Mari Okada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mari Okada all'Anime Festival Asia 2011

Mari Okada (岡田 麿里 Okada Mari?; Chichibu, 1976) è una sceneggiatrice, regista e fumettista giapponese. Autrice prolifica, è nota per il suo lavoro di scrittura nelle serie animate Black Butler, Ano hana e il lungometraggio Kokoro ga sakebitagatterun da. Nel 2011 ha vinto l'Animation Kobe Award, nella categoria individuale, per la sceneggiatura di Ano hana[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mari Okada è cresciuta a Chichibu, una cittadina rurale che compare anche nelle sue opere come ambientazione delle serie Ano hana e Kokoro ga sakebitagatterun da. Da bambina, essendo vittima di bullismo, cominciò a evitare la scuola per rifugiarsi a casa, diventando in seguito una hikikomori. Grazie al suo talento per la scrittura e al supporto di un insegnante, riuscì comunque a diplomarsi alle scuole superiori e a trasferirsi a Tokyo per frequentare la Amusement Media School, dove si dedicò allo studio della sceneggiatura per videogiochi[2].

Nel 1996 cominciò a lavorare come sceneggiatrice per manga, videogiochi e audio drama. Nel 1998 venne scelta dal regista Tetsurō Amino per scrivere sei episodi della serie animata DT Eightron (DTエイトロン?), esperienza che determinò la svolta della sua carriera verso la sceneggiatura per gli anime. Lo stesso anno, la Okada propose un soggetto per un suo primo film animato originale, basato sulle sue esperienze da bambina. Il progetto non venne approvato ma la Okada avrebbe poi utilizzato degli elementi di quella storia in alcuni dei suoi lavori successivi[3].

Negli anni, la sua reputazione nel settore degli anime è cresciuta considerevolmente grazie al suo contributo nella sceneggiatura di numerose serie di successo e, nel 2018, ha esordito anche alla regia con il lungometraggio animato Sayonara no asa ni yakusoku no hana o kazarō (さよならの朝に約束の花をかざろう?), che è stato accolto positivamente dalla critica[4] e si è aggiudicato il premio come miglior film animato al quarantaduesimo Shanghai International Film Festival[5].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Serie[modifica | modifica wikitesto]

OAV[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ANIME NEWS: Mari Okada wins Kobe Animation Award, Asahi Shimbun, 6 ottobre 2011. URL consultato il 13 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2014).
  2. ^ a b (EN) Tara Brady, Mari Okada: from teenage recluse to anime superstar, su The Irish Times. URL consultato il 23 maggio 2020.
  3. ^ (EN) Mari Okada e Kris Swanson, From Truant to Anime screenwriter : my path to "Anohana" and "The Anthem of the heart", ISBN 978-1-7183-0160-3, OCLC 1109935108. URL consultato il 25 maggio 2020.
  4. ^ Maquia: When the Promised Flower Blooms. URL consultato il 23 maggio 2020.
  5. ^ Winners of the 21st SIFF Golden Goblet Awards, su www.siff.com. URL consultato il 25 maggio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2268884 · ISNI (EN0000 0000 5396 4779 · LCCN (ENno2008016886 · GND (DE1161222782 · NDL (ENJA01116289 · WorldCat Identities (ENlccn-no2008016886