Hater (Internet)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Rappresentazione fisica del concetto di hater

Hater è un'espressione della lingua italiana, mutuata dalla lingua inglese che significa letteralmente chi odia[1][2] ma che nel linguaggio comune si è attestato come neologismo per indicare [2][3] quello che in inglese viene definito come Online hate speech, tipico dei leoni da tastiera. Nel gergo di Internet è riferito a quegli utenti che, approfittando della riservatezza consentita dall'uso della rete, sono soliti rivolgere insulti e prese in giro, anche pesanti, a dei soggetti, solitamente famosi, o ad intere fasce di popolazione, per motivi sociali, etnici o culturali.[4] In taluni casi, l'hater può essere oggetto di denuncia per diffamazione, minacce, molestie o stalking.[5]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

In inglese, la parola hater deriva dall'inglese antico hatian, proveniente a sua volta dal norvegese hate, che deriva a sua volta dal proto proto-germanico hatojanan. L'etimologia di quest'ultimo lemma viene fatta risalire al protoindoeuropeo kad.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hater, su dizionari.corriere.it. URL consultato il 25 agosto 2020.
  2. ^ a b Hater, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 9 giugno 2023.
  3. ^ Hater - Accademia della Crusca
  4. ^ (EN) hater, su urbandictionary.com. URL consultato il 17 settembre 2020.
  5. ^ Haters: cosa rischiano per legge gli "odiatori" sul web?, su studiocataldi.it. URL consultato il 18 settembre 2020.
  6. ^ (EN) hate, su sanskritdictionary.com. URL consultato il 18 settembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]