Magno Felice Ennodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il politico romano, vedi Ennodio Messala.
Sant'Ennodio di Pavia

Vescovo

Nascita Arles, 473 o 474
Morte Pavia, 17 luglio 521
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 17 luglio
Magno Felice Ennodio
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Pavia dal 514 alla morte
Nato Arles, 473 o 474
Deceduto Pavia, 17 luglio 521
« I discorsi che tu scrivi sono belli ma io li preferisco vigorosi; sono coronati di fiori, ma io amo i frutti. »
(Magno Felice Ennodio Lettere,A Giovanni 1,10)

Magno Felice Ennodio (latino: Magnus Felix Ennodius; Arles, 473/474Pavia, 17 luglio 521) è stato vescovo di Pavia, scrittore latino ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in Gallia, probabilmente ad Arelate (Arles), da una famiglia dell'aristocrazia senatoria. Rimasto orfano in tenera età, fu cresciuto da una zia a Pavia. Chierico, poi diacono a Milano ed infine, forse già nel 513, vescovo a Pavia, fu tra i sostenitori di papa Simmaco nell'ambito dello scisma laurenziano e poi legato di papa Ormisda in Oriente. Guidò varie spedizioni diplomatiche a Costantinopoli per trattare la riunificazione con la chiesa greca.

Fu tra i massimi sostenitori e "ideologi" del sovrano ostrogoto Teoderico il Grande, in particolare con la Vita di Epifanio di Pavia e il panegirico dedicato proprio al re[1][2].

Oltre a queste due opere, di lui si conservano 297 lettere, la Vita di Antonio di Lerino, un libello in difesa di papa Simmaco, Dictiones in prosa e in versi, inni religiosi, un epitalamio, carmi di argomento e metro vario, epigrammi ed altre di vario genere. In un epigramma intitolato De stomachio eburneo cita l'antico gioco stomachion che assomiglia al cuore delle donne, entrambi possono assumere molteplici forme.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marc Reydellet, La royauté dans la littérature latine de Sidoine Apollinaire à Isidore de Séville, École française de Rome, Roma 1981, pp. 141-182 (= cap. IV: Ennode de Pavie et la royauté nationale).
  2. ^ Simona Rota, Introduzione, in Magno Felice Ennodio, Panegirico del clementissimo re Teoderico, Herder, Roma 2002, pp. 11-132.
  3. ^ http://www.antoniorandazzo.it/STOMACHION%20ARCHIMEDE/Morelli2009.pdf

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Bianca-Jeanette Schröder, Bildung und Briefe im 6. Jahrhundert. Studien zum Mailänder Diakon Magnus Felix Ennodius, Berlin-New York 2007.
  • (ES) Magno Félix Ennodio, Obra miscelánea. Declamaciones. Introducción, traducción y notas de Agustín López Kindler, Madrid 2007.
  • (FR) Ennode de Pavie, Lettres, tome I: livres I et II, texte établi, traduit et commenté par Stéphane Gioanni, Paris 2006 (CUF); Lettres, tome 2: livres III et IV, texte établi, traduit et commenté par Stéphane Gioanni, Paris, Les Belles Lettres, 2010 (CUF).
  • Fabio Gasti (a cura di), Atti della terza Giornata Ennodiana (Pavia, 10-11 novembre 2004), Pisa 2006.
  • Mario De Lucia, Claudiano, le aquile e la prova del sole in Ennodio, carm. 2, 150 = 451 Vogel, in Invigilata Lucernis 28, 2006, 43-59.
  • Daniele Di Rienzo, Gli epigrammi di Magno Felice Ennodio, Napoli 2005.
  • Gianluca Vandone, Appunti su una poetica tardoantica. Ennodio carm. 1, 7-8 = 26-27 V, Pavia 2004.
  • Edoardo D'Angelo (a cura di), Atti della seconda Giornata Ennodiana , Napoli 2003.
  • Simona Rota (a cura di), Magno Felice Ennodio. Panegirico del clementissimo re Teoderico (opusc. 1), Roma 2002.
  • Fabio Gasti (a cura di), Atti della prima Giornata Ennodiana (Pavia, 30-31 marzo 2000), Pisa 2002.
  • Maria Cesa, Ennodio. Vita del beatissimo Epifanio vescovo della chiesa pavese, Como 1988.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Pavia Successore BishopCoA PioM.svg
San Massimo
499-514
514-521 Crispino II
521-541
Controllo di autorità VIAF: (EN54156687 · LCCN: (ENn86138079 · ISNI: (EN0000 0001 2280 0509 · GND: (DE118682113 · BNF: (FRcb11988094m (data) · CERL: cnp00974232