Manbij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manbij
città
(AR) منبج
(KU) Minbic
Manbij – Veduta
Localizzazione
StatoSiria Siria
GovernatoratoAleppo
DistrettoManbij
SottodistrettoManbij
Territorio
Coordinate36°32′N 37°57′E / 36.533333°N 37.95°E36.533333; 37.95 (Manbij)Coordinate: 36°32′N 37°57′E / 36.533333°N 37.95°E36.533333; 37.95 (Manbij)
Altitudine465 m s.l.m.
Abitanti188 160
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Siria
Manbij
Manbij

Manbij (in arabo: منبج‎, in curdo: Minbic) è una città nel nord-est del Governatorato di Aleppo nel nord della Siria, a 30 chilometri a ovest dell'Eufrate. Nel censimento del 2004 del Ufficio centrale di statistica della Siria, Manbij aveva una popolazione di quasi 100.000 abitanti.[1] La popolazione di Manbij è in gran parte araba,[2] con minoranze curde, circasse e cecene. Molti dei suoi abitanti praticano il sufismo naqshbandi.[3] Nel corso della guerra civile siriana, la città è stata catturata per la prima volta dai ribelli nel 2012, successivamente invasa dallo Stato islamico (ISIS) nel 2014 e infine catturata dalle Forze Democratiche Siriane nel 2016. Dal 2018, su accordo con le FDS, l'esercito siriano si è schierato alla periferia della città come cuscinetto tra l'occupazione turca della Siria settentrionale e il Cantone Shahba controllato dal Rojava.

Manbij è il centro amministrativo di Nahiya Manbij e del Distretto di Manbij

Le rovine dell'antica città di "Ierapoli Bambice", noto anche come "Hierapolis Eufratensis" o "Hierapolis in Euphratesia", si trovano a 20 chilometri a nord, dove sono ancora visibili resti di acquedotti e mura bizantine di Giustiniano.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La prima registrazione del nome della città è l'arameo Mnbg, che significa sito di primavera.[4] Per gli assiri era noto come Nappigu (Nanpigi).[5] Il luogo appare in greco come Bambyce e Plinio (v. 23) ci dice che il suo nome siriaco era Mabog (anche Mabbog o Mabbogh). Come centro del culto della dea siriana Atargatis, divenne noto ai Greci come Ἱερόπολις (Hierópolis) "città del santuario", e infine come Ἱεράπολις (Hierápolis), "città santa".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ierapoli Bambice.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Manbij è servita da due autostrade principali, la M4 e la 216.

Non c'è un aeroporto vicino a Manbij, il più vicino è ad Aleppo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Asia Portale Asia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Asia
Controllo di autoritàVIAF (EN234356347 · GND (DE4805958-4 · WorldCat Identities (EN234356347