Luigi Nono (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Nono nel 1899

Luigi Nono (Fusina, 8 dicembre 1850Venezia, 17 ottobre 1918) è stato un pittore italiano, esponente della scuola veneziana dell'Ottocento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta delle patate, 1877 (Fondazione Cariplo)

Fratello dello scultore Urbano, nacque a Fusina (oggi in comune di Venezia, allora località di Mira) da Francesco Luigi, impiegato alla dogana di origini bergamasche, e dalla sua seconda moglie Rosa Della Savia, nativa del Friuli. L'anno successivola famiglia si trasferì a Sacile, dove Luigi trascorse l'infanzia.

Iniziò gli studi tecnici a Treviso ma nel 1865 il padre, avendo notato la sua precoce attitudine al disegno, lo iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove studia sotto la guida di Pompeo Marino Molmenti. All'età di venti anni ritornò nella campagna friulana di Polcenigo, dove iniziò a perfezionare il suo stile di pittura paesaggistica dipingendo Sull'Avemaria, Le Sorgenti del Gorgazzo, Ritorno dai campi e Verso sera. In seguito ritorna alla pittura di genere con soggetti della vita quotidiana, che risultarono poi la sua pittura più influente. Mentre il suo contemporaneo Giacomo Favretto rappresentò gli eventi solari e mondani della sua Venezia contemporanea, Luigi Nono approfondì le scene drammatiche: Abbandonati fu uno dei suoi dipinti esposti alla 5° Esposizione internazionale d'arte di Venezia e raffigura una madre senza casa con un bambino che dorme sotto un portale della chiesa. In seguito dipinse anche il funerale del bambino.

Nel 1875 dipinse nella piana di Sacile, ai Camoi, "La Fanfara dei Granatieri"; poi nel 1876 soggiornò a Firenze, Roma e Napoli. Dopo il primo di questi viaggi dipinse "Primi passi", "Bambino malato" e "Sepoltura di un bambino". Partecipò a tutte le Biennali di Venezia, ove nel 1901 presentò anche una cospicua mostra personale. Nel 1880 presenta a Torino "La caccia ai grilli" e "Il fruttivendolo". Nel 1881 espose a Milano "La morte del pulcino".

Insegnò pittura alle Accademie di Belle Arti di Venezia dal 1899 e di Bologna.

Dopo la scomparsa del padre visse a Venezia, dove anch'egli morì alla fine della prima guerra mondiale, qualche anno prima della nascita del nipote Luigi, compositore.

Nel 2012 fu organizzata a Milano un'importante mostra delle sue opere[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Nono (1850-1918) - Capolavori ritrovati e importanti opere inedite. Pittura Veneta dell'800, su informazione.it, 23 febbraio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN64278745 · SBN: IT\ICCU\CFIV\110964 · ISNI: (EN0000 0000 6663 4699 · BNF: (FRcb14968709g (data) · ULAN: (EN500012642