Limburgo sulla Lahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Limburg an der Lahn)
Limburg an der Lahn
Città
Limburg a.d. Lahn
Limburg an der Lahn – Stemma
La Cattedrale sul fiume
La Cattedrale sul fiume
Localizzazione
Stato Germania Germania
Land Flag of Hesse.svg Assia
Distretto Gießen
Circondario Limburg-Weilburg
Territorio
Coordinate 50°23′N 8°04′E / 50.383333°N 8.066667°E50.383333; 8.066667 (Limburg an der Lahn)Coordinate: 50°23′N 8°04′E / 50.383333°N 8.066667°E50.383333; 8.066667 (Limburg an der Lahn)
Altitudine 117 m s.l.m.
Superficie 45,15 km²
Abitanti 33 843[1] (31-12-2013)
Densità 749,57 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 65531–65556
Prefisso 06431
Fuso orario UTC+1
Codice Destatis 06 5 33 009
Targa LM
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Limburg an der Lahn
Limburg an der Lahn
Sito istituzionale

Limburg an der Lahn (nome ufficiale: Limburg a. d. Lahn[2]) è una città di 33.544 abitanti dell'Assia, in Germania.
È il capoluogo, e il centro maggiore, del circondario (Landkreis) di Limburg-Weilburg (targa LM).

Limburg è sede di una diocesi cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Scavi archeologici condotti nel 2012 in occasione della costruzione del nuovo viadotto aereo del Lahntalbrücke Limburg hanno portato alla scoperta di un insediamento del neolitico. Infatti i frammenti di vasi ritrovati risalgono a circa 5000 anni a.C.

Inoltre, sono venuti alla luce resti di due accampamenti militari romani del tempo dell'Imperatore Augusto, con una superficie totale di 14 ettari. Fu una scoperta del tutto inaspettata, in questo luogo oltre il Limes germanico-retico.

Sul Domberg ("Collina del Duomo"), sorse verso il 500 a.C. un insediamento celtico, che aveva il suo centro nell'odierna piazza del Duomo.

In epoca Merovingia, verso il 760, sorsero, sulle alture del Domberg, i primi edifici che compongono il castello, a protezione di un guado sul fiume Lahn. Nei decenni successivi, attorno al nucleo fortificato, sorse la città.

L'ascesa medievale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma dei Limburg-Stirum.
Il Castello e la cattedrale di Limburgo.
Le antiche case a graticcio medievali

Limburgo appare per la prima volta nei documenti nel 910 con il nome di Lintpurc, quando Ludovico IV il Fanciullo concesse a Konrad Kurzbold una tenuta nella comunità in cui doveva erigere una chiesa. Konrad Kurzbold pose la prima pietra per la Chiesa del monastero di San Giorgio, dove poi è stato sepolto. Il villaggio assunse presto una crescente importanza sia grazie alla fondazione del monastero sia per la sua posizione lungo la nuova Via Publica, importante strada voluta da Ludovico il Pio nell'839 per collegare le Fiandre (Bruxelles) alla Boemia (Praga) attraverso Colonia, Francoforte, Würzburg, Norimberga e Ratisbona. Questa frequentata strada permise al luogo un vivace commercio. Nel 940 l'abbazia ottenne dei privilegi e il territorio passò sotto la protezione diretta di Ottone I di Sassonia.

Nel 1150-60, un ponte di legno venne costruito sulla Lahn favorendo il traffico fra Colonia e Francoforte e nel 1180 vi venne fondata la zecca. Nei primi anni del XIII secolo, il castello di Limburgo venne costruito nella sua forma attuale, e nel 1214, la comunità ottenne i diritti di Città.

Nel 1220 Limburgo passò in proprietà dei Signori di Isenburg e dal 1227 iniziò a riscuotere il dazio sul passaggio del ponte che incrementò notevolmente la ricchezza cittadina. Dal 1258 al 1406 i signori risiedettero in città, e cambiarono il loro nome in Limburg dando origine alla casata dei Limburg-Stirum. Imagina von Isenburg-Limburg divenne la moglie del re Adolfo di Nassau.

