Lauteraarhorn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lauteraarhorn
La montagna vista dal lago di Grimsel (da est).
La montagna vista dal lago di Grimsel (da est).
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Berna Berna
Altezza 4.042 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°35′00″N 8°07′41″E / 46.583333°N 8.128056°E46.583333; 8.128056Coordinate: 46°35′00″N 8°07′41″E / 46.583333°N 8.128056°E46.583333; 8.128056
Data prima ascensione 8 agosto 1842
Autore/i prima ascensione Pierre Jean Édouard Desor, Christian Girard, Arnold Escher von der Linth con le guide Melchior Bannholzer and Jakob Leuthold
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Lauteraarhorn
Lauteraarhorn
Mappa di localizzazione: Alpi
Lauteraarhorn
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Bernesi
Sottosezione Alpi Bernesi
in senso stretto
Supergruppo Catena Schreckhorn-Wetterhorn
Gruppo Gruppo del Schreckhorn
Codice I/B-12.II-C.6

Il Lauteraarhorn (4.042 m s.l.m.) è un monte che fa parte del Massiccio dell'Aar, nelle Alpi Bernesi, in Svizzera. È affiancato dallo Schreckhorn a Nord e dal Finsteraarhorn a Sud.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Lauteraarhorn (al centro) visto da sud. Al centro sinistra lo Schreckhorn; sulla destra il Klein Lauteraarhorn e poi l'Hugihorn.

Ai piedi del Lauteraarhorn si trovano i ghiacciai Lauteraargletscher e Finsteraargletscher, che successivamente confluiscono nell'Unteraargletscher.

Ascensione[modifica | modifica wikitesto]

La prima salita alla vetta fu compiuta l'8 agosto 1842 da parte dei geologi Pierre Jean Édouard Desor, Christian Girard, Arnold Escher von der Linth con le guide Melchior Bannholzer e Jakob Leuthold. L'ascensione di questa e altre vette circostanti, rientrava nel programma studi che si stavano conducendo sull'orografia e la comprensione delle glaciazioni del passato.

L'ascesa è tuttora non agevole in quanto richiede una marcia di avvicinamento di 22 km prima di arrivare al bivacco denominato Aarbiwak.[1]. Infatti occorre partire dal Grimselsee, risalire l'Unteraargletscher e poi il Finsteraargletscher prima di arrivare al bivacco. Dal bivacco si risale lo Strahlegg gletscher. Poi per risalti rocciosi e pendii nevosi si sale il versante sud della montagna fino ad innestarsi sulla cresta sud-est che conduce alla vetta. La via è classificata AD[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richard Goedeke, 4000 des Alpes. Toutes les voies normales des sommets de 4000 mètres, pagg. 50-53, LIBRIS, 2007
  2. ^ Descrizione della via su digilander.libero.it. URL consultato l'11-09-2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Helmut Dumler e Willi P. Burkhardt: Viertausender der Alpen. Bergverlag Rother, München 2001, ISBN 3-7633-7427-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]