Italo Mancini (filosofo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« La filosofia è il passaggio dal senso al significato, attraverso le mediazioni culturali, dottrinali, attraverso la struttura del puro pensare e attraverso le mediazioni della prassi. »

Italo Mancini (Schieti, 4 marzo 1925Urbino, 7 gennaio 1993) è stato un presbitero, filosofo e teologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato in Seminario a Fano si laureò in filosofia all'Università Cattolica di Milano nella quale ha successivamente insegnato per dieci anni come assistente e docente di Filosofia della religione. Nel 1965 Carlo Bo lo vuole all'Università di Urbino, dove insegna prima filosofia della religione e storia del cristianesimo, poi filosofia teoretica presso la Facoltà di magistero e, negli ultimi anni filosofia del diritto presso la Facoltà di giurisprudenza. Studioso dei massimi teologi del Novecento, ha curato le edizioni italiane degli scritti di Karl Barth, Rudolf Bultmann e Dietrich Bonhöffer pubblicando, su quest'ultimo, anche una biografia e un'analisi dottrinale. Ha fondato l'Istituto superiore di scienze religiose di Urbino, oggi intitolato a lui, unico esempio, per molti anni, di "facoltà teologica" in una università laica.

Tra i filosofi, si è dedicato molto a Immanuel Kant, pubblicando (nel 1981 e nel 1988) in due tomi Guida alla Critica della ragion pura, contribuendo notevolmente alla diffusione del suo pensiero in ambito cattolico. In questo senso è ancora più importante "Kant e la teologia", che Italo Mancini pubblicò nel 1975. In quest'opera la filosofia della religione kantiana è considerata feconda anche per la teologia cattolica alla luce del Concilio Vaticano II. Negli anni '70 del XX secolo Italo Mancini si è anche confrontato con Marx e il Marxismo, allora dominanti nella cultura filosofica e politica italiana. In Marx, Italo Mancini tiene in grande considerazione il concetto di "alienazione", presente soprattutto nei "Manoscritti economico-filosofici del 1844". Questo concetto, che esprime l'estraneazione dell'operaio in rapporto al lavoro salariato, a causa dei modi di produzione capitalistici, capaci di sfruttare il lavoro come fosse una merce, deve essere stimolo per la Dottrina Sociale della Chiesa. Ciò che Mancini critica in Marx è l'ateismo e l'uso della dialettica hegeliana in una prospettiva materialistica ("Concezione materialistica della storia"): quest'ultima mette in discussione la libertà dell'uomo, inteso come persona, riducendolo all'insieme dei suoi rapporti economici. Italo Mancini ha inoltre fatto parte della redazione della rivista internazionale di teologia Concilium. È stato autore di numerosi libri di notevole spessore e di grande successo editoriale. Ha fondato nel 1981 la rivista di filosofia e teologia Hermeneutica, che esce per numeri monografici, nota sia a livello nazionale che internazionale ed edita da Morcelliana.

La sua posizione di pensiero verteva su un cristianesimo di matrice liberale e democratica d'impronta sociale, che cercava uno spazio autonomo e libero, dando un'importante risposta da credente alla cultura laicista e marxista di quegli anni sulle orme del Concilio Vaticano II.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ontologia fondamentale, La Scuola, Brescia 1958
  • Il giovane Rosmini. I. La metafisica inedita, Argalìa, Urbino 1963
  • Filosofi esistenzialisti, (Heidegger, Marcel, Wahl, Gilson, Lotze), Argalìa, Urbino 1964
  • Linguaggio e salvezza, Vita e Pensiero, Milano 1964
  • Filosofia della religione, Abete, Roma 1968
  • Bonhoeffer, Vallecchi, Firenze 1969
  • Teologia ideologia utopia, Queriniana, Brescia 1974
  • Kant e la teologia, Cittadella, Assisi 1975
  • Futuro dell'uomo e spazio per l'invocazione, L'Astrogallo, Ancona 1975
  • Con quale comunismo? La Locusta, Vicenza, 1976 *Con quale cristianesimo", Coines, Roma, 1977 *Novecento teologico, Vallecchi, Firenze 1977
  • Teologia ideologia utopia, Queriniana, Brescia 1978
  • Fede e cultura, con Giuseppe Ruggeri, Genova, Marietti 1979
  • Come continuare a credere, Rusconi, Milano 1980
  • Negativismo giuridico', QuattroVenti, Urbino 1981
  • Guida alla Critica della ragion pura, vol. I, QuattroVenti, Urbino 1982
  • Lettera a un laureando, Urbino, Quattroventi 1982
  • Il pensiero negativo e la nuova destra, Mondadori, Milano 1983
  • Il quinto evangelio come violenza ermeneutica, in “Apocalisse e ragione”, testi di Carlo Bo e altri, Urbino, Quattroventi 1983, “Hermeneutica” 3, pp. 29–139
  • Filosofia della prassi, Morcelliana, Brescia 1986
  • Tre follie, Camunia, Milano 1986
  • Guida alla Critica della ragion pura, vol. II. L'Analitica, QuattroVenti, Urbino 1988
  • Il male radicale per Kant, in “La ragione e il male. Atti del terzo colloquio su filosofia e religione”, 8-10 maggio 1986; Genova, Marietti 1988, pp. 53–72
  • De profundis per la dialettica, in “Metafisica e dialettica”, Genova, Tilgher 1988, pp. 153–214
  • Tornino i volti, Marietti, Genova 1989
  • Giustizia per il creato, Urbino, Quattroventi 1990, coll. "Il nuovo Leopardi"
  • L'Ethos dell'Occidente. Neoclassicismo etico, profezia cristiana, pensiero critico moderno, Marietti, Genova 1990
  • Scritti cristiani. Per una teologia del paradosso, Marietti, Genova 1991

