Patricia Girard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patricia Girard
Nazionalità Francia Francia
Altezza 163 cm
Peso 48 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Ostacoli, velocità
Record
60 m 7"25 (indoor – 1998)
100 m 11"11 (1994)
200 m 23"40 (1995)
200 m 24"28 (indoor – 2009)
60 hs 7"84 (indoor – 1995-1997)
100 hs 12"59 (1996)
Società ES Montgeron
Carriera
Nazionale
1988-2009 Francia Francia 48
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Mondiali 1 1 1
Mondiali indoor 0 0 2
Europei indoor 2 1 2
Giochi del Mediterraneo 2 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 6 luglio 2011

Patricia Girard-Léno (Pointe-à-Pitre, 8 aprile 1968) è un'ex ostacolista e velocista francese, campionessa mondiale della staffetta 4×100 metri nel 2003 e due volte campionessa europea indoor dei 60 metri ostacoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A livello giovanile Patricia Girard iniziò come velocista pura, ma in seguito si dedicò anche agli ostacoli. Fu proprio sugli ostacoli alti che ottenne i suoi migliori risultati individuali: la medaglia di bronzo nei 100 metri ostacoli ai Giochi olimpici di Atlanta 1996, e cinque medaglie mondiali ed europee indoor sui 60 metri ostacoli.

Fu componente della staffetta 4×100 metri francese sin da Seul 1988.

Nel 1990 fu sospesa per due anni per doping.[1]

Fu una delle quattro staffettiste (prima componente di una squadra composta anche da Muriel Hurtis, Sylviane Félix e Christine Arron) che vinsero l'oro davanti al pubblico di casa ai Mondiali di Parigi nel 2003, stabilendo il record nazionale francese con il tempo di 41"78. In precedenza con la staffetta aveva vinto l'argento ai Mondiali del 1999 e il bronzo ai Mondiali del 1997.

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Seniores[modifica | modifica wikitesto]

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1988 Giochi olimpici Corea del Sud Seul 100 m piani Batteria 11"65
4×100 m 44"02
1990 Europei indoor Regno Unito Glasgow 60 m piani 7"19
1992 Giochi olimpici Spagna Barcellona 100 m piani Semifinale 11"70
4×100 m 42"85
1993 Mondiali indoor Canada Toronto 60 m piani 7"31
60 m hs Bronzo Bronzo 8"01
Mondiali Germania Stoccarda 100 m hs Semifinale 13"03
1994 Europei indoor Francia Parigi 60 m piani Bronzo Bronzo 7"19
60 m hs 7"98
1995 Mondiali indoor Spagna Barcellona 60 m hs Semifinale 8"06
Mondiali Svezia Göteborg 100 m hs Semifinale 12"87
1996 Europei indoor Svezia Stoccolma 60 m hs Oro Oro 7"89
Giochi olimpici Stati Uniti Atlanta 100 m hs Bronzo Bronzo 12"65
4×100 m 42"76
1997 Mondiali indoor Francia Parigi 60 m hs Bronzo Bronzo 7"84
Giochi del
Mediterraneo
Italia Bari 100 m hs Oro Oro 12"90
Mondiali Grecia Atene 100 m hs Finale sq
4×100 m Bronzo Bronzo 42"21 Record nazionale
1998 Europei indoor Spagna Valencia 60 m hs Oro Oro 7"85
Europei Ungheria Budapest 100 m hs 12"89
1999 Mondiali Spagna Siviglia 100 m hs 12"97
4×100 m Argento Argento 42"06 Record nazionale
2000 Europei indoor Belgio Gand 60 m hs Argento Argento 7"98
Giochi olimpici Australia Sydney 100 m hs Quarti di finale 13"43
2001 Mondiali Canada Edmonton 100 m hs Semifinale 13"17
Giochi del
Mediterraneo
Tunisia Tunisi 100 m hs Oro Oro 12"82 Record dei campionati
2002 Europei indoor Austria Vienna 60 m hs Bronzo Bronzo 7"98
Europei Germania Monaco 100 m hs 13"03
2003 Mondiali indoor Regno Unito Birmingham 60 m hs 8"02
Mondiali Francia Parigi 100 m hs 12"83
4×100 m Oro Oro 41"78 Miglior prestazione mondiale stagionale
2005 Europei indoor Spagna Madrid 60 m hs 8"04
2009 Europei indoor Italia Torino 60 m hs Batteria 8"98

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

  • 7 volte campionessa nazionale nei 100 metri ostacoli (1993, 1995, 1997, 1999, 2001, 2002, 2003)
  • 3 volte campionessa nazionale indoor nei 60 metri piani (1988, 1990, 1995)
  • 7 volte campionessa nazionale indoor nei 60 metri ostacoli (1993, 1994, 1995, 1998, 2000, 2002, 2003)

Altre competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SV) Dopade – och mästare igen (Aftonbladet sport), 24 agosto 1998. URL consultato l'11 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]