Mario Grecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monumento a Mario Grecchi, Cimitero Civico Monumentale di Perugia

Mario Grecchi (Milano, 24 febbraio 1926Perugia, 17 marzo 1944) è stato un partigiano italiano, allievo del Collegio Militare di Milano (oggi denominato Scuola militare "Teulié"), medaglia d'oro della Resistenza.

Targa commemorativa a Perugia
Targa commemorativa a Perugia

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanissimo scese dalla Lombardia fino sugli appennini per combattere a favore degli ideali partigiani contro il nazifascismo, all'alba del dopo 8 settembre. Date le sue capacità venne eletto comandante di una brigata di liberazione, chiamata Brigata leoni, non solo per le doti di coraggio dei componenti, ma anche e soprattutto visto il campo in cui questa formazione operava, trattandosi di Bettona, Deruta, Collemancio, e Castelleone appunto da cui il nome della squadra.

Cippo commemorativo alla Brigata "Leoni", sul monte dei Cinque Cerri, nei pressi di Castelleone di Deruta (PG).

Al culmine di un'operazione cruenta e sanguinosa, fu catturato da un battaglione tedesco, uccise un comandante che gli intimava di arrendersi e fu condannato a morte per fucilazione. Fu costretto a subire delle trasfusioni di sangue per restare in vita fino all'indomani mattina, quando venne portato al poligono di tiro di Perugia e fucilato con buona parte dei componenti la sua brigata.

La toponomastica umbra ha degnamente celebrato il suo coraggio ricordandolo in ogni suo paese, il municipio di Deruta, comune più grande teatro delle sue azioni, è a lui dedicato, dal 2003 quando venne celebrato da rappresentanti dell'allora governo.

A Mario Grecchi nel 2012 è stato intitolato il 17º corso della Scuola Militare Teuliè di Milano[1].

Il 9 novembre 2016 il sindaco di Perugia ha partecipato alla cerimonia con cui è stata esposta al pubblico, all’ingresso dell’ospedale Santa Maria della Misericordia, la lapide in onore del partigiano Mario Grecchi. Con lui autorità civili e militari con i rappresentanti della famiglia Grecchi, giunti a Perugia per l’occasione.

Il 10 novembre 2016 a Perugia nell’ambito delle celebrazioni del giorno dell’unità nazionale e della giornata delle forze armate, presso la sede dell’Istituto Comprensivo 6 di Istruzione Secondaria di primo grado “Mario Grecchi” di Castel del Piano, il Comandante della Scuola lingue estere dell’Esercito (SLEE), ha consegnato la bandiera nazionale al dirigente scolastico.

La scuola è intitolata alla medaglia d’oro al Valor Militare alla Memoria Mario Grecchi, già Allievo della Scuola Militare di Milano.

La cerimonia si è poi conclusa con un approfondimento informativo sulla Scuola Militare Teuliè, tenuta da allievi del 19º e 20º corso giunti dall’istituto di formazione militare di Milano, che attualmente si configura come “college” statale d’élite, nel quale sono attivati i trienni del liceo classico e del liceo scientifico.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Giovanissimo e ardito vice comandante di una banda di partigiani operante nella zona dei monti Bettona, Deruta, Collemancio, fu sempre di esempio nel condurre i suoi uomini nelle azioni più rischiose. Accerchiata la zona ad opera di una Divisione tedesca si offriva volontario con sei uomini per tenere una posizione chiave e dar tempo al resto della banda di mettersi in salvo. Sosteneva il combattimento contro un battaglione tedesco, riuscendo senza alcuna arma automatica a tenere la posizione dalle 9 del mattino alle 17 del pomeriggio. Ferito gravemente da 12 pallottole, veniva catturato. All’ufficiale tedesco che gli intimava la resa, rispondeva con un colpo di pistola uccidendolo. Moribondo gli veniva fatta una trasfusione di sangue per farlo vivere fino al mattino e fucilarlo. Affrontava serenamente il plotone di esecuzione e, dopo aver rifiutato la benda, cadeva al grido: « Viva l’Italia »[2]
— Deruta (Perugia), 6 marzo 1944; Perugia, 17 marzo 1944

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esercito Italiano- GIURANO GLI ALLIEVI DELLA “TEULIÈ” Archiviato il 27 marzo 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Sito del Quirinale, su quirinale.it. URL consultato il 28-01-2009.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie