La sorgente del fiume

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La sorgente del fiume
La sorgentе del fiume.png
una scena del film
Titolo originale Trilogia: To livadi pou dakryzei
Paese di produzione Grecia, Francia, Italia, Germania
Anno 2004
Durata 170 min
Genere drammatico
Regia Theodoros Angelopoulos
Soggetto Theodoros Angelopoulos
Sceneggiatura Theodoros Angelopoulos, Tonino Guerra, Petros Markaris e Giorgio Silvagni
Fotografia Andreas Sinanos
Montaggio Giorgos Triandafyllou
Musiche Eleni Karaindrou
Scenografia Kostas Lambropoulos, Costas Dimitriadis e Giorgos Patsas
Interpreti e personaggi

La sorgente del fiume è un film di Theodoros Angelopoulos del 2004.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Grecia, anni trenta / anni quaranta.
Nel golfo di Salonicco, sulla sponda del fiume Vedar, giugono da Odessa centinaia di profughi sfuggiti all’armata rossa. Siamo nel 1919. In testa al gruppo, il capo villaggio con la moglie, il figlio e una bambina orfana, la piccola Eleni. Si stabiliscono accanto al fiume e vivono con umiltà e dignità in pace. Anni dopo, Eleni partorisce di nascosto dalla comunità due gemelli, avuti da Nikos, il ragazzo con il quale è cresciuta come una sorella. I due sono molto innamorati,ma per salvare le apparenze i gemelli vengono dati in adozione, mentre Eleni, secondo costume della comunità, è costretta a sposare il capo del villaggio, che l’ha cresciuta come una figlia. La ragazza però fugge nel giorno del matrimonio con Nikos, l’amato. I due sono costretti a nascondersi, e a vivere da nomadi, rasentando la miseria, ma sono innamorati e felici. Nikos è un bravo suonatore di fisarmonica e conosce alcuni musicisti con i quali si esibirà per racimolare qualche soldo. I due ragazzi decidono di riprendersi i figli, e tornare nella casa familiare. Non solo hanno problemi a farsi accettare dalla comunità, ma il fiume esonda, portando tutti ad emigrare altrove. La guerra incombe: Nikos emigrerà in America, Eleni sarà arrestata e vedrà i cadaveri di entrambi i figli, soldati di due opposte fazioni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ita CINEMA D'ASCOLTO, il cinema dei paesi mediterranei - M.Ungaro
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema
cinema d'ascolto, saggio critico sul cinema greco. Mariangela Ungaro