Marco Lombardo Radice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«In queste istituzioni si tocca con mano l'esistenza di una microfisica del potere e di una scala dell'oppressione in cui, ad esempio, l'infermiere sfruttato e oppresso in un'ottica di classe può porsi, a sua volta, come oppressore sull'anello più basso della catena: il paziente.»

(Marco Lombardo Radice, da Il raccoglitore nella segale)

Marco Lombardo Radice (Roma, 15 aprile 1949Pieve di Cadore, 16 luglio 1989[1]) è stato un medico, scrittore, educatore e attivista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del matematico Lucio Lombardo Radice e della virologa Adele Maria Jemolo, si diplomò presso il Liceo Classico "Terenzio Mamiani" di Roma.

Conseguì la laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e si specializzò, in seguito, in Neuropsichiatria Infantile. Fu chiamato giovanissimo a dirigere il II Reparto dell'Istituto Neuropsichiatrico di Via dei Sabelli, quello riservato agli adolescenti. Qui, anche in conflitto con i propri colleghi, compì una vera "rivoluzione", aprendo le porte del reparto, organizzando uscite dei giovani pazienti e richiedendo il coinvolgimento pieno di tutti gli operatori, infermieri compresi[2]. Tutto ciò, in ossequio alla propria tesi che, in età giovanile, i conflitti, spesso legati a difficili situazioni sociali, possono essere risolti positivamente.

Nel 1976, con Lidia Ravera, con lo pseudonimo di Rocco e Antonia, pubblicò Porci con le ali, un'istantanea dell'atmosfera post-sessantottina, filtrata dagli occhi di due sedicenni alle prese con l'amore, la sessualità, la politica come un universo totalizzante, e la difficile costruzione della propria identità. Il libro, ambientato al liceo Mamiani[3], fu pubblicato dalla casa editrice Savelli e fece grande scandalo. Ebbe, però, grande successo editoriale, vendendo circa 450.000 copie prima del suo temporaneo sequestro da parte della procura di Roma[4] e circa due milioni e mezzo in trent'anni[5].

Marco Lombardo Radice lasciò in seguito l'Italia per esercitare all'estero la professione di medico, «per dimostrare la sua lontananza dal fracasso», a quanto dice Lidia Ravera[senza fonte].

Dopo la sua prematura scomparsa per infarto nel luglio del 1989[1], alcuni suoi articoli e saggi in cui descriveva il senso profondo del suo lavoro di medico, già pubblicati dalla stampa periodica della sinistra extraparlamentare (Lotta continua e Ombre rosse), furono raccolti dalla casa editrice Linea d'ombra Edizioni, con il titolo "Una concretissima utopia". Il libro ha ispirato il film di Francesca Archibugi Il grande cocomero[2]. Dal film è assente il carattere politico delle convinzioni che sostenevano la sua attività.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Rocco e Antonia (pseudonimi di Marco Lombardo Radice e Lidia Ravera), Porci con le ali: diario sessuo-politico di due adolescenti, Savelli, Roma, 1976
  • Marco Lombardo Radice, Cucillo se ne va: viaggio per parole e immagini nel paese dell'ultima rivolta, Savelli, Roma, 1978
  • Marco Lombardo Radice, Vezio Ruggeri e Riccardo Venturini, Sistema neurovegetativo e personalità, Bulzoni, Roma, 1979
  • Marco Lombardo Radice, Una concretissima utopia: lavoro psichiatrico e politica, Linea d'ombra, Milano, 1991 ISBN 88-090-0670-4
  • Marco Lombardo Radice e Luigi Manconi, Lavoro ai fianchi: alcuni giorni nella vita del commissario Luigi Longo, Il Maestrale, Nuoro, 2010 ISBN 9788864290058

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La Repubblica, Da porci con le ali all'impegno per i ragazzi malati, 18 luglio 1989
  2. ^ a b Giuseppe Cederna, Il grande viaggio, Feltrinelli, Milano, 2004, pag. 256
  3. ^ Cfr. pagg. 42 e succ.ve
  4. ^ Venne il 1976 e i porci misero le ali
  5. ^ Lidia Ravera » Biografia Archiviato il 15 novembre 2010 in Internet Archive.
Controllo di autoritàVIAF (EN69051274 · ISNI (EN0000 0004 4457 6466 · SBN IT\ICCU\CFIV\026296 · LCCN (ENn80081728 · GND (DE119439417 · BNF (FRcb126354906 (data) · NLA (EN35906652