Rothschild di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stemma della famiglia Rothschild

La famiglia di banchieri Rothschild di Francia è una dinastia bancaria francese fondata nel 1812 a Parigi da James Mayer de Rothschild (1792–1868). James fu mandato lì dalla sua casa a Francoforte in Germania, da suo padre, Mayer Amschel Rothschild (1744–1812). Desideroso che i suoi figli maschi gli succedessero e ampliassero gli affari di famiglia in tutta Europa, Mayer Amschel Rothschild fece rimanere il maggiore dei suoi figli maschi a Francoforte, mentre gli altri quattro figli furono mandati in diverse città europee a fondare un istituto finanziario per investire nel business e fornire servizi bancari. L'endogamia all'interno della famiglia fu una componente essenziale della strategia dei Rothschild in modo da assicurare che il controllo della loro ricchezza rimanesse nella mani della famiglia.

Coinvolgimento nella finanza e industria[modifica | modifica wikitesto]

Declino e ascesa del potere economico[modifica | modifica wikitesto]

I Rothschild oggi[modifica | modifica wikitesto]

Coinvolgimento nella viticoltura[modifica | modifica wikitesto]

Filantropia[modifica | modifica wikitesto]

Membri della famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Fra i membri di rilievo della famiglia Rothschild in Francia si possono comprendere:

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i rami della famiglia di banchieri Rothschild sono famosi per le loro collezioni d'arte e una serie di sontuose proprietà. Tra le proprietà Rothschild in Francia c'erano:

Approfondimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corporate Seminar Chantilly: CapGemini campus mixes the historic architecture with learning & reflection, Les Fontaines. URL consultato il 21 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2014).
  2. ^ The George C. Marshall Center | Embassy of the United States Paris, France, su france.usembassy.gov, 25 agosto 1944. URL consultato il 21 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]