La dea della guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Ciclo di Avalon.

La dea della guerra
Titolo originale Ravens of Avalon
Autore Marion Zimmer Bradley e Diana L. Paxson
1ª ed. originale 2006
Genere romanzo
Sottogenere fantasy, romanzo storico
Lingua originale inglese
Ambientazione Britannia, Secolo I
Serie Ciclo di Avalon
Preceduto da La spada di Avalon
Seguito da Le querce di Albion

La dea della guerra è un romanzo fantasy facente parte del Ciclo di Avalon, che per anni ha impegnato la scrittrice statunitense Marion Zimmer Bradley fino alla sua morte nel 1999, ora proseguito da Diana L. Paxson.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È ambientato in un'epoca indefinita, ma che si può collocare dopo le spedizioni di Cesare e prima della Conquista della Britannia da parte di Claudio.
I Romani minacciano di invadere la Britannia, divisa in tribù e priva della forza e della coesione necessarie per impedirlo. Una ragazza di nobile stirpe chiamata Boudica, figlia del capo degli Iceni, è stata mandata ad Avalon per essere iniziata agli antichi misteri. Intraprende il viaggio insieme alla potente sacerdotessa Lhiannon, che diventerà la sua migliore amica.
Torna nella terra degli Iceni e viene data in sposa ad un nobile locale, Prasutagos, abile sia nell'arte militare sia nell'oratoria politica; egli sfrutta le proprie abilità per allearsi con Roma e rinviare l'invasione.
Egli riesce nel suo intento, garantendo al suo popolo una temporanea autonomia, ma dopo la sua morte Boudica e i figli si troveranno in pericolo.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy