Jedismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il jedismo (o jediismo[1]) è una filosofia [2] principalmente basata sulla rappresentazione dei personaggi Jedi nei media di Star Wars.[3] Il jedismo ha attirato l'attenzione pubblica nel 2001 quando un certo numero di persone ha registrato la propria religione come "Jedi" nei censimenti nazionali inglesi.

Il jedismo è ispirato da alcuni elementi di Star Wars, in particolare la religione immaginaria degli Jedi. I primi siti web dedicati a far apparire un sistema di credenze dai film di Star Wars erano "La religione e le normative Jedi" e "Jediism". Questi siti web hanno citato il codice Jedi, costituito da 21 massime, come punto di partenza per un sistema di credenze "vero Jedi".[4] Il movimento del jedismo nel mondo reale non ha fondatori o strutture centrali.[5]

Credenze[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i seguaci del jedismo riconoscano l'influenza di Star Wars sulla loro religione, seguendo i codici morali e spirituali dimostrati dai Jedi immaginari,[6] sostengono anche che il loro percorso è diverso da quello dei personaggi immaginari e che il Jedismo non si concentra sul mito e la finzione trovati in Star Wars.[7] Mentre ci sono alcune variazioni nell'insegnamento, i Jedi del "Tempio dell'Ordine Jedi" seguono i "16 insegnamenti" basati sulla presentazione dei Jedi immaginari, come ad esempio: "I Jedi sono consapevoli delle emozioni negative che portano al Lato Oscuro" e "I Jedi sono custodi della pace e della giustizia".[8] Gli aderenti seguono anche le "21 massime".[4][9]

Censimento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Religione Jedi nei censimenti.

Il jedismo ha ricevuto un’ampia copertura mediatica a seguito di una campagna di e-mail mondiale nel 2001, esortando le persone a scrivere "Jedi" come risposta alla domanda di classificazione della religione nel censimento del loro paese. Si presume che la maggior parte di questi intervistati abbia rivendicato la fede come uno scherzo.[10][11][12]

Riconoscimenti legali[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, il Tempio dell'Ordine Jedi fu registrato in Texas. È stata concessa l'esenzione dall'IRS nel 2015.[13]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Durante la stesura della legge sull'odio razziale e religioso del Regno Unito, fu proposto un emendamento che escludeva i cavalieri Jedi da qualsiasi protezione, insieme a satanisti e credenti nel sacrificio animale. L'emendamento è stato successivamente ritirato, il proponente ha spiegato che era "un po' uno scherzo" e che è difficile definire la fede religiosa nella legislazione.[14]

Nel 2007,[15] Daniel Jones, 23 anni, ha fondato La Chiesa del Jedismo con suo fratello Barney, credendo che il censimento del Regno Unito del 2001 avesse riconosciuto il Jedismo come religione e che esistessero "più Jedi che scientologist in Gran Bretagna".[11] Nel 2009, Jones è stato cacciato da un supermercato Tesco a Bangor, nel Galles del Nord, per essersi rifiutato di togliersi il cappuccio su base religiosa. Il proprietario ha giustificato l'espulsione di Jones dicendo: "Non è stato bandito. I Jedi sono i benvenuti a fare acquisti nei nostri negozi, anche se chiediamo loro di rimuovere i loro cappucci. Obi-Wan Kenobi, Yoda e Luke Skywalker sono apparsi senza cappuccio senza mai andare verso il lato oscuro e sappiamo che solo l' imperatore non si è mai tolto il cappuccio."[16]

Nel 2010, un uomo che si è descritto come un "seguace di Star Wars" e "cavaliere Jedi" è stato espulso da un centro di lavoro nel Southend, nell'Essex, per essersi rifiutato di togliersi il cappuccio, e in seguito ha ricevuto le scuse. L'uomo disse che "Il motivo principale per cui voglio indossare il mio cappuccio è che ho una religione che mi permette di farlo."[17]

Nel 2013, la Free Church of Scotland ha espresso preoccupazione per il fatto che una proposta di legge sul matrimonio e sul partenariato civile "condurrebbe alle coppie di sposi Jedi di Star Wars". Patrick Day-Childs of The Church of Jedism e Rev Michael Kitchen del Temple of the Jedi Order, hanno difeso il diritto dei Jedi a celebrare le cerimonie matrimoniali.[18][19]

Nel dicembre 2016, la Commissione di beneficenza per l'Inghilterra e il Galles ha respinto una domanda di concessione dello status di organizzazione di beneficenza a The Temple of the Jedi Order, dichiarando che il gruppo non "promuoveva il miglioramento morale o etico" ai fini della legge di beneficenza.[20]

Turchia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2015, gli studenti dell'Università Dokuz Eylül in Turchia hanno avviato una petizione su Change.org chiedendo la costruzione di un tempio Jedi nel campus. La petizione era in risposta a una precedente petizione che aveva richiesto una moschea nel campus dell'Università tecnica di Istanbul (İTÜ). La petizione che chiedeva la moschea raggiunse 180.000 firme, non raggiungendo il suo obiettivo di 200.000, e invocò una risposta da Mehmet Karaca, il rettore dell'Università tecnica di Istanbul (İTÜ), promettendo "una moschea storica". Poco dopo, studenti di altre università hanno avviato petizioni per chiedere templi Jedi e buddisti nei loro campus.[21][22]

La Chiesa del Jedismo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa del Jedismo internazionale fu fondata nel 2007, a 21 anni, da Daniel Jones, un inglese affetto dalla sindrome di Asperger e grande fan di Guerre Stellari. Il suo libro mistico-filosofico Become the Force – 9 Lessons on how to live as a jediist master, è stato tradotto in Italia nel 2017 col titolo Tu sei l'ultimo jedi per Sperling & Kupfer. Youtuber, oratore a convegni sull'autismo, scrittore e "maestro Jedi", egli la vive come una filosofia di vita: "Siamo in periodi in cui è fondamentale lottare contro il lato oscuro".

