Mario Rossello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabbiano su onda di mare
(Fondazione Cariplo)

Mario Rossello (Savona, 8 dicembre 1927Milano, 14 dicembre 2000) è stato un ceramista, pittore e scultore italiano di fama internazionale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Savona nel 1927 si forma come ceramista ad Albisola Superiore dove assorbe una tradizione antica di artigianato ed espressione artistica che trovano sintesi ed unità nella materia dipinta e cotta.

Dopo un inizio figurativo post cubista si avvicina alla pittura astratta, nei primi anni '50 frequenta Milano e i suoi artisti. Partecipa nel 1957 alla mostra presso la Galleria San Fedele di Milano "ARTE NUCLEARE" insieme a Baj, Bemporad, Bertini, Dangelo, Yves Klein, Piero Manzoni, Arnaldo Pomodoro, Gio Pomodoro, Sordini, Verga, Jorn e Vandercam.

La prima mostra personale è del 1954 alla galleria Sant'Andrea di Savona, in quello stesso anno ad Albissola si celebrano gli Incontri internazionali della Ceramica che rendono la città ligure il centro europeo dell'arte contemporanea. La sua pittura continua a mantenere forti richiami "nucleari" e sul finire degli anni '60 prende una strada più astrattista per poi approdare alla serie dei robot, e sul finire degli anni '70 l'opera che lo ha più caratterizzato, gli Alberi. Intorno al 1960 mette su casa anche a Milano, senza abbandonare la sua Albisola, e partecipa da protagonista al vivace dibattito in corso nella città lombarda, legando il suo nome alla corrente Nuova figurazione.
È degli anni settanta il suo non lungo soggiorno parigino, che lo porta a vivere ancora intensi e significativi scambi culturali. Continuerà a lavorare dividendosi tra Albissola e Milano fino alla sua morte.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvia Bottaro, "La pittura e l'iconografia di un artista ligure: Mario Rossello", in “Liguria, anno 55, n. 4, aprile 1988
  • Simona Poggi "Mario Rossello il percorso nella ceramica. Alberi", Pinacoteca Civica di Savona, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN102316345 · ISNI (EN0000 0000 9107 5390 · SBN IT\ICCU\LO1V\035693 · ULAN (EN500063857