Resti delle mura di fortificazione a partire dagli anni 1130, poi ampliate nel 1230 e 1340 fino alla lunghezza odierna di circa 1 chilometro, testimoniano il rapido fiorire della città nel Medioevo.

La classe dominante tra i borghesi medievali erano le ricche famiglie di mercanti le cui case si trovavano a ridosso del castello e furono le prime ad esser state circondate dalle mura, nel 1130. L'area odierna del Roßmarkt ("Mercato dei cavalli"), in cui vivevano molti semplici artigiani, venne portata all'interno delle fortificazioni solo con la seconda cinta muraria, nel 1230. A questi artigiani, a differenza dell'élite mercantile, non vennero accordati alcun diritto, ne di partecipazione agli affari della città, ne il permesso di inviare rappresentanti al consiglio comunale. Ma dovettero sopportare il principale onere finanziario della gestione della città. Solo nel 1458 gli vennero consentiti due rappresentanti al consiglio comunale.

Nel 1235 venne consacrata la nuova cattedrale, l'odierna, sul sito dell'antico monastero. Il 14 maggio 1289, un incendio devastante distrugge gran parte della città interna, successivamente ricostruita. Una delle case costruite a quel tempo è il Römer 2-4-6, oggi una delle più antiche case a graticcio della Germania. Nel 1315 il ponte sulla Lahn venne rifatto in pietra e ampliato. Nel 1337, gli ebrei di Limburgo furono espulsi dalla città, per potervi ritornare solo nel 1341 per regio decreto.

Declino[modifica | modifica wikitesto]

Limburgo in una stampa del 1646.

Nel 1344 una metà della città andò sotto il dominio dell'Elettorato di Treviri, e nel 1420, la città vi passò interamente. Questo evento, insieme al grande incendio del 1342, alla peste nera nel 1349, 1356 e 1365, ma soprattutto l'ascesa dei Principi-Elettori, ha portato Limburgo ad un graduale e inesorabile declino.

Sullo sfondo della Guerra dei contadini tedeschi, delle agitazioni sorsero anche a Limburgo verso il 1525. Dopo che l'arcivescovo-Elettore di Treviri Richard Greiffenklau zu Vollraths richiese il bando di un predicatore luterano dalla città, un gruppo di cittadini illeggibili al Consiglio, consegnò al Comune, il 24 maggio, un elenco con 30 punti di richieste. Si trattava principalmente di partecipazione finanziaria e l'uguaglianza in questioni fiscali, commerciali e di costruzione con la classe mercantile. Nei giorni che seguirono, i negoziati tra il Consiglio e i cittadini ridussero la lista a 16 punti, probabilmente in seguito ulteriormente abbassati dall'Elettore. Il 5 agosto, invece, l'arcivescovo ordina al consiglio di revocare tutte le concessioni ai cittadini. Inoltre, decretò il divieto di assemblea ed i cittadini non eleggibili vennero spogliati del loro diritto di inviare due rappresentanti in Consiglio.

Anche a seguito di questo fatto, la Riforma ha portato dei conflitti in città, ma a causa dell'appartenenza all'Elettorato di Treviri, Limburgo rimase cattolica. Tuttavia, il Wilhelmitenkloster (Monastero dei gugliemiti venne sciolto dopo la morte degli ultimi Priori nel 1568 e il convento francescano fu chiuso tra il 1577 e il 1582.

Durante la Guerra dei Trent'anni nel 1631 e nel 1635 Limburgo fu saccheggiata e assediata dai soldati in ritirata, che per la sua posizione strategica, faceva parte delle tabelle di marcia. Anche nella Prima guerra di Coalizione del secolo successivo Limburgo non fu risparmiata.

