Jerzy Sas Kulczycki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jerzy Sas Kulczycki
Jerzy Sas Kulczycki.jpg
24 dicembre 1905 – 12 luglio 1944
Soprannome"colonnello Sassi" e successivamente "Orione"
Nato aRoma
Morto aFossoli, (frazione di Carpi, Modena)
Cause della morteFucilazione
Luogo di sepolturaRoma, cimitero monumentale del Verano.
Dati militari
Paese servitoItalia
Forza armataRegia Marina, CLN, VAI
SpecialitàUfficiale di tiro
GradoCapitano di Fregata
Guerreseconda guerra mondiale
CampagneTeatro del Mediterraneo, Resistenza italiana
Decorazionimedaglia d'oro al valor militare alla memoria
voci di militari presenti su Wikipedia

Jerzy Sas Kulczycki, nome di battaglia prima "Colonnello Sassi" successivamente "Orione" (Roma, 1905Fossoli, 12 luglio 1944) è stato un militare e partigiano italiano, medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jerzy (Giorgio) Sas Kulczycki nasce in una famiglia della buona borghesia romana. Il padre Sigismondo, di origine polacca, è un letterato, poeta e professore di letteratura latina al Liceo Tasso di Roma e nel 1921 lo iscrive all'Accademia Navale di Livorno. Nel 1927 Jerzy è promosso Guardiamarina; nella Seconda guerra mondiale è ufficiale su navi da guerra e partecipa, fra l'altro, alla battaglia di Capo Matapan come ufficiale di tiro. Viene decorato con medaglia di bronzo al valor militare.

Con l'armistizio di Cassibile decide di non passare alla Repubblica Sociale Italiana e fugge da Trieste, dove si trovava imbarcato sulla Corazzata Conte di Cavour come Capitano di Fregata. Viene quindi incaricato dal governo Badoglio di riunire i militari italiani sbandati e formare dei corpi di resistenza contro i nazi-fascisti.

Si impegna pertanto attivamente nella formazione delle prime bande partigiane in Veneto.[1]

Diventa comandante militare in Veneto (primato assoluto nell'Italia occupata), e successivamente consulente del CLN Veneto; costretto a trasferirsi a Milano, è il fondatore dei Volontari Armati Italiani su ordine del Generale Badoglio, per poi diventarne Capo di Stato Maggiore.

Il comando tedesco pone allora una taglia di tre milioni sulla sua testa. Il 15 aprile 1944 si trova a Genova dove viene arrestato in seguito ad una delazione. È trasferito dapprima a Milano nel carcere di S. Vittore, poi, nel luglio seguente, viene condotto con altri a Fossoli, presso Carpi, dove viene fucilato (colpo di pistola alla nuca) il 12 luglio 1944, nel vicino campo di tiro di Cibeno e nello stesso giorno di Carlo Bianchi. Egli è pertanto una delle vittime dell'Eccidio di Cibeno[2].

È sepolto a Roma nel Cimitero del Verano nella tomba di famiglia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Ufficiale superiore di eccezionali virtù militari e morali, già distintosi in operazioni di guerra e pervaso da profondo amor patrio, faceva fronte, all'armistizio, ai nemici della Patria iniziando senza indugio l'organizzazione dei primi gruppi militari di resistenza nella regione veneta. Riconosciuto successivamente capo di Stato Maggiore del Movimento dei Volontari Armati Italiani, dava vita nelle regioni settentrionali a notevole attività militare e di sabotaggio contro l'oppressore e i suoi accoliti. Sottoposto a grossa taglia, indifferente ai rischi incombenti svolgeva durante sette mesi opera fattiva di animatore e di capo. Attivamente ricercato, veniva arrestato solo in seguito a delazione. Superbo esempio ai presenti per serenità e grandezza di animo di fronte al plotone di esecuzione, donava alla Patria un'esistenza tutta dedicata alla sua grandezza ed al proprio dovere di soldato e di marinaio.[3]»
— Fossoli, 12 luglio 1944
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
— Mediterraneo centrale, marzo 1942
  • Encomio Solenne (Mediterraneo, ottobre 1940);
  • Encomio Solenne (Mare Ionio, notte del 12 novembre 1940).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • A Jerzy Sas Kulczycki è stata intitolata una strada a Livorno e una a Roma, nonché un'aula dell'Accademia navale di Livorno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Google Books - Un soffio di libertà: la Resistenza nel Basso Piave : Fossalta, Musile, Noventa, San Donà, Di Morena Biason, Sezione di San Donà di Piave, Associazione nazionale partigiani d'Italia, Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, Nuova Dimensione Edizioni, 2007, ISBN 88-89100-41-9, 560 pag
  2. ^ [2] Voce di Carpi - Una strage per punire l'Italia più coraggiosa - Il libro di Ori, Bianchi e Montanari su Cibeno - 8 marzo 2009
  3. ^ [3] Quirinale Scheda - 8 febbraio 2009

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Paoletti, Jerzy Sas Kulczycky "Colonnello Sassi", primo organizzatore della resistenza in Veneto (settembre-dicembre 1943), Menin editori, 2004, 168 pag.
  • Morena Biasion, Un soffio di libertà: la Resistenza nel Basso Piave: Fossalta, Musile, Noventa, San Donà, Nuova Dimensione Edizioni, 2007, ISBN 88-89100-41-9, 560 pag.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [4]ANPI - scheda - visto 8 marzo 2009
  • [5]Marina militare - scheda - visto 8 marzo 2009
  • [6]Il Mascellaro - scheda - visto 8 marzo 2009
Controllo di autoritàVIAF (EN316446075 · BNF (FRcb15945142n (data)