Luigi Ercolani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Ercolani
cardinale di Santa Romana Chiesa
Kardinal Luigi Ercolani.jpg
Ritratto del cardinale Ercolani del 1825
Template-Cardinal (not a bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato17 ottobre 1758, Foligno
Ordinato presbitero1817[1]
Creato cardinale8 marzo 1816 da papa Pio VII
Pubblicato cardinale22 luglio 1816 da papa Pio VII
Deceduto10 dicembre 1825, Roma
 

Luigi Ercolani (Foligno, 17 ottobre 1758Roma, 10 dicembre 1825) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di Giuseppe Maria, poté anch'egli studiare a Roma presso il Collegio Nazareno degli Scolopi fra il 1770 e il 1776 e in seguito presso l'Accademia dei Nobili Ecclesiastici fino al 1781.[2]

Entrato nel 1796 nella congregazione militare, si fece strada grazie alle abilità diplomatiche dimostrate con la Francia durante il governo provvisorio del 1799 quando viene nominato dal generale De Bourcard deputato alle Finanze nella Suprema giunta di Stato. L'anno seguente diventa membro del consiglio per la riforma del governo dello Stato pontificio e ricopre la carica di Tesoriere generale.[3]

Durante l'occupazione francese lasciò Roma e andò a risiedere in una delle proprietà della sua famiglia a Perugia.[4]

All'indomani della Restaurazione fu nominato da Pio VII tesoriere generale della Camera Apostolica e prelato domestico di Sua Santità.

Creato cardinale diacono di San Marco dei Veneziani nel concistoro del 22 luglio 1816, e l'anno seguente cardinale presbitero in commenda perpetua del medesimo titolo.

Nel giugno del 1817 viene nominato Protettore dell'Ordine dei Carmelitani e abate commendatario e ordinario dell'Abbazia di Farfa e San Salvatore Maggiore.

Negli anni seguenti vieni incaricato di elevatissimi uffici rivestendo il ruolo di prefetto dell'economia di Propaganda Fide, economo del Collegio romano e membro della Congregazione per la correzione dei libri della Chiesa orientale.[5]

Nel 1823 partecipa al conclave che vide l'elezione di Leone XII.

Fu Grande di Spagna di prima classe e Gran Croce dell'ordine della Concezione.

Si spense a Roma nel 1825 e venne esposto e tumulato in San Marco dei Veneziani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Data incerta
  2. ^ Ex-alunni 1750-1799, Pontificia Accademia Ecclesiastica
  3. ^ Ettore Consalvi, Le scelte per la Chiesa, Editrice Pontificia Università Gregoriana, Roma, 2006
  4. ^ Boutry, Philippe. Souverain et Pontife : recherches prosopographiques sur la curie romaine à l'âge de la restauration, 1814-1846. Rome : École française de Rome, 2002, pp. 373-374;
  5. ^ Jean LeBlanc, Dictionnaire biographique des cardinaux du XIXe siècle: contribution à l'histoire du Sacré Collège sous les pontificats de Pie VII, Léon XII, Pie VIII, Grégoire XVI, Pie IX et Léon XIII, 1800-1903, Montréal, Wilson & Lafleur, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Regoli, Ercole Consalvi. Le scelte per la Chiesa, Roma, Pontificia Università Gregoriana, 2006 (Miscellanea Historiae Pontificiae, 67)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89059367