Il cibo degli dei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cibo degli dei
Titolo originaleThe Food of the Gods
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1976
Durata88 min
Genereorrore, fantascienza
RegiaBert I. Gordon
SoggettoH.G. Wells (romanzo)
SceneggiaturaBert I. Gordon
FotografiaReginald H. Morris
MontaggioCorky Ehlers
MusicheElliot Kaplan
ScenografiaGraeme Murray
Interpreti e personaggi

Il cibo degli dei (The Food of the Gods) è un film del 1976 diretto da Bert I. Gordon; è una pellicola horror fantascientifica tratto dal romanzo L'alimento divino (The Food of the Gods and How It Came to Earth, 1904) di H. G. Wells.

È la seconda pellicola di una trilogia di opere prodotte dalla American International Pictures e ispirate ai romanzi di H. G. Wells, che comprende anche i film L'isola del dottor Moreau e L'impero delle termiti giganti.

Nel 1989 ne è stato girato un seguito, Denti assassini di Damian Lee.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Morgan e i suoi amici organizzano una battuta di caccia e scelgono come territorio in cui agire una piccola e remota isola del Canada. Giunti sul posto vengono attaccati da uno sciame di api giganti e nelle successive esplorazioni si rendono conto che l'intera isola è popolata da animali di dimensioni enormi, tra cui i più pericolosi sono senza dubbio dei ratti giganti che, accortisi dell'intrusione, decidono di cacciare e cibarsi degli esseri umani.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nel mercato anglosassone anche col titolo H.G. Wells's Food of the Gods.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«Vagamente ispirato al romanzo di Wells, il film è l'ennesimo divertimento che Bert I. Gordon si prende giocando con gli effetti del gigantismo. [...] Non spiega l'origine del "cibo" di cui si nutrono api e topi [...] e preferisce concentrarsi sul crescendo di tensione culminante nell'assedio alla casa e nel salvataggio in extremis. Gordon, maestro del low budget, non si smentisce sulla modesta qualità dei suoi effetti speciali, ma può contare stavolta su un attore dal discreto passato (Ralph Meeker) e su un'attrice (Ida Lupino) giunta al traguardo di un'ottima carriera.»

(Fantafilm[1])

Seguito[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 ne è stato girato un seguito, dal titolo Denti assassini, diretto da Damian Lee.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Il cibo degli dei, in Fantafilm.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]