L'eletta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L’eletta
L’eletta (film).jpg
Logo del film
Titolo originaleL’eletta
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2006
Durata50 min
Generedocumentario, biografico
Regia
Casa di produzioneBoa Film - New York
FotografiaVictor Ibanez
MontaggioDanilo Galli
Interpreti e personaggi
Vladimir Luxuria: se stessa

L’eletta è un docu-film italiano del 2006 diretto da Camilla Paternò e incentrato su Vladimir Luxuria.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'opera tratta la campagna elettorale di Vladimir Luxuria, la prima donna transgender a sedere nel Parlamento italiano. Da animatrice di serate in locali gay trova la fama nei salotti televisivi e raggiunge la consacrazione come paladina dei diritti LGBT con l’organizzazione del primo World Gay Pride a Roma nell’anno del Giubileo. Luxuria entra in parlamento e con lei emerge uno spaccato sociale di un’Italia che cambia a dispetto dei pregiudizi. Grazie alle sue battaglie sociali in giro per l‘Italia le istanze delle persone LGBT assumono visibilità e riconoscimento sociale.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vladimir Luxuria #IJF19, su Festival Internazionale del Giornalismo. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  2. ^ Vladimir Luxuria - Rai, su www.rai.it. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  3. ^ L'eletta - Bellaria Film Festival - Bellaria Igea Marina (RN) - ITALY, su www.bellariafilmfestival.org. URL consultato il 4 febbraio 2019.