Opere postume[modifica | modifica wikitesto]

  • Diritto e società. Studi e testi, Urbino, Quattroventi 1993
  • Come leggere Maritain, Brescia, Morcelliana 1993
  • Ethos e cultura nella cooperazione di credito, Piergiorgio Grassi, Urbino, Associazione per la ricerca religiosa “S. Bernardino”, Quattroventi 1994
  • Bonhoeffer (postfazione di Piergiorgio Grassi), Morcelliana, Brescia 1995
  • Frammento su Dio, Andrea Aguti (a cura), prefazione di Graziano Ripanti, Brescia, Morcelliana 2000
  • Per Aldo Moro. Al di là della politica, Carlo Bo - Mario Luzi - Italo Mancini, Urbino, Quattroventi 2008
  • Opere scelte. Voll. 1 - 3, Brescia, Morcelliana 2007-2011

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 1966

Bibliografia su Mancini[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Rognini, Metafisica e sofferenza. Un itinerario critico con Italo Mancini, Verona, Mazziana 1983
  • Andrea Milano, Rivelazione ed ermeneutica. Karl Barth, Rudolf Bultmann, Italo Mancini, Urbino, Quattroventi 1988, "Biblioteca di Hermeneutica"
  • Piergiorgio Grassi, Intervista a Italo Mancini sulla teologia contemporanea, Urbino, Quattroventi 1992, coll. "Il nuovo Leopardi"
  • Enrico Moroni (a cura), La filosofia politica nel pensiero di Italo Mancini, Urbino, Quattroventi 1994
  • Francesco D'Agostino, Italo Mancini, filosofo del diritto, Urbino, Quattroventi 1994, coll. "Il nuovo Leopardi"
  • G. Ripanti - P. Grassi (a cura), Kerigma e prassi, Brescia, Morcelliana, Hermeneutica 1995
  • Gustavo Pansini (a cura), Studi in memoria di Italo Mancini, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane 1999
  • Galliano Crinella (a cura), Italo Mancini. Dalla teoresi classica alla modernità come problema, Roma, Edizioni Studium 2000
  • Antonio Areddu, Cristianesimo e marxismo nel pensiero di Italo Mancini. Una rilettura in memoriam, Pistoia, Petite Plaisance 2001
  • Italo Mancini tra filosofia e teologia, in "Riv. di teologia - Asprenas", I (2003), A. Pitta (a cura), numero monografico dedicato a Italo Mancini
  • G. Ripanti - P. Grassi (a cura), Filosofia, teologia, politica. A partire da Italo Mancini, Brescia, Morcelliana, Hermeneutica 2004
  • Mariangela Petricola, Pensare la differenza. La questione di Dio nell'epoca della disgregazione del senso. Una rilettura con Italo Mancini, in “Dialegesthai. Riv. telematica di filosofia", XII (2010); http://mondodomani.org/dialegesthai/mpet01.htm
  • Mariangela Petricola, Pensare Dio. Il cristianesimo differente di Italo Mancini, Assisi, Cittadella Editrice 2011
  • Antonio Ascione, Fedele a Dio e alla terra. L'avventura intellettuale di Italo Mancini, Benevento, Passione Educativa 2014
  • Valeria Sala, Italo Mancini. Filosofo del diritto, Torino, Giappichelli 2014, "Recta Ratio"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti nel sito dell'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN49240648 · ISNI: (EN0000 0000 6124 6216 · SBN: IT\ICCU\CFIV\019633 · LCCN: (ENn79049296 · GND: (DE119383543 · BNF: (FRcb12031385b (data) · BAV: ADV10079356