Legge di Godwin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'avvocato e autore statunitense Mike Godwin ha coniato la sua omonima legge sull'Usenet nel 1990

La legge di Godwin [1][2] è un adagio di Internet che afferma "Mano a mano che una discussione online si allunga, la probabilità di un paragone riguardante Hitler, tende ad 1"[2][3], ovvero, se una discussione online (a prescindere dall'argomento o dallo scopo) va avanti abbastanza, prima o poi qualcuno paragonerà qualcuno o qualcosa ad Hitler.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« As a Usenet discussion grows longer, the probability of a comparison involving Nazis or Hitler approaches 1 »

(IT)

« Mano a mano che una discussione su Usenet si allunga, la probabilità di un paragone riguardante i nazisti o Hitler, tende ad 1 »

(Mike Godwin)

Descritta dall'avvocato e autore statunitense Mike Godwin nel 1990,[2] inizialmente, la legge di Godwin si riferiva alle sole discussioni dei newsgroup Usenet.[4] Attualmente, viene considerata applicabile ad ogni thread di discussione online, come forum, chatroom e thread di commento, così come discorsi, articoli ed altri tipi di retorica[5][6] dove si verifica una reductio ad Hitlerum.

Nel 2012, "Godwin's law" è diventata una voce della terza edizione dell'Oxford English Dictionary.[7]

Godwin ha dichiarato che ha descritto la legge di Godwin nel 1990 come un esperimento di memetica.[2]

"Sebbene deliberatamente incorniciata come se fosse una legge naturale o matematica, il suo scopo è sempre stato retorico e pedagogico: "Volevo che la gente che paragonava qualcuno a Hitler con disinvoltura, pensasse di più all'Olocausto", ha scritto Godwin.[8] Nel dicembre del 2015, Godwin ha commentato il paragone con nazisti e fascisti fatto in diversi articoli sul candidato presidenzale repubblicano Donald Trump, affermando che "Se ci rifletti un po' su, per mostrare un po' di consapevolezza storica, vai avanti nei tuoi riferimenti a Hitler quando parli di Trump. O di qualsiasi altro politico."[9]

Corollari e uso[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono diversi corollari della legge di Godwin, alcuni considerati più canonici (essendo stati adottati da Godwin stesso)[3] di altri.[1] Per esempio, c'è una tradizione in molti newsgroup ed altri forum di discussioni su Internet, ovvero, dopo che viene fatto un paragone, il thread è finito e chiunque abbia citato Hitler ha automaticamente perso nonostante il dibattito fosse ancora in corso.[10] Spesso, questo principio è a sua volta indicato come la legge di Godwin.[senza fonte]

La stessa legge di Godwin tuttavia può essere utilizzata come un diversivo, una censura, o come l'indicazione di una fallacia in una discussione con un avversario, come un'iperbole quando i confronti effettuati con l'argomento sono in realtà appropriati.[11][12] Critiche analoghe alla "legge" (o "almeno la versione distorta che pretende di vietare tutti i confronti con i crimini tedeschi") sono state fatte dall'avvocato, giornalista e scrittore statunitense Glenn Greenwald.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Tim Skirvin, How to post about Hitler and get away with it—the Godwin's law FAQ, su Skirv's Wiki, 15 settembre 1999. (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 1999).
  2. ^ a b c d Godwin, Mike, Meme, Counter-meme, in Wired, ottobre 1994. URL consultato il 24 marzo 2006.
  3. ^ a b Godwin, Mike, Godwin's law of Hitler Analogies (and Corollaries), su EFF.org, Electronic Frontier Foundation, 12 gennaio 1995, pp. "Net Culture – Humor" archive section. URL consultato il 19 giugno 2012.
  4. ^ Godwin, Mike, Re: Nazis (was Re: Card's Article on Homosexuality, su rec.arts.sf-lovers, 18 agosto 1991.
  5. ^ Ben Goldacre, Pope aligns atheists with Nazis. Bizarre. Transcript here., su bengoldacre – secondary blog, 16 settembre 2010. (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2013).
  6. ^ Stanley, Timothy, Hillary, Putin's no Hitler, in Opinion, CNN, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 marzo 2014.
  7. ^ Godwin's law, su Oxford English Dictionary, Oxford University Press. URL consultato il 27 febbraio 2013.
  8. ^ I Seem To Be A Verb: 18 Years of Godwin's Law, Jewcy.com, 30 aprile 2008. URL consultato il 16 aprile 2010.
  9. ^ Mike Godwin, Sure, call Trump a Nazi. Just make sure you know what you’re talking about., in Washington Post, 14 dicembre 2015.
  10. ^ "Internet rules and laws: the top 10, from Godwin to Poe". The Daily Telegraph (Londra), 23 ottobre 2009.
  11. ^ David Weigel, "Hands Off Hitler! It's time to repeal Godwin's Law" Reason magazine, 14 luglio 2005.
  12. ^ Mitt Hitler and Double Standards: Godwin's Law Applies to Thee, But Not to Me, No Pasarán, 28 maggio 2012.
  13. ^ Greenwald, Glenn (1 luglio 2010) The odiousness of the distorted Godwin's Law, Salon.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]