Irina Press

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Irina Press
Irina Press 1964.jpg
Nazionalità URSS URSS
Altezza 168 cm
Peso 75 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Ostacoli, prove multiple
Record
100 m 11"4 (1960)
80 hs 10"3 (1965)
Peso 17,21 m (1964)
Pentathlon 5.246 p. (1964)
Società Dynamo St. Petersburg
Dynamo Moskva
Carriera
Nazionale
1960-1966 URSS URSS
Palmarès
Giochi olimpici 2 0 0
Giochi europei indoor 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2011

Irina Natanovna Press (rus. Ирина Натановна Пресс; Char'kov, 10 marzo 1939Mosca, 21 febbraio 2004) è stata una multiplista, ostacolista, pesista e velocista sovietica, campionessa olimpica degli 80 metri ostacoli a Roma 1960 e del pentathlon a Tokyo 1964.

Anche la sorella, Tamara Press, è stata una grandissima atleta protagonista dell'atletica anni '60. Accusate di essere ermafroditi, la carriera di entrambe si concluse prima dell'introduzione di controlli più accurati sul sesso degli atleti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1960 Giochi olimpici Italia Roma 80 metri hs Oro Oro 10"8
4×100 metri 45"2
1964 Giochi olimpici Giappone Tokyo 80 metri hs 10"6
Getto del peso 16,71 m
Pentathlon Oro Oro 5.246 p. Record mondiale
1966 Giochi europei indoor Germania Ovest Dortmund 60 metri hs Oro Oro 8"1
Getto del peso 16,38 m

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine del Distintivo d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Distintivo d'Onore
— Mosca, 1961.
Ordine del Distintivo d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Distintivo d'Onore
— Mosca, 1965.
Ordine dell'Amicizia - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia
— Mosca.
immagine del nastrino non ancora presente Maestro onorario dello sport
— Mosca, 1960.
Lavoratore onorario della cultura fisica nella Federazione Russa - nastrino per uniforme ordinaria Lavoratore onorario della cultura fisica nella Federazione Russa
— Mosca, 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Andreas Singler, Gerhard Treutlein, Doping im Spitzensport: sportwissenschaftliche Analysen zur nationalen und internationalen Leistungsentwicklung, 5ª ed., Meyer & Meyer Verlag, 2009, ISBN 978-3-89899-192-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]