Lingua greca cappadocica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia della
lingua greca

(vedi anche: alfabeto greco)
Proto-greco
Miceneo (1600–1100 a.C. circa)
Greco antico (800–330 a.C. circa)
dialetti:
eolico, arcado-cipriota, attico-ionico,
dorico, nord-occidentale, locrese, panfilio;
dialetto siceliota, lingua omerica.

Koinè greca (330 a.C.–330 circa)*
Greco medievale (330–1453)
Greco moderno (dal 1453)
questione della lingua greca
dialetti:
cappadocico, cretese, cipriota,
demotico, italiota (greco-calabro, griko), katharevousa, pontico, dialetto zaconico,
ievanico

  • Date tratte da D. B. Wallace, Greek Grammar Beyond the Basics: An Exegetical Syntax of the New Testament (Grand Rapids 1997), 12.
Cappadocico
Parlato in Grecia, Turchia
Locutori
Totale 2800
Classifica Non tra le prime 100
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Greco moderno
Codici di classificazione
ISO 639-3 cpg (EN)
Glottolog capp1239 (EN)

La lingua greca cappadocica,[1] noto anche come cappadociano (in greco: Καππαδοκικά) è una lingua storicamente parlata nella regione della Cappadocia, nella Turchia centrale, dall'epoca ellenistica fino agli anni '20 del XX secolo.[2] In questi anni, con lo scambio di popolazione tra Grecia e la neonata Repubblica Turca, i cappadociani furono costretti ad emigrare in Grecia, dove lentamente adottarono il greco moderno come propria lingua, dimenticando la propria. Dal 1960 al 2005, il cappadocico fu ritenuto estinto[3], fino a quando, nel giugno 2005, Mark Janse e Dimitris Papazachariou individuarono 2800 greci di Cappadocia, oggi residenti in Grecia, ancora in grado di parlare tale lingua[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Consani, Luisa Mucciante, Norma e variazione nel diasistema greco, Edizioni dell'Orso, 2001, ISBN 887694592X.
  2. ^ Cappadocian Greek | Ethnologue
  3. ^ OLAC resources in and about the Cappadocian Greek language
  4. ^ Cappadocian Greek, su Ethnologue. URL consultato l'11 novembre 2015.