Lycoris radiata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lycoris radiata
Red Spider Lily----Lycoris radiata.jpg
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Lycoris
Specie L. radiata
Nomenclatura binomiale
Lycoris radiata
(L'Hér.) Herb.
Nomi comuni

Giglio del ragno rosso, giglio magico rosso, fiore dell'equinozio, giglio uragano e giglio della resurrezione

Lycoris radiata (L'Hér.) Herb. è una pianta bulbosa della famiglia delle Amarillidaceae.[1][2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La pianta è originaria della Cina, della Corea e del Nepal, è stata introdotta in seguito in Giappone e da lì negli Stati Uniti e altrove; è considerata naturalizzata nelle isole Seychelles e nelle Ryukyu.

Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare di Papilio xuthus posato sul fiore

In inglese questa pianta è nota con diversi nomi, fra cui "giglio del ragno rosso", "giglio magico rosso" o "fiore dell'equinozio". Altri nomi, come "giglio uragano" o "giglio della resurrezione", fanno riferimento alla sua caratteristica di fiorire in risposta a forti piogge; questi possono essere usati per il genere Lycoris nel suo complesso [3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fiori di Lycoris radiata sulle rive del fiume Tsuya presso Kaizu (prefettura di Gifu, Giappone)

Lycoris radiata è una pianta perenne bulbosa. Normalmente fiorisce prima che le foglie appaiano completamente sugli steli, alti 30-70 centimetri. Le foglie sono radicali, larghe da 0,5 a 1 centimetro di larghezza con una striscia centrale più chiara. I fiori rossi sono disposti in ombrelle. I singoli fiori sono irregolari, con segmenti stretti che si piegano all'indietro e lunghi stami sporgenti[4].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Quella che si crede sia la forma originale di Lycoris radiata, chiamata L. radiata var. pumila, è presente solo in Cina. È un diploide, con 11 paia di cromosomi (2 N = 22), ed è in grado di riprodursi per seme. Le forme triploide, con 33 cromosomi, sono conosciute come L. radiata var. radiata. Sono diffusi in Cina e anche in Giappone, dove, in seguito, la specie è stata introdotta in America e altrove. Le forme triploidi sono sterili, e si riproducono solo vegetativamente, tramite il/i bulbo/i. I triploidi giapponesi sono geneticamente uniformi. È stato detto che siano stati introdotti in Giappone dalla Cina insieme alla coltivazione del riso[5].

Nelle analisi filogenetiche basate sui geni del cloroplasto , Hori et al. ha scoperto che tutte le altre specie di Lycoris che hanno esaminato erano annidate all'interno di Lycoris radiata . Suggeriscono che la "specie" di Lycoris attualmente riconosciuta potrebbe non essere distinta[5].

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

La pianta fu introdotta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1854 quando furono aperti i porti giapponesi per il commercio . Il capitano William Roberts, che amava la botanica, riportò solo tre bulbi del giglio rosso. I bulbi sono stati poi piantati da sua nipote che ha scoperto che non fioriscono fino a dopo la prima pioggia della stagione autunnale[6]. Da allora le piante sono state naturalizzate in North Carolina , in Texas e in molti altri stati meridionali degli Stati Uniti[6]. Poiché le forme giapponesi sono triploidi sterili, le piante introdotte erano anche sterili e si riproducono solo per divisione del bulbo[7]. Lycoris radiata non è resistente al gelo e quindi può essere coltivato solo sotto vetro o in una posizione molto riparata in paesi come l'Inghilterra che sono soggetti al gelo. [5] I bulbi possono essere conservate in un ambiente asciutto tra i 7 e i 13 °C. Dovrebbero essere piantati in primavera in pieno sole in un terreno ben drenato (ad esempio sabbioso con un po' di argilla), profondo 20 cm, con 15–30 cm di distanza tra ogni bulbo , e lasciato indisturbato. Le piante fioriranno a fine estate o all'inizio dell'autunno, con steli alti circa 61–71 cm. Le foglie seguono i fiori, rimangono durante l'inverno e scompaiono all'inizio dell'estate[8][9]. I fiori sbiadiscono nel corso di una settimana da un brillante rosso fluorescente a un rosa intenso[10].

Usi e leggende[modifica | modifica wikitesto]

Distesa di fiori sull'altopiano di Kinchakuda (Hidaka, prefettura di Saitama, Giappone)

I bulbi di Lycoris radiata sono molto velenosi. Questi sono principalmente usati in Giappone, e sono usati principalmente per tenere lontani parassiti e topi. Ecco perché la maggior parte di loro ora cresce vicino ai fiumi[7]. In Giappone il giglio rosso segna lo shūbun, l'arrivo dell'autunno. Molti buddisti lo usano per celebrare l'arrivo dell'autunno con una cerimonia alla tomba di uno dei loro parenti. Li piantano sulle tombe perché mostrano un tributo ai morti. La gente crede che, dal momento che il giglio rosso è per lo più associato alla morte, non si dovrebbe mai dare un mazzo di questi fiori. Poiché questi fiori scarlatti di solito fioriscono vicino ai cimiteri, attorno all'equinozio d'autunno, sono descritti nelle traduzioni cinesi e giapponesi del Sutra del Loto come fiori infestanti che crescono in Diyu (l'inferno), o Huángquán (cinese semplificato : 黄泉; Cinese tradizionale :黃泉) e guida i morti fino alla loro prossima reincarnazione.

Alcune leggende dicono che quando si vede qualcuno che si potrebbe non rivedere mai più, questi fiori fioriranno lungo il sentiero. Forse a causa di queste leggende tristi, i giapponesi usavano spesso questi fiori nei funerali. Il popolare nome giapponese Higanbana (彼岸花, Higan bana) per Lycoris radiata significa letteralmente higan (l'altra o quella sponda del fiume Sanzu). Fiore decorativo e piacevole, fiore dell'aldilà in gokuraku jyōdo (極 楽 浄土 , gokuraku jyōdo).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lycoris radiata, su theplantlist.org.
  2. ^ P.F. Stevens, Angiosperm Phylogeny Website: Asparagales: Amaryllidoideae.
  3. ^ Gary W. Knox, Hurricane Lilies, Lycoris Species, in Florida, Environmental Horticulture Department, Florida Cooperative Extension Service, Institute of Food and Agricultural Sciences, University of Florida, 2011. URL consultato il 12 aprile 2012.
  4. ^ Brian Mathew, The Larger Bulbs, London, B.T. Batsford (in association with the Royal Horticultural Society), 1978, ISBN 978-0-7134-1246-8.
  5. ^ a b TA Hori, A Hayashi, T Sasanuma e S Kurita, Genetic variations in the chloroplast genome and phylogenetic clustering of Lycoris species, in Genes Genet. Syst., vol. 81, n. 4, 2006, pp. 243–253, DOI:10.1266/ggs.81.243, PMID 17038796.
  6. ^ a b Red Spider Lily, The Southern Bulb Company. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2011).
  7. ^ a b Brian Chandler, Higabana – red spider lily, 1999-2002. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2011).
  8. ^ Erv Evans e A.A. De Hertough, Lycoris radiata; Spider lily, Naked lily, Red spider lily, NC State University. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2011).
  9. ^ Gerald Klingaman, Plant of the Week : Red Spiderlily, University of Arkansas Division of Agriculture, Cooperative Extension Services, 2000. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2011).
  10. ^ Mariano Cheli, Lycoris: Consigli, Coltivazione e Cura, su L'eden di Fiori e Piante, 5 febbraio 2019. URL consultato il 7 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica