Zwergschnauzer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zwergschnauzer
Bram Zwergschnauzer.JPG
Classificazione FCI - n. 183
Gruppo 2 Cani di tipo Pinscher e Schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri
Sezione 1 Tipo pinscher e schnauzer
Sottosezione 1.2 Schnauzer
Standard n. 183 del 06/03/2007 (en fr)
Nome originale Zwergschnauzer
Varietà A - nero
B - pepe e sale
C - nero e argento
D - Bianco
Tipo Casa e compagnia
Origine Germania Germania
Altezza al garrese 30-35 cm
Peso ideale 4-8 kg
Lista di razze canine

Lo Zwergschnauzer[1], comunemente detto Schnauzer nano (da non confondere con lo Scottish Terrier), è una razza canina appartenente alla famiglia degli Schnauzer.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Schnauzer Nano 1.JPG

Lo Schnauzer nano vide la luce verso la fine del 1800 nell'area di Francoforte, ma venne inizialmente descritto come una variatà di Zwergpinscher (Pinscher nano) a pelo ruvido. La differenza nelle forme, nella taglia e nel tipo e le varietà di tessitura del mantello (ruvido, morbido e setoso) resero difficile l'evoluzione di questo piccolo cane verso le qualità caratteristiche del suo fratello maggiore, lo Schnauzer.

Aspetto generale[modifica | modifica sorgente]

Lo Schnauzer nano si presenta piccolo, forte, relativamente tozzo, elegante e dal mantello ruvido. È l'immagine in miniatura dello Schnauzer ma, a dispetto del nome, non presenta malformazioni che si possano ricondurre al nanismo.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

La sua natura è simile a quella del suo fratello maggiore, pur con le caratteristiche tipiche dei cani di piccola taglia. Intelligente, intrepido, resistente e vigile, lo Schnauzer nano è perfetto sia per vivere in casa, anche in piccoli appartamenti, sia come cane da guardia in spazi aperti.

Pelo e colore[modifica | modifica sorgente]

Il pelo deve essere duro (così detto "fil di ferro"), ruvido e ben fitto. Il mantello si compone di un sottopelo ben fitto e di un pelo di copertura non troppo corto, ben aderente al corpo: quest'ultimo dev'essere sempre ruvido e sufficientemente lungo da poterne valutare la qualità, e non è né arricciato né ondulato. Il pelo sugli arti tende ad essere meno ruvido, e si accorcia sulla fronte e sulle orecchie. Caratteristiche tipiche della razza sono la barba non troppo morbida sul mento, e le sopracciglia cespugliose che coprono leggermente gli occhi.

Le varietà ammesse sono:

  • nero puro con sottopelo nero
  • pepe e sale
  • nero/argento
  • bianco puro con sottopelo bianco

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://enci.it/documenti/standard/183.pdf
cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani