Mark Shanon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mark Shanon
Dati biografici
Nome di nascitaManlio Cersosimo
Data di nascita1939
Luogo di nascitaRoma Italia
NazionalitàItalia Italia
Data di morte2018
Luogo di morteManziana Italia
Dati fisici
Etniacaucasica
Pellebianca
Occhimarroni
Capellimarroni
Lunghezza del pene18 cm
Dati professionali
Film giraticirca 36

Mark Shanon (nome d'arte di Manlio Cersosimo; Roma, 1939Manziana, 11 maggio 2018[1]) è stato un attore pornografico italiano. Sporadicamente ha usato lo pseudonimo Mark Shannon.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Vincenzo Cersosimo, giudice istruttore al Processo di Verona,[2] è stato il primo porno divo italiano. Pur non disponendo di un pene di dimensioni eccezionali, è sempre stato molto apprezzato dalle sue partner per la gentilezza con cui si approcciava nel girare le scene hard.

Grazie ad un suo zio che lavorava nel cinema, iniziò a fare l'attore nei primi anni sessanta: il suo primo film fu Vino, whisky e acqua salata di Mario Amendola del 1962, nel quale interpretava la parte di un marinaio. Dopo circa 15 anni di comparsate o poco più, iniziò ad avere fama di "amatore cinematografico", secondo quanto da lui stesso raccontato, il giorno in cui durante una scena soft con l'attrice Carmen Russo ebbe un'erezione sul set[3].

Nel 1978 accettò la proposta del regista Joe D'Amato, con cui realizzerà diversi altri film, di prendere parte alla pellicola Sesso nero che viene ricordato come il primo film hardcore italiano apparso nelle sale per quello che è, cioè senza inserti realizzati a parte. Il film verrà distribuito solo due anni dopo. Dopo questa esperienza prese parte a circa una trentina di film, quasi tutti di carattere pornografico tra cui emerge, nel 1981, Valentina, ragazza in calore, che secondo alcune fonti segna l'esordio nell'hard di Moana Pozzi.

Si ritirò nel 1988. Nel periodo in cui lavorava era tanto popolare da avere alcuni locali intitolati a suo nome, ma al contrario dell'altro pornodivo, Rocco Siffredi, non guadagnava molto. Fu perciò costretto a intraprendere il mestiere di guida turistica, grazie anche alla sua capacità di parlare diverse lingue. Negli Anni Duemila è tornato alla recitazione nella parte di un portiere di uno stabile nella soap opera Incantesimo in cui, per la prima volta, lo si sente parlare con la sua voce, oltre che a presentarsi col suo vero nome.

Si è spento l'11 maggio 2018 a Manziana (Roma), a causa di un tumore.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Giusti, IL CINEMA HARD ITALIANO PERDE IL SUO PRIMO E MITICO STALLONE, MARK SHANON, dagospia.com, 28 giugno 2018
  2. ^ Franco Grattarola e Andrea Napoli, Luce Rossa. La nascita e le prime fasi del cinema pornografico in Italia, Roma, Iacobelli Editore, 2014, p. 218, ISBN 978-88-6252-213-7.
  3. ^ Franco Grattarola, Andrea Napoli, Luce Rossa. La nascita e le prime fasi del cinema pornografico in Italia, Iacobelli Editore, 2014, ISBN 8862522134

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169293061