Mayer Amschel Rothschild

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mayer Amschel Rothschild

Mayer Amschel Rothschild (Francoforte sul Meno, 23 febbraio 1744Francoforte sul Meno, 19 settembre 1812) è stato un banchiere tedesco, fondatore dell'impero bancario della famiglia Rothschild che diventerà una delle famiglie imprenditoriali che ha avuto più successo nella storia. Nel 2005, è stato classificato settimo nella lista I venti uomini d'affari più influenti di tutti i tempi della rivista Forbes. La rivista si riferì a lui come il padre fondatore della finanza internazionale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di religione ebraica, nacque come Mayer Amschel Bauer nel ghetto di Francoforte sul Meno da Moses Amschel Bauer. Cambiò il suo nome a Rothschild (tedesco per scudo rosso) da Bauer (il precedente nome di famiglia), in riferimento allo scudo rosso che era il segno ufficiale della casa e così il logotipo del business familiare, una banca e un monte di pietà fondati da suo padre Moses.

Buona parte della prima fortuna di Rothschild fu costruita sulle relazioni commerciali con Guglielmo I, Langravio d'Assia-Kassel. Guglielmo aveva ereditato ciò che era stato asserito essere tra le più grandi fortune in Europa e dipese sostanzialmente da Mayer per l'amministrazione delle sue fortune, particolarmente durante e dopo l'invasione e la conquista della regione da parte di Napoleone: Guglielmo andò in esilio per alcuni anni, lasciando le sue fortune nelle mani di Mayer. Successivamente, riuscì ad accrescere il suo patrimonio importando merci ed eludendo il blocco imposto da Napoleone.

Nel 1798 il terzo figlio, Nathan Mayer Rothschild, fu inviato in Inghilterra per promuovere gli interessi della famiglia nell'importazione nel settore tessile con 20.000 sterline di capitale, creando così la prima filiale estera. Nathan fu poi naturalizzato cittadino inglese nel 1804 e quindi istituì una banca nella City di Londra. Nel 1810, Mayer sottoscrisse un formale accordo di partnership con i suoi tre figli maggiori. Il figlio minore Jacob invece fu inviato a Parigi nel 1811, per rafforzare la capacità della famiglia di operare in tutta Europa. Ciò gli permise di trarre profitto dal finanziamento degli eserciti di Wellington in Portogallo, che richiesero il prestito di grandi quantità d'oro per conto del governo britannico.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 agosto 1770 Mayer sposò Gutlé Schnapper (1753-1849). Ebbero i seguenti figli:

  1. Schönche Jeannette Rothschild (20 agosto 1771 - 1859) - sposata con Benedikt Moses Worms (1772-1824)
  2. Amschel Mayer (12 giugno 1773 - 6 dicembre 1855)
  3. Salomon Mayer (9 settembre 1774 - 28 luglio 1855) - fondatore della famiglia di banchieri Rothschild d'Austria
  4. Nathan Mayer (16 settembre 1777 - 18 luglio 1836) - fondatore della famiglia di banchieri Rothschild d'Inghilterra
  5. Isabella Rothschild (2 luglio 1781 - 1861)
  6. Babette Rothschild (29 agosto 1784 - 16 marzo 1869)
  7. Calmann (Carl) Mayer (24 aprile 1788 - 10 marzo 1855) - fondatore della famiglia di banchieri Rothschild di Napoli
  8. Julie Rothschild (1º maggio 1790 - 19 giugno 1815)
  9. Henriette ("Jette") (1791-1866) sposata con Abraham Montefiore (1788-1824)
  10. James Mayer de Rothschild (1792-1868) - fondatore della famiglia di banchieri Rothschild di Francia

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Rothschild morì a Francoforte il 19 settembre 1812, e fu sepolto al cimitero Battonnstrasse di Francoforte. Nel 1817 fu insignito del titolo nobiliare postumo da Francesco I imperatore d'Austria.

I discendenti della famiglia ebbero fortuna in tutta l'Europa grazie alle "cinque frecce" nel settore bancario: il figlio Amschel Mayer comprò una banca di Francoforte; Salomon si trasferì a Vienna; Nathan trasformò la filiale di Londra in una delle più potenti istituzioni bancarie (NM Rothschild & Sons); Calmann ("Carl") istituì una filiale a Napoli e Jacob ("James") divenne un gigante della finanza a Parigi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amos Elon, Founder: Meyer Amschel Rothschild and His Time, HarperCollins, 1996, ISBN 0-00-255706-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22937597 · LCCN: (ENn92116852 · ISNI: (EN0000 0001 1607 2162 · GND: (DE11879132X · BNF: (FRcb12571452b (data) · NLA: (EN49784526 · CERL: cnp00589022