Il racconto della madre priora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il racconto della Madre Priora)

1leftarrow blue.svgVoce principale: I racconti di Canterbury.

La Vergine si manifesta al fanciullo

Il racconto della madre priora (The Prioress's Tale) è la sedicesima novella raccontata ne I racconti di Canterbury (The Canterbury Tales) di Geoffrey Chaucer. Non è possibile definire la collocazione esatta della novella, dato il manoscritto originale frammentato, ma è sicuro che fosse collocata prima del Racconto intorno a sir Thopas.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

C'era anche una suora, una priora, dal sorriso semplice e modesto. La sua più grande imprecazione era "Per Sant'Eligio!" ed era conosciuta come Madre Eglentina. Cantava il servizio divino alla perfezione intonando con un bell'accento nasale il francese, che parlava speditamente e con eleganza come aveva imparato alla scuola di Stratford Bow, poiché non conosceva il francese parlato a Parigi. A tavola era in tutto ben educata: non si lasciava cadere una briciola dalle labbra, né intingeva troppo le dita nella salsa, sapeva portarsi il cibo alla bocca facendo attenzione che nessuna goccia le cadesse sul petto. Le belle maniere erano la sua dote più grande. Si asciugava sempre il labbro superiore così bene che nella sua coppa non si scorgeva la più piccola traccia di unto quando aveva bevuto e si serviva dei cibi con moltissimo garbo. Certamente amava conversare, piacevolissima e affabile nel comportamento, si sforzava di imitare le maniere di corte e di avere modi di fare dignitosi per essere stimata degna di riverenza. Ma per darvi un'idea del suo carattere era così caritatevole e pietosa che si metteva a piangere se vedeva un topo in gabbia sia che fosse morto sia che sanguinasse. Teneva alcuni cagnolini che nutriva con carne arrostita oppure con del latte e del pan buffetto ma piangeva a calde lacrime se gliene moriva uno o se lo colpivano di male grazia col bastone. Era veramente tutta cuore e sentimento. Aveva il velo finemente pieghettato, il naso ben profilato, i suoi occhi grigio-vetro, le sue labbra piccoline, ma soffici e rosse, il suo mantello, certamente, era di foggia molto elegante. Portava al braccio un doppio rosario di piccoli coralli con i grani più grossi tutti colorati di verde e ne pendeva un medaglione d'oro lucente, su cui spiccava una A coronata , e più sotto Amor vincit omnia.

Predecessore I racconti di Canterbury Successore
Il racconto del marinaio 16 Il racconto intorno a sir Thopas