Istituto Le Rosey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Institut Le Rosey)
Jump to navigation Jump to search
Institut Le Rosey
Ubicazione
StatoSvizzera Svizzera
CittàRolle
Altre sediGstaad (sede invernale)
Dati generali
MottoUne École pour la Vie, A School for Life
Fondazione1880
TipoPrivata
Facoltà90
RettorePhilippe Gudin
Studenti380
Dipendenti70
Colori         Bianco e blu
Mappa di localizzazione
Sito web

L'Institut Le Rosey, noto anche come Le Rosey o semplicemente Rosey, è un collegio svizzero con sede a Rolle, sulle sponde del lago di Ginevra. È rinomato come uno dei più prestigiosi istituti scolastici al mondo e conta, tra i propri alunni, appartenenti a diverse famiglie reali.

L'istituto fu fondato nel 1880 da Paul-Émile Carnal sul sito del trecentesco Château du Rosey, nel Canton Vaud ed è uno dei più antichi educandati della Svizzera[1].

Filosofia educativa[modifica | modifica wikitesto]

La filosofia e la pratica della didattica sono ispirate alla teoria delle intelligenze multiple dello psicologo Howard Gardner, dell'Harvard University: "Il suo scopo è sviluppare tutti i talenti individuali dei Roseani attraverso lo studio accademico, lo sport, e i programmi artistici"[2] La scuola offre un impegnativo curriculum bilingue e biculturale, in cui le lingue sono il francese o l'inglese, a seconda del programma accademico degli studenti; tuttavia, gli studenti, durante il loro corso di studi a Le Rosey, possono seguire lezioni in molte lingue[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Château du Rosey, che funge da campus principale del Le Rosey, fu costruito nel 1260 a protezione dei siti monacensi locali. Le prime notizie scritte relative al castello, tuttavia, risalgono alla fine del XV secolo[4].

Nel 1880 il castello fu scelto dal fondatore della scuola, Paul-Émile Carnal, "un amante della natura, della storia e della campagna"[1].

Nel 1911 il fondatore cedette la proprietà del Le Rosey al figlio Henri-Paul.

Nel 1917 venne aperto il complesso di Gstaad, nella nota località sciistica nel Canton Berna, dove la scuola si trasferisce nei mesi invernali.

Nel 1947 la proprietà passò a Louis Johannot e Helen Schaub, la terza generazione di direttori.

Nel 1967 furono ammesse per la prima volta le ragazze e fu aperto un campus femminile separato da quello maschile.

Nel 1980 assunse il controllo dell'istituto la quarta generazione di direttori, Philippe e Anne Gudin de la Sablonnière.

Mobilità geografica[modifica | modifica wikitesto]

Le composizione delle diverse nazionalità degli studenti convenuti a studiare nell'ateneo ha ricalcato negli anni le tendenze politiche ed economiche del pianeta: negli anni cinquanta e sessanta del Novecento, la maggior parte degli studenti erano americani, italiani e greci; negli anni settanta, fu la volta di arabi e iraniani; negli anni ottanta arrivarono giapponesi e coreani; i russi divennero la maggioranza negli anni novanta[5].

Proprio la massiccia presenza di questa ultima nazionalità, fino a un terzo degli studenti a metà degli anni '90, dette origine a fenomeni di bullismo nei confronti di altri studenti, in alcuni casi terrorizzati a tal punto da lasciare la scuola[5]. Questi episodi indussero la gestione dell'istituto ad introdurre una quota massima del 10% di studenti per ciascuna nazionalità, in modo da evitare la creazione di componenti dominanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ENFR) A rich history..., rosey.ch (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2007).
  2. ^ A School unlike any other, su rosey.ch. URL consultato il 16 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2007).
  3. ^ Bilingualism and Biculturalism, su rosey.ch, 2007. URL consultato il 2 agosto 200 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  4. ^ (FR) Alexandre Truffer, Le château du Rosey (ou Rosay) à Bursins, swisscastles.ch.
  5. ^ a b (EN) Where you learn to be a billionaire, Forbes, 5 luglio 1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248312936 · GND (DE7573749-8