Jozef Gabčík

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jozef Gabčík
Operace Anthropoid - Jozef Gabčík.jpg
8 aprile 1912 – 18 giugno 1942 (30 anni)
Nato aPoluvsie
Morto aPraga
Cause della mortescontro a fuoco
Dati militari
Paese servitoFlag of the Czech Republic.svg Cecoslovacchia
Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito
Forza armataEsercito cecoslovacco in esilio
UnitàSpecial Operations Executive
Anni di servizio1939-1942
GradoSergente di squadra
GuerreSeconda guerra mondiale
BattaglieOperazione Anthropoid
DecorazioniTCH CS Vojensky Rad Bileho Lva 1st (1945) BAR.svg Czechoslovak War Cross 1939-1945 Ribbon.png Czechoslovak War Cross 1939-1945 (2x) Bar.png
TCH CS voj pametni medaile (F-VB) BAR.svg Czechoslovak War Cross 1939-1945 (3x) Bar.png Czechoslovak Military Order for Liberty Rib copy.png
CZE Rad Bileho Lva 3 tridy BAR.svg TCH Rad M-R-Stefanika 3tr BAR.svg
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Josef Gabčík (Poluvsie, 8 aprile 1912Praga, 18 giugno 1942) è stato un militare e partigiano cecoslovacco.

Origini e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa dei Santi Cirillo e Metodio: il luogo dell'ultima resistenza

Nato nel 1912 a Poluvsie, un comune della Slovacchia allora parte dell'Impero austroungarico, sottufficiale di fanteria e poi profugo nel 1940 in un campo polacco, Jozef Gabčík riuscì a raggiungere la Gran Bretagna ove entrò a far parte di un gruppo di patrioti cecoslovacchi addestrati e diretti dallo Special Operations Executive[1]. Paracadutato dagli inglesi nella zona di Praga[1], Gabčík fu uno dei membri del commando che, il 27 maggio 1942, nei pressi della capitale, portò a termine l'attentato, Operazione Anthropoid, contro il generale delle SS Reinhard Heydrich, Reichsprotektor di Boemia e Moravia, mentre a bordo dell'auto di ordinanza, una Mercedes-Benz nera decappottabile, si dirigeva verso l'aeroporto di Ruzyně[2].

Il gruppo dei partigiani, oltre che da Gabčík, era formato da Adolf Opálka (il capo), Josef Valčík e Jan Kubiš. Gabčík tentò per primo di colpire il generale tedesco con il mitra, ma l'arma (uno sten) si inceppò[1]. Kubiš lanciò, allora, una bomba a mano contro l'auto ferendo gravemente il gerarca nazista.

Dopo l'attentato, il commando si rifugiò in una cripta della chiesa praghese dei Santi Cirillo e Metodio[1]. I tedeschi, scoperto il rifugio per una delazione, il 18 giugno dello stesso anno circondarono l'edificio. Opálka, Kubis e un terzo partigiano furono uccisi nel combattimento. Altri quattro compagni preferirono suicidarsi per evitare la cattura.

Heydrich, ricoverato in ospedale per le gravi ferite, era deceduto il 4 giugno per setticemia. Sei giorni dopo, il 10 giugno, per rappresaglia le truppe naziste rasero al suolo il villaggio agricolo di Lidice, a sedici chilometri da Praga[3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze cecoslovacche[modifica | modifica wikitesto]

Stella d'Oro dell'Ordine Militare del Leone Bianco - nastrino per uniforme ordinaria Stella d'Oro dell'Ordine Militare del Leone Bianco
Croce di guerra Cecoslovacca - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra Cecoslovacca
— 1940
Croce di guerra Cecoslovacca - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra Cecoslovacca
— 1942
Medaglia Militare Commemorativa con barrette "F" e "FB" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Militare Commemorativa con barrette "F" e "FB"
— 1944
Croce di guerra Cecoslovacca - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra Cecoslovacca
— 1945
Stella dell'Ordine Militare per la Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Stella dell'Ordine Militare per la Libertà
— 1949
Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Leone Bianco - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Leone Bianco
— 1968
Cavaliere di III Classe dell'Ordine di Milana Rastislava Štefánika - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe dell'Ordine di Milana Rastislava Štefánika
— 1992

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Croix de guerre 1939-1945 (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945 (Francia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Arrigo Petacco, op. citata in Bibliografia.
  2. ^ Gianni Ferraro, Enciclopedia dello spionaggio nella seconda guerra mondiale, voce "Anthropoid, Operazione", Roma, Sandro Teti Editore, 2010, p. 38.
  3. ^ Le motivazioni della scelta sono piuttosto oscure. «Sembra che Lidice venisse scelta secondo il principio pubblicitario che induce un uomo ad acquistare un certo sapone per averne visto il nome scritto da qualche parte.» Il nome di Lidice era noto alle autorità tedesche per un episodio del 1939, quando due uomini del paese avevano lasciato la Cecoslovacchia per arruolarsi nella RAF. Inoltre la Gestapo aveva più recentemente intercettato un messaggio sospetto che, per un'omonimia, si pensava facesse riferimento a quella stessa località. Vedi: Richard Livingstone, La distruzione di Lidice in Storia della seconda guerra mondiale, a cura di sir Basil Liddell Hart e Barrie Pitted, ed. Rizzoli-Purnell, 1967, terzo volume, p. 258.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45137328 · ISNI (EN0000 0000 5538 556X · LCCN (ENno2007150119 · GND (DE12064469X