Lucian Blaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
busto

Lucian Blaga (Lancrăm, 9 maggio 1895Cluj-Napoca, 6 maggio 1961) è stato un filosofo, poeta e drammaturgo romeno. Per il ruolo che ha ricoperto nella letteratura del suo paese, si può ritenere uno dei più importanti poeti romeni del XX secolo, insieme a Tudor Arghezi, Ion Barbu, Ion Vinea, Vasile Voiculescu, Ion Pillat.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua infanzia fu segnata da un periodo di mutismo durato quattro anni.

I suoi studi elementari li compì a Sebeș (1902-1906), dopo i quali si iscrisse alla scuola "Andrei Șaguna" di Brașov (1906-1914). Allo scoppio della prima guerra mondiale Blaga stava frequentando un corso di teologia a Sibiu.

Si perfezionò culturalmente a Vienna (1917-1920), dove si laureò in filosofia.

Dopo la fine delle ostilità belliche, contribuì allo sviluppo delle attività giornalistiche in Transilvania con la sua attività editoriale che partorì le riviste Culture e The Banat.

Fino al 1938 seguì la carriera diplomatica, che lo condusse a Varsavia, Praga, Lisbona, Berna e Vienna, dopodiché la abbandonò per dedicarsi all'insegnamento.

Lucian Blaga fu infatti docente universitario di filosofia e, oltre a un certo numero di importanti opere filosofiche, scrisse testi teatrali e alcune raccolte di poesie, ispirate alla natura.

Tra i suoi numerosi impegni, si annoverò la sua adesione al gruppo di pensatori che collaborarono alla rivista Gandirea, di cui curò filosoficamente le tematiche metafisiche e religiose

Il suo pensiero si sviluppò attraverso una tripla trilogia, chiamata della conoscenza, dei valori e della cultura. Il filosofo rintracciò nell'estetica e nella matrice culturale universale degli elementi basilari dell'arte un modello di indagine posto all'interno di una filosofia della cultura. Secondo Blaga, l'essere umano e la sua esistenza oscillano tra due estremi, uno definito della "conoscenza paradisiaca" raggiungibile attraverso la logica razionale ed il mondo oggettivo, l'altro chiamato della "conoscenza luciferica", pilotato dagli stati al di sotto della coscienza che ci indirizzano verso il mondo dei misteri, il mondo metafisico costituente i valori culturali.[1] Quindi secondo Blaga, l'inconscio è esente da ogni irrazionalità ed invece presenta categorie logiche che formano la molteplice realtà culturale.

L'opera che esemplificò meglio di altre il suo pensiero filosofico fu Orizzonti e stile del 1936, mentre la lirica di Blaga perseguì un principio metafisico per arginare ed opporre resistenza alla fede nella natura e al materialismo. Tra le raccolte di poesie più significative, si annoverarono: I poemi della luce del 1919, I passi del profeta del 1921 e La lode del sogno del 1929. Blaga affrontò anche la carriera di drammaturgo, ed il suo teatro si plasmò grazie alla rievocazione di miti e leggende presi dal folklore romeno per formare uno scenario di sfondo a dialoghi impregnati di idee e di concetti.

Morì nel 1961.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte poetiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Poemele luminii (1919)
  • Pașii profetului (1921)
  • În marea trecere (1924)
  • Lauda somnului (1929)
  • La cumpăna apelor (1933)
  • La curțile dorului (1938)
  • Poezii, edizione definitiva (1942)
  • Nebănuitele trepte (1943)
  • Poezii (1966)

Drammaturgia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zamolxe (1921)
  • Tulburarea apelor (1923)
  • Daria (1925)
  • Ivanca (1925)
  • Învierea (1925)
  • Fapta (1925)
  • Meșterul Manole (1927)
  • Cruciada copiilor (1930)
  • Avram Iancu (1934)
  • Opera dramatică, 2 vol. (1942)
  • Arca lui Noe (1944)
  • Anton Pann (1964)

Studi filosofici. Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Cultură și cunoștință (1922)
  • Filosofia stilului (1924)
  • Fenomenul originar (1925)
  • Fețele unui veac (1925)
  • Daimonion (1926)
  • Eonul dogmatic (1931)
  • Cunoașterea luciferică (1933)
  • Censura transcendentă (1934)
  • Orizont și stil (1934)
  • Spațiul mioritic (1936)
  • Elogiul satului românesc (1936)
  • Geneza metaforei și sensul culturii (1937)
  • Artă și valoare (1939)
  • Diferențialele divine (1940)
  • Despre gândirea magică (1941)
  • Religie și spirit (1941)
  • Știință și creație (1942)
  • Trilogia cunoașterii, 3 vol.: Eonul dogmatic, Cunoașterea luciferică, Censura transcendentă (1943)
  • Trilogia culturii, 3 vol.: Orizont și stil, Spațiul mioritic, Geneza metaforei și sensul culturii (1944)
  • Trilogia valorilor, 3 vol.: Știință și creație, Gândire magică și religie, Artă și valoare (1946)
  • Despre conștiința filosofică (1947); edizione a cura di Dorli Blaga e Ion Maxim (1974)
  • Aspecte antropologice (1948); edizione a cura di Ion Maxim (1976)
  • Gândirea românească în Transilvania în secolul al XVIII-lea (1966)
  • Zări și etape, edizione a cura di Dorli Blaga (1968)
  • Experimentul și spiritul matematic (1969)
  • Isvoade, edizione a cura di Dorli Blaga e Petre Nicolau (1972)
  • Ființa istorică, edizione a cura di Tudor Cătineanu (1977)
  • Încercări filosofice (1977)

Aforismi[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietre pentru templul meu (1919)
  • Ferestre colorate (1926)
  • Discobolul (1945)
  • Elanul insulei (1977)

Prosa[modifica | modifica wikitesto]

  • Hronicul și cântecul vârstelor (1965)
  • Luntrea lui Caron (1990)

Edizioni critiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Opere, a cura di Dorli Blaga, vol. I-XII, Bucarest, Minerva, 1974-1995
  • Opere, a cura di George Gană, vol. I-V, Bucarest, Minerva, 1982-1993

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • George Gană, Opera literară a lui Lucian Blaga, Bucarest, Minerva, 1976
  • Dan C. Mihăilescu, Dramaturgia lui Lucian Blaga, Cluj, Dacia, 1984
  • Ion Pop, Lucian Blaga - universul liric, Bucarest, Cartea Românească, 1981
  • Eugen Todoran, Lucian Blaga, mitul poetic, vol. I-II, Timișoara, Facla, 1981-1983
  • Eugen Todoran, Lucian Blaga, mitul dramatic, Timișoara, Facla, 1985
  • Ion Bălu, Lucian Blaga, Bucarest, Albatros, 1986
  • Corin Braga, Lucian Blaga. Geneza lumilor posibile, Iași, Institutul European, 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol. II, pag.291

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN66481271 · LCCN: (ENn50008499 · ISNI: (EN0000 0001 1661 7345 · GND: (DE118658980 · BNF: (FRcb12026600z (data)