Leone da tastiera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Keyboard Warrior (Unsplash).jpg

Leone da tastiera (keyboard warrior in inglese[1], letteralmente "guerriero da tastiera") è un'espressione dispregiativa e sarcastica del gergo di Internet usata per riferirsi a utenti del Web che, differentemente da quanto farebbero di persona, scrivono in modo aggressivo, talora insultando, offendendo, screditando o minacciando altri utenti.[2][3][4][5][6] L'espressione fa riferimento al fatto che tali comportamenti sono agevolati dalla sensazione di deresponsabilizzazione derivante dall'uso di utenze anonime.[2][7][8]

A seconda dei casi questi comportamenti possono integrare diversi reati come diffamazione (aggravata dalla pubblicità della rete), sostituzione di persona, molestia, minaccia, incitamento all'odio e stalking.[9] La Germania è stata la prima nazione europea a emanare, nel 2017, una legge per contrastare le utenze aggressive. Tale legge consiste nel responsabilizzare le grandi piattaforme web che, in caso di inadempienze nella rimozione dei contenuti illegali, possono essere soggette a multe fino a 50 milioni di euro.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Keyboard Warrior, su urbandictionary.com.
  2. ^ a b Facebook e codice penale, quando i leoni da tastiera miagolano, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 5 marzo 2018.
  3. ^ Marco Faccioli, Cyberbullismo ovvero il bullismo ai tempi del web: Analisi e riflessioni su un sopruso sempre al passo coi tempi, Key, 2017, p. 13.
  4. ^ Matteo Grandi, Far Web, Rizzoli, 2017, capitolo 7, Tra bufali e caproni.
  5. ^ I leoni da tastiera, su class24.it. URL consultato il 5 marzo 2018.
  6. ^ Saverio Tommasi, Siate ribelli, praticate gentilezza, Sperling & Kupfer, 2017, capitolo "Cyberbullismo".
  7. ^ Giulio Xhaet, Digital Skills, Hoepli, 2018.
  8. ^ I leoni da tastiera e l'anonimato in internet, su medicitalia.it. URL consultato il 5 marzo 2018.
  9. ^ Quali sono i rischi legali per i “leoni da tastiera”?, su lextown.it. URL consultato il 29 novembre 2019.
  10. ^ Teppisti online, in Germania rispondono così, su corriere.it. URL consultato l'11 settembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]