Leonberger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leonberger
Leonberg-Male-Adulte-Ursus.jpg
Classificazione FCI - n. 145
Gruppo 2 Cani di tipo Pinscher e Schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri
Sezione
Sottosezione
Standard n. 145 del 04/01/1996 (en )
Nome originale Leonberger
Origine Germania Germania
Altezza al garrese maschio: da 72 a 80 cm
femmina: da 65 a 75 cm
Peso ideale 60-80 kg
Lista di razze canine

Il leonberger è una razza di cani originaria di Leonberg, piccola cittadina del Baden-Württemberg, in Germania. La sua origine esatta rimane incerta ma Heinrich Essig, considerato il padre della razza, sostenne di aver ottenuto il Leonberger incrociando esemplari di varie razze tra cui San Bernardo, Terranova e Cane da Montagna dei Pirenei.

Storia della razza[modifica | modifica wikitesto]

Il Leonberger è stato creato nella prima metà del XIX secolo da Heinrich Essig (1808-1889), allo scopo di riprodurre il leone raffigurato nello stemma araldico delle città tedesca di Leonberg, vicino a Stoccarda. Secondo i resoconti di Essig vennero impiegati il Terranova Bianco e Nero (tipo Landser), il San Bernardo a pelo lungo e il Cane da Montagna dei Pirenei. Alcuni studi recenti mettono tuttavia in dubbio questa ricostruzione storica. Secondo Herbert Schiffmann (1984), per realizzare il cane si sarebbero utilizzati alcuni cani da pastore presenti nelle zone caucasico-alpine. È certo che Essig utilizzò cani provenienti dall'Ospizio del Gran San Bernardo così come egli inviò all'Ospizio propri esemplari su richiesta dei monaci che avevano avuto l'allevamento decimato da una malattia. Gli inizi della razza sono pertanto ancora nebulosi e nelle esposizioni canine della seconda metà dell'Ottocento alcuni esemplari vennero presentati alternativamente come Leonberger o San Bernardo. la razza ebbe una certa fortuna e fu richiesta dalle principali Corti d'Europa e perfino in Giappone; si narra che Garibaldi fece dono di un cucciolo alla sua adorata Anita. La principessa Sissi (Elisabetta Imperatrice d'Austria) ne possedette sette e al Volksgarten di Vienna è raffigurata seduta in trono con a fianco due Leonberger. Dopo la morte di Essig la razza cadde in disgrazia e venne osteggiata dagli allevatori di razze affini, specie il San Bernardo, ma grazie alla costanza e alla passione di alcuni superò i periodi bui del dileggio e poi le due guerre mondiali, per riconquistare una certa popolarità a partire dagli anni sessanta.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il Leonberger è un gigante, un cane di grande mole, imponente ma sempre elegante, proporzionato e armonico. Non deve mai risultare appesantito o, viceversa, troppo leggero. La femmina possiede una particolare grazia ma senza rinunciare alla sostanza, deve comunque esprimere forza e robustezza. Il pelo è lungo e folto, forma una criniera intorno al collo specialmente nel maschio, si allunga in particolar modo sugli arti, formando frange sugli anteriori e folte culottes sui posteriori; anche la coda è ben fornita di pelo. Il Leonberger ha un unico colore, che però è visibile nelle sue varie sfumature dal sabbia al fulvo, con più o meno carbonatura. Sempre presente deve essere la maschera nera che arrivi almeno all'altezza degli occhi, caratteristica imprescindibile ed irrinunciabile della razza.

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

Viene definito un cane equilibrato, calmo, riflessivo, mai timido o aggressivo. Nei confronti dei bambini ha una vera e propria predilezione: si distingue per una grande pazienza e per un senso di responsabilità che ne fanno un compagno di giochi molto affidabile. In famiglia si adatta velocemente alle nuove situazioni, divenendo un buon compagno di vita sia per chi ama la vita all'aria aperta, che per chi conduce uno stile di vita placido e rilassato. Il Leonberger è un cane dotato di ottima versatilità e può adattarsi ad esigenze diverse tra loro. Può diventare un cane attivo all'occorrenza, essere un cane da lavoro utile nel soccorso in acqua, proprio perché possiede una naturale propensione verso il nuoto e l'elemento acqua in generale. Può essere un perfetto cane da accompagnamento ed assolvere, nella compagnia al suo compagno umano, una delle attività per cui è più portato e che più gli riesce meglio. Infatti, il Leonberger è una razza che sviluppa un rapporto profondo con i suoi familiari, un legame stretto e indissolubile e per questo motivo soffre particolarmente la solitudine. Non è un cane indipendente, ma molto dipendente dalla partecipazione continua e costante alla vita familiare.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani