Dogue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esemplare di mastino napoletano.
Esemplare di mastino inglese.
Esemplare di Olde English Bulldogge, razza ricreante l'Old English Bulldog.
Esemplare di Dogue de Bordeaux.
Esemplare di dogo argentino.

I dogue o doghi sono una delle principali tipologie di molossoidi, caratterizzata da musi quadrati e tozzi[1].
Si tratta di un vastissimo gruppo di razze canine, la FCI ne riconosce una ventina nella sezione 2.1 del gruppo 2 (molossoidi tipo "dogue", appunto), anche se andrebbero inserite tra di loro anche diverse varianti locali, non riconosciute ufficialmente, sviluppatesi nel corso del XIX secolo nelle terre dell'ex-Impero britannico a partire dal bulldog e dal english mastiff, due delle razze dogue più note.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

In lingua italiana, il vocabolo dogue è adattato in «dogo» («doghi» al plurale).
La parola compare al principio del XX secolo nell'opera di Antonio Baldini La dolce calamita, ovvero La donna di nessuno (1929): "Il piccolo dogo dalla collottola grassa e dagli occhi tondi e sospettosi accucciato ai piedi della padrona fa buona guardia"[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attitudine dei molossoidi alla lotta ed alla difesa della proprietà venne compresa dall'uomo sin dai tempi antichi. Già la tribù greca dei Molossi (in greco Μολοσσοί, Molossoi), stanziati nella regione dell'Epiro (attuale Albania) sin dall'Età Micenea[3], aveva selezionato un cane da guerra partendo dai grandi cani da montagna giunti dall'Altai: il molosso, o canis epiroticus.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La caratteristica principale del dogue è il muso quadrato. Rispetto ai molossoidi tipo "cane da montagna", il dogue ha pelliccia più corta poiché cane destinato a stare "a contatto" con il padrone, nella casa o nel cortile. Talune tipologie di dogue hanno poi corpo più corto rispetto a quello degli molossoidi: es. Bulldog o Deutscher Boxer.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dogue, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ "Dogo" in Vocabolario Treccani.
  3. ^ Lewis, David Malcolm [e] Boardman, John (1994), The Cambridge Ancient History : The Fourth Century B.C., Cambridge University Press, ISBN 0-521-23348-8, pp. 430-434.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fleig, D. (1996), History of Fighting Dogs, Neptune NJ, TFH Publications, ISBN 0-7938-0498-1.
  • Homan, M. (2000), A Complete History of Fighting Dogs, Howell Book House Inc., ISBN 1-58245-128-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dogue, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani