi muscolari di piccole dimensioni[34][35], un concetto denominato da alcuni autori come principio centrifugo[36]. Anche questa impostazione tradizionale può essere capovolta. Se i muscoli di piccole dimensioni stimolati prioritariamente risultano sinergici negli esercizi successivi in cui vengono sollecitati i gruppi muscolari grandi, questa può essere una rappresentazione alternativa del metodo pre-esaurimento. Secondo i ricercatori Fleck e Kraemer (1997), questa particolare modalità consiste nel pre-affaticare i muscoli sinergici e stabilizzatori prima di svolgere l'esercizio fondamentale per il principale muscolo che si intende sollecitare. Un esempio sarebbe quello di eseguire la lat machine o la shoulder press prima della panca piana[3][4]. Effettivamente, questa forma di pre-affaticamento è stata testata in alcune ricerche[17].

Conclusioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni autori sottolineano che la strategia del pre-affaticamento muscolare sia in grado di causare un calo della forza una volta che si giunge all'esercizio multiarticolare principale, e questo solleverebbe alcuni dubbi sulla sua idoneità per sviluppare strettamente la forza nonostante la sua popolarità nell'ambito dell'ipertrofia[3][4]. A questo proposito è necessario citare una ricerca di Sforzo e Touey (1996) in cui venne testata proprio una forma di metodo pre-affaticamento. Quando gli esercizi principali (panca piana e squat) venivano svolti prima di esercizi dedicati a gruppi muscolari sinergici di inferiori dimensioni, la prestazione era significativamente migliore rispetto a quando gli esercizi minori venivano svolti prima di quelli principali in termini di forza totale[17]. Per questi motivi il pre-esaurimento può essere un metodo adatto per l'ipertrofia, ma teoricamente meno indicato per lo sviluppo della forza, dove il fine principale è quello di migliorare la prestazione. Ad ogni modo, diversi studi hanno dimostrato che anche la fatica ed i suoi metaboliti (acido lattico) possano stimolare lo sviluppo della forza[37][38]. Alcune ricerche dimostrarono inaspettatamente che le ripetizioni continue risultassero in maggiori guadagni di forza rispetto a quando veniva impostato il recupero tra le serie[39]. Quindi, l'accumulo della fatica e dei fattori metabolici potrebbe essere considerato un segnale fisiologico dell'adattamento. Tuttavia, non è stata stabilita l'eventuale correlazione diretta tra questi meccanismi e il metodo pre-esaurimento[3], mentre molte ricerche stabiliscono al contrario che l'ottimale prestazione di forza sia migliore senza pre-affaticamento[17], e lo sviluppo della forza sul lungo termine avvenga con tempi di recupero lunghi (3 o più minuti)[40][41][42], riflettendo la necessità di ridurre al minimo l'affaticamento metabolico e qualsiasi forma di pre-affaticamento che può compromettere la prestazione. Kraemer e Häkkinen (2008) suggeriscono che l'effetto dell'ordine degli esercizi in pre-esaurimento nell'incidere positivamente o negativamente sulla prestazione sia una questione solo ipotetica, anche se può essere utile per sviluppare la forza e la potenza funzionale in condizioni di pesante affaticamento in alcuni sport specifici come il wrestling o i 400 metri in stile libero[4]. Ad ogni modo, poiché la fatica penalizza lo sviluppo della forza e della potenza, è possibile che il metodo pre-esaurimento possa essere più adatto per altri obiettivi diversi dal miglioramento di queste qualità specifiche.

Esempi di metodo pre-esaurimento[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento dei quadricipiti[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento dei deltoidi[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento del gran pettorale[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento del gran dorsale[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento del tricipite brachiale[modifica | modifica wikitesto]

  • Push down 3 x 12
  • Dip alle parallele 4 x 10

Pre-esaurimento del bicipite brachiale[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento degli ischio-crurali[modifica | modifica wikitesto]

Pre-esaurimento del tricipite surale[modifica | modifica wikitesto]

Altri metodi di resistance training[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Brennecke et al. Neuromuscular activity during bench press exercise performed with and without the preexhaustion method. J Strength Cond Res. 2009 Oct;23(7):1933-40.
  2. ^ a b Simão et al. Exercise order in resistance training. Sports Med. 2012 Mar 1;42(3):251-65.
  3. ^ a b c d e f g Fleck SJ, Kraemer WJ. Designing Resistance Training Programs. Human Kinetics, 2004. pp. 79. ISBN 0736042571
  4. ^ a b c d e f g Kraemer WJ, Häkkinen K. Handbook of Sports Medicine and Science, Strength Training for Sport. John Wiley & Sons, 2008. pp. 47. ISBN 0470698209
  5. ^ a b Frank Sepe. The Truth. Hay House, Inc, 2003. pp. 114. ISBN 1401930298
  6. ^ a b Michael Berg. 101 Workouts: Build Muscle, Lose Fat & Reach Your Fitness Goals Faster. Triumph Books, 2008. p. 122. ISBN 1600780245
  7. ^ a b Kraemer, Ratamess. Endocrine Responses and Adaptations to Strength and Power Training. Strength and Power in Sport (Second Edition), 2003. PV Komi, 239-248. Oxford: Blackwell
  8. ^ Kraemer et al. Influence of resistance training volume and periodization on physiological and performance adaptations in collegiate women tennis players. Am J Sports Med. 2000 Sep-Oct;28(5):626-33.
  9. ^ Lee E. Brown. Strength Training. Human Kinetics, 2007. p. 239. ISBN 0736060596
  10. ^ Balady et al. ACSM'S Guidelines for Exercise Testing and Prescription (Sixth Edition). Lippincott Williams and Wilkins, 2000. ISBN 0781727359
  11. ^ a b c Welsch et al. Electromyographic activity of the pectoralis major and anterior deltoid muscles during three upper-body lifts. J Strength Cond Res. 2005 May;19(2):449-52.
  12. ^ a b William J Kraemer, Steven J. Fleck. Ph.D. Optimizing Strength Training: Designing Nonlinear Periodization Workouts. Human Kinetics, 2007. p. 43-44. ISBN 0736060685
  13. ^ a b c d Hansen et al. The effect of short-term strength training on human skeletal muscle: the importance of physiologically elevated hormone levels. Scand J Med Sci Sports. 2001 Dec;11(6):347-54.
  14. ^ Ballor et al. Metabolic responses during hydraulic resistance exercise. Med Sci Sports Exerc. 1987 Aug;19(4):363-7.
  15. ^ Kraemer WJ, Ratamess NA. Hormonal responses and adaptations to resistance exercise and training. Sports Med. 2005;35(4):339-61.
  16. ^ Volek et al. Testosterone and cortisol in relationship to dietary nutrients and resistance exercise. J Appl Physiol. 1997 Jan;82(1):49-54.
  17. ^ a b c d Sforzo GA, Touey PR. Manipulating exercise order affects muscular performance during a resistance exercise training session. J Strength Cond Res, 1996, 10 (1), 20-24.
  18. ^ Sale DG. Neural adaptation to resistance training. Med Sci Sports Exerc. 1988 Oct;20(5 Suppl):S135-45.
  19. ^ a b c Schoenfeld BJ. The mechanisms of muscle hypertrophy and their application to resistance training. J Strength Cond Res. 2010 Oct;24(10):2857-72.
  20. ^ Schoenfeld et al. Effects of different volume-equated resistance training loading strategies on muscular adaptations in well-trained men. J Strength Cond Res. 2014 Apr 7.
  21. ^ a b Netreba et al. Evaluation of training efficacy for improving maximal voluntary contraction without noticeable hypertrophy. Fiziol Cheloveka. 2011 Nov-Dec;37(6):89-97.
  22. ^ Gabriel et al. Neural adaptations to resistive exercise: mechanisms and recommendations for training practices. Sports Med. 2006;36(2):133-49.
  23. ^ a b Houston et al. Muscle performance, morphology and metabolic capacity during strength training and detraining: a one leg model. Eur J Appl Physiol Occup Physiol. 1983;51(1):25-35.
  24. ^ Hortobágyi et al. The effects of detraining on power athletes. Med Sci Sports Exerc. 1993 Aug;25(8):929-35.
  25. ^ Abernethy et al. Acute and chronic response of skeletal muscle to resistance exercise. Sports Med. 1994 Jan;17(1):22-38.
  26. ^ West DW, Phillips SM. Anabolic processes in human skeletal muscle: restoring the identities of growth hormone and testosterone. Phys Sportsmed. 2010 Oct;38(3):97-104.
  27. ^ West et al. Elevations in ostensibly anabolic hormones with resistance exercise enhance neither training-induced muscle hypertrophy nor strength of the elbow flexors. J Appl Physiol. 2010 Jan;108(1):60-7.
  28. ^ West DW, Phillips SM. Associations of exercise-induced hormone profiles and gains in strength and hypertrophy in a large cohort after weight training. Eur J Appl Physiol. 2012 Jul;112(7):2693-702.
  29. ^ West et al. Resistance exercise-induced increases in putative anabolic hormones do not enhance muscle protein synthesis or intracellular signalling in young men. J Physiol. 2009 Nov 1;587(Pt 21):5239-47.
  30. ^ West et al. Sex-based comparisons of myofibrillar protein synthesis after resistance exercise in the fed state. J Appl Physiol (1985). 2012 Jun;112(11):1805-13.
  31. ^ Schoenfeld BJ. Potential mechanisms for a role of metabolic stress in hypertrophic adaptations to resistance training. Sports Med. 2013 Mar;43(3):179-94.
  32. ^ James Stoppani. Encyclopedia of Muscle & Strength. Human Kinetics, 2006. p. 160. ISBN 0736057714
  33. ^ Antonio J. Nonuniform Response of Skeletal Muscle to Heavy Resistance Training: Can Bodybuilders Induce Regional Muscle Hypertrophy?. J. Strength Cond. Res. 2000. 14(1):102-113.
  34. ^ Sharkey BJ. Physiology Of Fitness. Human Kinetics Champaign. IL, 1990. ISBN 0873222679
  35. ^ Fox EL, Bowers RW, Foss ML. The Physiological Basis for Exercise and Sport. Brown & Benchmark Publishers, 1993. ISBN 0697126269
  36. ^ Antonio Paoli, Marco Neri. Principi di metodologia del fitness. Elika, 2010. pp. 155. ISBN 8895197356
  37. ^ Shinohara et al. Efficacy of tourniquet ischemia for strength training with low resistance. Eur J Appl Physiol Occup Physiol. 1998;77(1-2):189-91.
  38. ^ Smith RC, Rutherford OM. The role of metabolites in strength training. I. A comparison of eccentric and concentric contractions. Eur J Appl Physiol Occup Physiol. 1995;71(4):332-6.
  39. ^ Rooney et al. Fatigue contributes to the strength training stimulus. Med Sci Sports Exerc. 1994 Sep;26(9):1160-4.
  40. ^ Willardson JM, Burkett LN. The effect of rest interval length on bench press performance with heavy vs. light loads. J Strength Cond Res. 2006 May;20(2):396-9.
  41. ^ Willardson JM. A brief review: Factors affecting the length of the rest interval between resistance exercise sets. J Strength Cond Res. 2006 Nov;20(4):978-84.
  42. ^ de Salles et al. Rest interval between sets in strength training. Sports Med. 2009;39(9):765-77.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]