Circa 500.000 persone invece hanno registrato l'appartenenza alla Chiesa Jedi ritenendola una vera religione di tipo sincretico-panteistico-New Age.[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dan Lamonthe, The Pentagon’s Pugnacious Critic on Religion Gets his Day in Congress, su Washington Post, 18 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2015.
  2. ^ (EN) Jedi is not a religion, Charity Commission rules, su bbc.co.uk, 19 dicembre 2016. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) Lynne Hume e Kathleen McPhillips, Popular spiritualities: the politics of contemporary enchantment, Ashgate Publishing, Ltd., 2006, p. 59, ISBN 978-0-7546-3999-2.
  4. ^ a b (EN) Matthew Wilhelm Kapell e John Shelton Lawrence, Finding the Force in the Star Wars Franchise: Fans, Merchandise, and Critics, Peter Lang, 2006, ISBN 0-8204-6333-7.
  5. ^ (EN) Nancy K. Grant Ph. D., Ph. D. Diana J. e Mansell R. N., A Guidebook to Religious and Spiritual Practices for People Who Work With People, iUniverse, 30 ottobre 2008, pp. 249–251, ISBN 978-0-595-50527-2. URL consultato il 16 luglio 2012.
  6. ^ (EN) Christopher Deacy, Exploring religion and the sacred in a media age, Ashgate Publishing, Ltd., 2009, p. 15, ISBN 978-0-7546-6527-4.
  7. ^ (EN) Matthew Kapell, Finding the Force of the Star Wars Franchise: Fans, Merchandise, & Critics, Peter Lang, 1º agosto 2006, pp. 105–112, ISBN 978-0-8204-6333-9. URL consultato il 16 luglio 2012.
  8. ^ (EN) Catherine Beyer, Basic teachings of the Jedi, su altreligion.about.com, The New York Times Company. URL consultato il 6 settembre 2013.
  9. ^ (EN) Doctrine of the Temple of the Jedi Order, Temple of the Jedi Order. URL consultato il 6 settembre 2013.
  10. ^ (EN) Henry Taylor, 'Jedi' religion most popular alternative faith, su telegraph.co.uk, Telegraph Media Group, 11 dicembre 2012. URL consultato il 14 dicembre 2012.
  11. ^ a b (EN) Carole M. Cusack, Invented Religions: Faith, Fiction, Imagination, Ashgate Publishing, Ltd., 15 settembre 2010, p. 125, ISBN 978-0-7546-6780-3. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  12. ^ (EN) Alan Perrott, Jedi Order lures 53,000 disciples, su nzherald.co.nz, APN News & Media, 31 agosto 2002. URL consultato il 30 luglio 2013.
  13. ^ (EN) IRS Determination Letter (PDF), su templeofthejediorder.org.
  14. ^ (EN) Racial and Religious Hatred Bill, su publications.parliament.uk, 29 giugno 2005. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  15. ^ (EN) Jonathan Wells, Inside the Church of Jediism: what it's like to follow The Force, Telegraph, 15 dicembre 2015. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  16. ^ (EN) Helen Carter, Jedi religion founder accuses Tesco of discrimination over rules on hoods, The Guardian, 18 settembre 2009. URL consultato il 22 febbraio 2011.
  17. ^ (EN) Andrew Levy, Political correctness strikes back: Jedi believer wins apology after being kicked out of Jobcentre for wearing a hood, The Daily Mail, 17 marzo 2010. URL consultato il 22 febbraio 2018.
  18. ^ McKenzie, Steven "Star chores: Do Jedi want to marry people?", BBC News, London, 20 March 2013. Retrieved on 14 June 2014.
  19. ^ Hudson, Tony "Marry you, I will: Jedi strike back over weddings criticism" Archiviato il 9 maggio 2019 in Internet Archive., Politics UK, 25 March 2013. Retrieved on 14 June 2014.
  20. ^ (EN) Jediism not a religion, Charity Commission rules, su bbc.co.uk, 19 dicembre 2016.
  21. ^ (EN) Thousands of Turkish students sign petition to build Jedi Temple on university campus, su independent.co.uk, 8 aprile 2015. URL consultato l'8 aprile 2015.
  22. ^ (EN) Turkish University students demand Jedi, Buddhist temples amid mosque frenzy, su hurriyetdailynews.com, 6 aprile 2015. URL consultato l'8 aprile 2015.
  23. ^ Federico Cella, Star Wars e le 10 regole del Maestro Jedi, su Corriere della Sera, 11 ottobre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]