Marina Salamon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marina Salamon al Festival dell'Economia di Trento.
Marina Salamon con il giornalista Gianni Riotta, nel 2007

Marina Salamon (Tradate, 3 settembre 1958) è un'imprenditrice, dirigente d'azienda e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A soli diciassette anni la Salamon diviene la compagna dell'imprenditore Luciano Benetton e i due restano insieme fino al 1993. Verso la fine della loro relazione nasce il figlio Brando, che viene riconosciuto ufficialmente dal padre, ma che cresce con la madre e con il suo nuovo compagno Marco Benatti[1], un manager pubblicitario che la Salamon sposa nel 1998[2] e con cui ha tre figli; per qualche anno ha anche in affido temporaneo due ragazze adolescenti.

È laureata in storia all'Università Ca' Foscari di Venezia[3].

A ventitré anni[4], anche grazie al sostegno economico del compagno Luciano Benetton, la Salamon fonda la società Altana, specializzata nella produzione di capi d'abbigliamento[5]. Da presidente e azionista di maggioranza dell'azienda, fa crescere Altana rilevando altre società, fino a renderla nota a livello europeo. La società assume la gestione di vari marchi, tra cui Moschino, Liu Jo, Jeckerson[6] e, per diversi anni, Moncler.

Proprietaria e amministratrice unica della holding Alchimia, nel 1992 la Salamon acquista dagli eredi del fondatore Pierpaolo Luzzatto Fegiz il controllo della Doxa (società di cui da molti anni era presidente e amministratore delegato suo padre Ennio Salamon), arrivando a detenere il 90% delle quote azionarie[7][8]. Nel 2006 assume la carica di consigliere delegato di Doxa e nel 2012 anche quella di presidente, dopo averne allontanato il padre Ennio[9]. Nel 2006, insieme ad Emma Marcegaglia, fonda la società Arendi, che si occupa di produrre impianti fotovoltaici[7]; la società ha poi chiuso [10]

Molte sono state le esperienze di Marina Salamon in politica. Da sempre vicina alle posizioni di Comunione e Liberazione[11], si è mossa più volte tra centro-destra e centro-sinistra. Nel 1994 si candida nelle liste di Alleanza Democratica, che poi lascia[12]; nello stesso anno entra nella giunta del Comune di Venezia come portavoce del sindaco Massimo Cacciari, ma questi la rimuove dall'incarico dopo qualche mese[13]. In seguito è promotrice della lista Fare di Oscar Giannino[14]. La Salamon è stata per oltre dieci anni consigliere internazionale del WWF con delega per la gestione del patrimonio, del personale, della finanza, e per l'elaborazione del budget[8].

Nel 2013 pubblica per Mondadori il libro Dai vita ai tuoi sogni[15].

Per il suo lavoro di imprenditrice e manager, la Salamon riceve nel 1992 il Premio Marisa Bellisario[16].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Io donna e madre: donne celebri si raccontano, Edizioni Paoline. URL consultato il 2 settembre 2014.
  2. ^ Matrimonio senza vip per Marina Salamon, Corriere della Sera. URL consultato il 2 settembre 2014.
  3. ^ Marina Salamon: "Osa, esci dalla paura!", The Huffington Post. URL consultato il 2 settembre 2014.
  4. ^ Marina Salomon fra quote rosa e Medjugorje, Avvenire. URL consultato il 2 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2014).
  5. ^ MARINA UNA MINIERA PER RE SALAMON, la Repubblica. URL consultato il 2 settembre 2014.
  6. ^ Marina Salamon, Il Sole 24 ORE. URL consultato il 2 settembre 2014.
  7. ^ a b Marina Salamon, runu.it. URL consultato il 2 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2014).
  8. ^ a b SALAMON Marina, Corriere della Sera. URL consultato il 2 settembre 2014.
  9. ^ L’impresa e la cooperazione, su world-friends.it. URL consultato il 24 novembre 2014.
  10. ^ Orlando Mastrillo, I cinesi e i costi della ricerca: svanisce il sogno "green" di Marcegaglia, su www3.varesenews.it.
  11. ^ Ferruccio Pinotti, C'È QUALCHE CREPA NEL POTERE DI CL, su dagospia.com. URL consultato il 24 novembre 2014.
  12. ^ La Salamon lascia AD: "basta con il vecchio", Corriere della Sera. URL consultato il 24 novembre 2014.
  13. ^ Cacciari "licenzia" la Salamon: sei saccente, Corriere della Sera. URL consultato il 24 novembre 2014.
  14. ^ Marina Salamon con Oscar Giannino, su tribunatreviso.gelocal.it. URL consultato il 24 novembre 2014.
  15. ^ Marina Salamon, Arnoldo Mondadori Editore. URL consultato il 2 settembre 2014.
  16. ^ Elenco premiate 1992 dal sito della Fondazione Bellisario, Fondazione Bellisario. URL consultato il 2 settembre 2014.