Io e la boxe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Io e la boxe
BButler.JPG
Scena del film
Titolo originaleBattling Butler
Paese di produzioneUSA
Anno1926
Durata72 min (7 rulli - 2.124 metri)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generecommedia
RegiaBuster Keaton
SoggettoStanley Brightman, Austin Medford (commedia musicale)
SceneggiaturaPaul Girard Smith, Al Boasberg, Charles Henry Smith, Lex Neal[1]
ProduttoreBuster Keaton
Produttore esecutivoJoseph M. Schenck
Casa di produzioneBuster Keaton Productions
FotografiaBert Haines, Devereaux Jennings (con il nome J.D. Jennings)
Effetti specialiEd Levy
ScenografiaFred Gabourie (direttore tecnico)
Interpreti e personaggi

Io e la boxe (Battling Butler) è un film del 1926 diretto e interpretato da Buster Keaton.

Come nei precedenti The Saphead (regia di Roscoe Arbuckle, 1920) e Il navigatore (1924), anche qui il Keaton interpreta il ruolo di un riccone che si trova alle prese con attività a cui non è abituato (in questo caso nel classico tema cinematografico della boxe) e alle quali si deve adattare con l'ingegno e la furbizia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film si basa su uno spettacolo teatrale chiamato Battling Buttler ed interpretato da Charlie Ruggles al Selwyn Theatre e poi al Times Square Theatre per il Broadway theatre dal 1923 arrivando a 313 recite.

Alfred, figlio di un milionario, viene spedito dal padre sui monti, in una vacanza "forzata" col proprio maggiordomo, per farsi le ossa e staccare da una vita oltremodo agiata: si innamora di una ragazza e vorrebbe sposarla, ma i genitori di lei vogliono che abbia al suo fianco un uomo atletico e forte. Il maggiordomo decide così di spacciare il padrone Alfred per il pugile Battling Butler, suo omonimo. Alfred è coinvolto in una serie di equivoci e paradossi, ma la trovata regge, fino a quando giunge al paese il vero pugile e i due si devono sfidare.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Buster Keaton Productions. Conosciuto in Italia anche come Se perdo la pazienza..., è l'ultimo film di Keaton per la Metro-Goldwyn-Mayer: le ingerenze dei produttori nella realizzazione dei suoi film portano il regista, forte dei successi al botteghino, a cercare una maggiore libertà artistica.
Il successivo The General viene infatti prodotto dalla United Artists.

Luoghi delle riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne girato in esterni in California a Bakersfield e sul Kern River. Altre riprese furono effettuate a Los Angeles all'Olympic Auditorium al 1801 S. Grand Avenue, Downtown e ai Talmadge Apartments al 3278 del Wilshire Boulevard[2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla MGM, il film uscì in sala il 19 settembre 1926. In Spagna il film uscì nel 1927 in una versione di 61 minuti.

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

IMDb

  • USA 19 settembre 1926
  • Germania 11 marzo 1927
  • Finlandia 14 marzo 1927
  • Spagna 16 aprile 1927 (Madrid)
  • Portugal 11 gennaio 1928
  • Spagna 12 maggio 1982 (riedizione)

Alias

  • Battling Butler USA (titolo originale)
  • Boxeur... Por Amor Dela Portogallo
  • Bunyós Butler Ungheria
  • Buster Keaton, der Killer von Alabama Germania
  • Buster, a bunyós Ungheria
  • Der Killer von Alabama Germania
  • El último round Spagna
  • El boxeador Spagna
  • Ich bin der Größte Germania
  • Rakkaus ja romahdus Finlandia
  • Schlag auf Schlag Germania
  • Se perdo la pazienza... Italia
  • Sista ronden Svezia

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • (...) "ancora una volta la struttura narrativa è compatta e omogenea, tutt'altro che affidata al caso (...) " [3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cremonini, p. 102
  2. ^ Locations IMDb
  3. ^ Cremonini, p. 57.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean-Pierre Coursodon, Buster Keaton, Parigi, Lherminier 1986
  • Giorgio Cremonini, Buster Keaton, Milano, Il Castoro cinema, 1996.ISBN
  • Buster Keaton, Memorie a rotta di collo, Milano, Feltrinelli, 1995, ISBN 88-07-81354-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema