Aeroporto di Praga-Ruzyně

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Praga-Ruzyně
aeroporto
PRG Ruzyne airport view 8971b.jpg
Vista dall'alto
Codice IATAPRG
Codice ICAOLKPR
Nome commercialeLetiště Václava Havla
Descrizione
Tipocivile
GestoreLetiště Praha, a.s.
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
RegionePraga Praga
CittàPraga
Posizione10 km a Ovest del castello di Praga
Altitudine376 m s.l.m.
Coordinate50°06′03″N 14°15′36″E / 50.100833°N 14.26°E50.100833; 14.26Coordinate: 50°06′03″N 14°15′36″E / 50.100833°N 14.26°E50.100833; 14.26
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Repubblica Ceca
LKPR
LKPR
Sito web
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
06/243 715 x 45 mcemento
ILS
12/303 250 x 45 mcemento
ILS
04/222 120 x 60 mConglomerato bituminoso
ILS
Statistiche (2015)
Passeggeri in transito12.030.928
i dati sono estratti da AIP Czech Republic[1]
verificato il 16 aprile 2015

L'Aeroporto di Praga-Ruzyně[2] (IATA: PRGICAO: LKPR) (in ceco Letiště Václava Havla), noto con il nome commerciale di Letiště Václava Havla Praha è un aeroporto ceco situato a 10 chilometri a Ovest del centro della città di Praga ed è l'aeroporto principale della Repubblica Ceca e uno dei più importanti dell'Europa centro-orientale. Nel 2007 sono transitati da Praga quasi 12 milioni e mezzo di passeggeri. L'aeroporto è intitolato, nella sua dicitura commerciale, a Václav Havel (1936-2011), ultimo presidente della Cecoslovacchia e primo della Repubblica Ceca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'Aeroporto di Václav Havel venne inaugurato il 5 aprile 1937 ma la storia dell'aviazione civile cecoslovacca iniziò nell'aeroporto militare di Praga-Kbely nel 1919. A causa della insufficienza delle strutture, negli anni trenta il governo decise di aprire un nuovo aeroporto civile di Stato, a Ruzyně. L'aeroporto vinse il Diploma e Medaglia d'Oro nel 1937 alla fiera internazionale di arte e tecnica a Parigi (Exposition Internationale des Arts et Techniques dans la Vie Moderne) per la concezione tecnica dell'aeroporto, prima di tutto per l'architettura dell'edificio check-in (oggi conosciuto come Terminal Sud 1) dell'architetto Adolf Benš[3]. Altri premi furono vinti per la modernità, durante le fasi di sviluppo dell'aeroporto. Tutto ciò aumentò l'interesse delle compagnie aeree ad usare l'aeroporto di Praga.

Evoluzione del traffico passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 – 1 milione
  • 1975 – 2 milioni
  • 1995 – 3 milioni
  • 1997 – 4 milioni
  • 2000 – 5 milioni
  • 2001 – 6 milioni
  • 2003 – 7 milioni
  • 2005 – 10 milioni

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

Per raggiungere l'aeroporto dal centro di Praga è attivo un servizio di autobus del trasporto pubblico urbano. Le linee sono le seguenti: 100, 119, 254, 179. Tutte portano verso svariate fermate della metropolitana. In orario notturno è attivo il bus numero 510 (da mezzanotte fino alle ore 3:30) che parte dall'aeroporto in direzione della stazione di tram Divoka Šárka, da dove poi si può proseguire con il tram.

Terminal[modifica | modifica wikitesto]

Terminal 1[modifica | modifica wikitesto]

È utilizzato per i voli al di fuori dell'area Schengen verso Stati Uniti, Canada, Medio Oriente, Asia, Africa e Regno Unito.

Terminal 2[modifica | modifica wikitesto]

Vi atterrano i voli all'interno dell'area Schengen. La sua apertura risale a gennaio 2006.

Terminal 3[modifica | modifica wikitesto]

È usato per i voli VIP e charter. La sua apertura è avvenuta nel 1997.

Terminal 4[modifica | modifica wikitesto]

Costituisce la parte più antica dello scalo. Oggi è usato per i voli VIP e per le visite ufficiali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CSEN) LKPR - PRAHA/RUZYNĚ (PDF), in AD Aerodromes, http://lis.rlp.cz. URL consultato il 16 aprile 2015.
  2. ^ (CSEN) AAD Aerodromes, su Letecká informační příručka, http://lis.rlp.cz. URL consultato il 22 aprile 2014.
  3. ^ Voce biografica su Oxford Index, from From A Dictionary of Architecture and Landscape Architecture in Oxford Reference - Consultato il 23 luglio 2017

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN144724597 · LCCN (ENn2009071830