Lionel Logue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lionel Logue nel 1930.

Lionel George Logue (Adelaide, 26 febbraio 1880Londra, 12 aprile 1953) è stato uno scienziato e logopedista australiano. Fu insignito del titolo di commendatore dell'Ordine reale vittoriano (CVO), e divenne noto per aver trattato la balbuzie del re britannico Giorgio VI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lionel Logue nacque ad Adelaide il 26 febbraio 1880, da George Edward Logue e Lavinia Rankin, maggiore di quattro fratelli[1]. Dal 1889 al 1896 studiò al Prince Alfred College[1] e nel 1902 diventò segretario ed assistente del suo docente di elocuzione, Edward Reeves, e, nel frattempo, studia all'Elder Conservatorium of Music[1]. Successivamente lavorò a Kalgoorlie (Australia occidentale) in una miniera d'oro.

Lionel Logue e Myrtle Gruenert a Perth nel 1906

Il 20 marzo 1907 sposò la ventunenne Myrtle Gruenert a Perth, città nella quale insegnò tecniche per parlare in pubblico e collaborò con le associazioni Young Men's Christian Association, lo Scotch College ed il Perth Technical School[1]. Dal matrimonio nasceranno tre figli. Nel 1911 intraprese un giro per il mondo; durante la prima guerra mondiale applicò le tecniche messe a punto ai reduci vittime dello shock bellico, in una terapia che aggiungeva humour, comprensione e perseveranza[1].

Nel 1924 si trasferì a Londra con la famiglia e aprì uno studio per il trattamento delle disfunzioni del linguaggio al numero 146 di Harley Street[1]. Tra i suoi pazienti vi fu il duca di York, futuro re Giorgio VI, di cui Logue trattò la balbuzie e a cui permise di affrontare il discorso di apertura del Parlamento australiano a Canberra nel 1927 senza balbettare[1]. L'amicizia fra Logue e re Giorgio proseguì negli anni, e nel 1937 Logue venne insignito del titolo di membro dell'Ordine reale vittoriano (MVO); successivamente, nel 1944, verrà elevato al titolo di commendatore (CVO)[1].

Logue era solito utilizzare il denaro pagato dai pazienti abbienti per sostenere le cure dei pazienti che non erano in grado di pagare. Nel 1935 fu tra i fondatori della British Society of Speech Therapists[1], nel 1944 del College of Speech Therapists[1]. Dopo la perdita della moglie, fece vita molto ritirata e morì il 12 aprile 1953 a Londra[1]. Il suo corpo venne cremato.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il film Il discorso del re (The King's Speech), diretto da Tom Hooper nel 2010, è ispirato alla sua esperienza come logopedista per re Giorgio VI. Nella pellicola Logue è interpretato da Geoffrey Rush. Il film prende spunto dal libro che Mark, il nipote di Logue, scrisse con Peter Conradi. Nel libro intitolato Il discorso del re: come un uomo salvò la monarchia britannica si racconta della relazione tra Logue e il duca di York, che diventerà re Giorgio VI.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine reale vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine reale vittoriano
— 11 maggio 1937
Commendatore dell'Ordine reale vittoriano - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine reale vittoriano
— 1944

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Logue, Lionel George (1880 - 1953), Australian Dictionary of Biography, Online Edition

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN162980998 · ISNI (EN0000 0001 1784 569X · LCCN (ENno2011004686 · GND (DE143867148 · BNF (FRcb16527828j (data) · NDL (ENJA001115771 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011004686