MAS 96

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MAS 96
MAS 96 2.jpg
Il MAS 96, esposto nel Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera, visto da poppa e da prua.
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo motosilurante
Classe Motoscafo armato silurante
Cantiere Cantiere navale fratelli Orlando
Entrata in servizio 1916
Destino finale nave museo
Caratteristiche generali
Stazza lorda 12 tsl
Lunghezza 16,15 m
Armamento
Siluri 2
Altro

Cultura Navale.it[1]

voci di navi presenti su Wikipedia

Il MAS 96 è attualmente una nave museo al Vittoriale degli italiani a Gardone Riviera.

Fondamentalmente si tratta di un motoscafo di tipo Orlando da 12 tonnellate di dislocamento, una serie che comprese i MAS dal 91 al 102, in legno con carena a spigolo e 27 nodi circa di velocità di punta[1]; avevano una decina di uomini di equipaggio e armamento costituito generalmente da 2 siluri e alcune bombe di profondità, oltre a una mitragliatrice o a un cannoncino.

Questa unità partecipò, con a bordo l'allora capitano di fregata Costanzo Ciano, il comandante Luigi Rizzo e il poeta Gabriele D'Annunzio, alla Beffa di Buccari insieme con i MAS 94 e 95[1].

Un'altra immagine del MAS 96 esposto al Vittoriale.

Oltre a questa è presente un'altra MAS molto simile (ma non uguale) risalente al primo conflitto mondiale: il MAS 15 esposto al Sacrario delle bandiere al Vittoriano di Roma.

Oltre a queste due altri MAS sono conservate: la MAS 472 a Marina di Ravenna e il MAS 473 al museo storico navale di Venezia assieme alla motozattera MZ 737 e al sottomarino Enrico Dandolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c MAS 96, su Gruppo di Cultura Navale, http://www.culturanavale.it/. URL consultato il 29 settembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]