Nel 1796 le forze francesi in ritirata stavano impedendo agli austriaci di attraversare la Lahn, e durante la cosiddetta Battaglia di Limburgo, una parte della città andò a fuoco.

Storia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Veduta di Limburgo nel 1862 da un quadro di George Clarkson Stanfield.
Limburgo nel 1862 in un quadro di Stanfield.

Nel 1806 Limburgo entrò in possesso del nuovo Ducato di Nassau. Nel 1818 la cinta muraria venne abbattuta e nel 1821 la città fu elevata a sede vescovile cattolica, e a partire dal 1862, Limburgo è diventato un nodo ferroviario. Nel 1866 il Ducato di Nassau, e con essa Limburgo, passò alla Prussia sulla scia della Guerra austro-prussiana. Dal 1886 divenne una sede distrettuale. Nel 1892, i Pallottini si stabilirono in città.

Durante la prima guerra mondiale sorse un grande campo di prigionia a Limburgo. Molti membri irlandesi dell'esercito britannico vi furono internati fino alla fine della guerra. Vennero visitati dal leader irlandese repubblicano Roger Casement, nel tentativo di reclutare nuovi uomini per la sua Irish Brigade, in vista della prossima rivolta irlandese.

Dal 1919 al 1923, Limburgo era la "capitale" di uno stato di breve durata chiamato Freistaat Flaschenhals (Stato libero del Collo di bottiglia) perché era la città più vicina per la Repubblica di Weimar non occupata dagli alleati durante l'Occupazione della Renania.

Monumenti e Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina dominata dal Duomo.
Il Ponte Vecchio sulla Lahn.
Case sul Kornmarkt.
La "Casa al Cervo d'Oro".
  • Il Duomo di Limburgo, Limburger Dom, dedicato ai Santi Giorgio e Nicola, è un capolavoro dell'architettura di transizione dal romanico al gotico. Venne eretto su edifici precedenti a partire dal 1180-90 e venne consacrato nel 1235. La sua massa, irta di sette torri, domina la cittadina e il paesaggio circostante. Divenne cattedrale nel 1827 quando venne creata la Diocesi di Limburgo.
  • Il Castello di Limburgo, Limburger Schloss, venne costruito sulla collina, dietro il duomo, già nel VII-VIII secolo. Verso la metà del XIII secolo venne ricostruito dai conti di Isenburg e ancora ampliato successivamente con l'ala settentrionale, a graticcio.
  • La Chiesa di San Sebastiano è la parrocchiale cittadina, costruita come chiesa del convento francescano nel XIII secolo, venne chiusa in seguito alle secolarizzazioni della Riforma e barocchizzata nel XVIII secolo.
  • Il Ponte Vecchio sulla Lahn (Alte Lahnbrücke) è un altro simbolo della città, importante accesso medievale alla città sulla strada Francoforte-Colonia. Venne costruito per la prima volta in legno nel 1160 e distrutto due volte dalle alluvioni del fiume Lahn. Nel 1315 venne ricostruito in pietra e più volte modificato fino al 1354. Presentava due torri d'accesso, una dogana e nel 1490 vi venne aggiunta una cappella contro la peste. Durante la Guerra dei Trent'anni venne abbattuta la dogana, nel 1818 la torre verso la città e nel 1827 la cappella.

Antiche case[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico di Limburgo è costellato di antiche case a graticcio costruite fra il XIII e il XIX secolo; per la più parte fra il XVI e il XVII secolo. Fanno la vera caratteristica della cittadina, rendendola uno dei borghi medievali più caratteristici e meglio conservati della Germania. Nel 1972 venne intrapresa una grande opera di rinnovamento urbanistico, e queste costruzioni vennero restaurate accuratamente. Particolarità di queste case medievali sono le cosiddette Hallenhäuser, "Case a sala", che presentano al pianterreno un grande salone in pietra. Fra le case più celebri si ricordano:

