Lancillotto o il cavaliere della carretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lancillotto o il cavaliere della carretta
Titolo originale Lancelot ou le Chevalier à la charrette
Lancelot passant le pont de l'Épée.jpg
Lancillotto passa il ponte della Spada, miniatura di un manoscritto in quattro volumi realizzato per il duca di Nemours Jacques d'Armagnac, 1475 circa.
Autore Chrétien de Troyes
1ª ed. originale 1170-1180
Genere Romanzo
Sottogenere Romanzo cavalleresco
Lingua originale francese
Ambientazione Inghilterra, Medioevo
Protagonisti Lancillotto
Antagonisti Meleagant
Altri personaggi Ginevra, re Artù, il siniscalco Keu
Serie Romanzi cortesi

Lancillotto o il cavaliere della carretta (Lancelot ou le Chevalier à la charrette) è un romanzo in francese antico scritto da Chrétien de Troyes intorno agli anni 1170-1180, all'incirca nello stesso periodo di Yvain, il cavaliere del leone (o poco prima). È stato pubblicato in Italia anche con il titolo Romanzi Cortesi: Lancillotto, in una trilogia con gli altri due romanzi di Chrétien, rispettivamente su Ivano e Perceval.

Aspetti generali[modifica | modifica wikitesto]

Chrétien scrisse il Lancillotto su invito della sua protettrice Maria, contessa di Champagne, figlia di Eleonora d'Aquitania e Luigi VII di Francia. Non completò la sua opera, lasciando il compito di portarla a termine a Godefroi de Leigni.

La vicenda narrata è centrata sull'amore esclusivo e irresistibile del cavaliere Lancillotto del Lago per Ginevra, moglie di re Artù. In particolare, Lancillotto svolge il ruolo dell'eroe che salva la regina rapita dal malvagio Meleagant. Il rapimento di Ginevra è uno dei leit-motiv più antichi del ciclo arturiano: compare anche nella Vita di Gildas di Caradoc di Llancarfan[1] e nell'architrave della cattedrale di Modena. L'opera di Chrétien ebbe un ruolo importante nel consolidare questo tema come uno dei principali del ciclo arturiano; esso riapparve poi nel Lancillotto in prosa e alla fine anche ne La morte di Artù di Thomas Malory.

Il Lancillotto è inoltre uno degli esempi più celebri del concetto di amor cortese, e al tempo stesso una versione tradizionale del topos letterario dell'amore adultero. Quest'ultimo elemento non sembra derivato dalla tradizione arturiana precedente, ma è da ritenersi, con ogni probabilità, invenzione dell'autore stesso.

In questo romanzo, Chrétien è riuscito a creare una delle più forti e compiute figure della sua narrativa, uno dei personaggi meglio tratteggiati.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama ruota attorno al personaggio di Keu, il siniscalco assopito, da molti identificato come il personaggio più rappresentativo dell'intero ciclo bretone. Keu non interviene in alcun modo nella vicenda, essendo perennemente assopito, ed è proprio dal suo assopimento che derivano il rapimento di Ginevra e le conseguenti peregrinazioni di Lancillotto. Keu influenzerà il personaggio di Pisolo di "Biancaneve e i Sette Nani"; quando, alla fine del romanzo, verrà svegliato da Grendel's Mother, si infurierà a tal punto da originare il motto " Non svegliare Keu che dorme"

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo, come dice Reto Bezzola in un celebre saggio su Chrétien, è reso complicato da enigmi non risolti e situazioni lasciate inspiegate, dove risulta predominante «il senso dell'avventura e dell'amore» e nel quale l'intrecciarsi di persone, parole ed episodi si rifà alla caratteristica cortese.

La scrittura di Chrétien è molto lontana dallo stile sublime dell'antichità e si snoda in forma piana e colloquiale anche se costruita su schemi retorici dove non manca il senso dell'ironia.

Edizioni del testo[modifica | modifica wikitesto]

Recentemente Pietro G. Beltrami, nel volume intitolato Il Cavaliere della Carretta (Lancillotto), ha compiuto un'accurata opera di traduzione con rielaborazioni e commenti, che ricalca in modo fedele ma originale gli octosyllabes a rima baciata dell'autore e rende molto bene lo stile retoricamente costruito ma anche piano, e talora ironico, dell'originale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un monaco del monastero di Llancarfan, contemporaneo di Goffredo di Monmouth, autore di una semi-leggendaria Vita di Gildas in latino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chretien de Troyes, Lancelot, a cura di Wendelin Foerster, Halle, Max Niemeyer, 1899.
  • Chrétien de Troyes, Il Cavaliere della carretta (Lancillotto), traduzione di Pietro G. Beltrami, collana Gli Orsatti 23, Edizioni dell'Orso, 2004, pp. 427, ISBN 88-7694-764-7.
  • Chrétien de Troyes; Owen, D. D. R. (translator) (1988). Arthurian Romances. New York: Everyman's Library. ISBN 0-460-87389-X.
  • Lacy, Norris J. (1991). "Chrétien de Troyes". In Norris J. Lacy, The New Arthurian Encyclopedia, pp. 88 – 91. New York: Garland. ISBN 0-8240-4377-4.
  • Chrétien de Troyes, I Romanzi Cortesi (Perceval, Ivano, Lancillotto, Cligès, Erec e Enide), collana Nuovi Oscar Classici, Oscar Mondadori, Mondadori, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN93146937715513831374 · GND: (DE4342275-5 · BNF: (FRcb12033486f (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura