Amschel Moses Rothschild

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amschel Moses Rothschild (17101755) è stato un mercante tedesco, considerato il capostipite della famiglia Rothschild[1].

Nacque intorno al 1710 nello Judengasse, il ghetto ebraico di Francoforte, figlio di Moses Kalman Rothschild. Nello Jugengasse gestì un piccolo negozio dove svolgeva anche l'attività di cambiavalute. Fu anche venditore di monete da collezione al Principe di Assia.[2] Secondo una dichiarazione delle tasse del 1749 il suo reddito ammontava a 1375 fiorini, una somma modesta che lo collocava nei livelli più bassi della piccola borghesia.[3]

Sposò Schönche Lechnich dalla quale ebbe otto figli, cinque dei quali raggiunsero l'età adulta: Bele, Gutelche, Moses Amschel, Mayer Amschel e Kalman Amschel.[4][5] Il più noto dei suoi figli fu sicuramente Mayer Amschel Rothschild, che continuò l'attività commerciale del padre e fu il fondatore dell'impero bancario della famiglia Rothschild.[1]

Amschel Moses Rothschild morì il 6 ottobre 1755 durante una epidemia di vaiolo scoppiata nel ghetto di Francoforte. È sepolto a Francoforte nel cimitero ebraico di Battonnstraße.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rothschild, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ Mayer Amschel Rothschild (1744-1812), family.rothschildarchive.org. URL consultato il 1 settembre 2016.
  3. ^ Amos Elon, Founder: Meyer Amschel Rothschild and His Time, Faber and Faber, 2011.
  4. ^ a b Amschel Moses Rothschild, geni.com. URL consultato il 1 settembre 2016.
  5. ^ The House of Rothschild (1744-1812), issuu.com. URL consultato il 1 settembre 2016.
Controllo di autoritàVIAF (EN100579201 · GND (DE139294716 · CERL cnp01199245