Indonesia AirAsia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Indonesia AirAsia
AirAsia New Logo.svg
Indonesia AirAsia Airbus A320 Simon.jpg
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATAQZ
Codice ICAOAWQ
Identificativo di chiamataWAGON AIR
Descrizione
Hub
Hub secondari
Programma frequent flyerBIG Loyalty Programme
Flotta29 (+90 ordini)
Destinazioni16
Azienda
Fondazionedicembre 2004
StatoIndonesia Indonesia
SedeGiacarta
GruppoAirAsia
SloganNow Everyone Can Fly
Sito web
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

PT. Indonesia AirAsia, operante come Indonesia AirAsia, è una compagnia aerea a basso costo con sede a Giacarta, in Indonesia. Opera voli di linea nazionali e internazionali ed è controllata dalla compagnia aerea low-cost malese AirAsia. Il suo hub principale è l'Aeroporto Internazionale di Giacarta-Soekarno-Hatta.[1] Fino a luglio 2010, Indonesia AirAsia, insieme a molte compagnie aeree indonesiane, aveva il divieto effettuare voli nell'area dell'Unione europea per motivi di sicurezza. Tuttavia, il divieto è stato revocato.[2]

Indonesia AirAsia è elencata nella categoria 1 nella lista dell'Autorità per l'Aviazione Civile indonesiana per la qualità della sicurezza aerea.[senza fonte]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Al 29 dicembre 2014, la flotta di Indonesia AirAsia consiste nei seguenti aerei con età media di 4,5 anni:[3]

Aereo Totale Ordini Passeggeri Note
Airbus A320-200
29
30
180
Airbus A320neo
0
60
180
Totale 29 90

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 dicembre 2014 il Volo Indonesia AirAsia 8501, proveniente da Surabaya, in Indonesia, e diretto a Singapore, con a bordo 162 persone, scompare dai radar.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Directory: World Airlines, in Flight International, 3 aprile 2007, p. 93.
  2. ^ (EN) List of airlines banned within the EU, ec.europa.eu. URL consultato il 28 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2010).
  3. ^ (EN) Indonesia AirAsia Fleet Details and History, planespotters.net. URL consultato il 1º gennaio 2015.
  4. ^ AirAsia ha perso i contatti con un suo aereo, ilpost.it, 28 dicembre 2014. URL consultato il 1º gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]