  • Kleine Rütsche 4, sorge all'angolo fra Kleine Rütsche e Fahrgasse, nel punto più stretto della storica via commerciale tra Francoforte e Colonia. Venne costruita nel 1290, un anno dopo il grande incendio di Limburgo, e ricostruita nel 1670.
  • Haus der sieben Laster, la "Casa dei Sette Vizi", al n° 9 di Brückengasse, venne costruita nel 1567 e rinnovata nel 1679. Deve il nome alle sculture sulla facciata che rappresentano i sette Vizi capitali del cristianesimo.
  • Werner-Senger-Haus, la Casa Werner-Senger, al n° 5 del Rütsche venne costruita nel 1274 e ricostruita dopo il grande incendio del 1289. Era la residenza dei ricchi mercanti cittadini Werner-Senger, oggi presenta la facciata intonacata con la struttura a graticcio dipinta.
  • Case al Fischmarkt. Gli edifici sulla piazza del "Mercato del pesce" erano in realtà legati alla filatura. Infatti il suo nome nel XIII secolo era Fismart, dal dialetto locale "filato", mercato della lana; costituiva il centro commerciale laniero di Limburgo. Solo dal 1317 venne dedicato alla vendita del pesce.
  • Römer 2-4-6, prende il nome dal suo indirizzo. Costruita nel 1289 è la più antica casa della Germania, oggi Monumento nazionale.
  • Haus zum goldenen Hirsch, la "Casa al Cervo d'Oro" sorge sul Kornmarkt (piazza del Mercato del Grano). Venne costruita nel 1500 con il caratteristico erker poligonale all'angolo. Dal 1527 fino alla prima metà del XX secolo fu una locanda, Al Cervo d'Oro appunto. Le sue facciate sono dichiarate Monumento nazionale.
  • Haus Byron sorge sulla Bischofsplatz, all'angolo con Barfüßerstraße. Venne costruita nel 1610 su un piccolo appezzamento di 18 m2 ma presenta un'alta facciata a timpano e erker che compensa le piccole dimensioni di base. La facciata venne rifatta nel 1780 con timpano curvilineo di influenza rococò. Nel 1877 venne acquistata dal mercante Carl Byron che le diede il nome.
  • Haus Staffel, o Alte Vikarie (Vecchio Vicariato) sorge su Domplatz, piazza del Duomo e rappresenta uno dei più begli edifici civili della cittadina. Sul luogo sorgevano edifici medievali già dal 1287. Nel 1428 passa alla famiglia von Staffel che costruisce l'attuale edificio nel 1515 accorpando tre case precedenti. Divenuto in seguito sede del Capitolo passa di diversi proprietari fino a quando nel 1903 diviene la residenza del vescovo di Limburgo.
  • Burgmannenhaus, costruitc intorno al 1544 è oggi sede del Museo Diocesano.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Limburg e le sue frazioni

Limburg si divide in 8 zone, corrispondenti all'area urbana, e a 7 frazioni (Stadtteil):[3]

  • Limburg (area urbana)
  • Ahlbach
  • Dietkirchen
  • Eschhofen
  • Lindenholzhausen
  • Linter
  • Offheim
  • Staffel

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Limburg è gemellata con:[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ente statistico d'Assia - Dati sulla popolazione
  2. ^ Onlinerecherche Gemeindeverzeichnis
  3. ^ Stadt Limburg an der Lahn / Stadtteile
  4. ^ [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Stemma del circondario limburg-weilburg coat Città e comuni del circondario di Limburg-Weilburg Stemma Hessen

Città:   Bad Camberg · Hadamar · Limburg a.d. Lahn · Runkel · Weilburg
Comuni:   Beselich · Brechen · Dornburg · Elbtal · Elz · Hünfelden · Löhnberg · Mengerskirchen · Merenberg · Selters (Taunus) · Villmar · Waldbrunn (Westerwald) · Weilmünster · Weinbach

Controllo di autorità VIAF: (EN148963912 · GND: (DE4035750-8 · BNF: (FRcb11973844v (data)
Germania Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania