Igor Dodon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Igor Dodon
Igor Dodon (01.2017; cropped).jpg

Presidente della Repubblica di Moldavia
In carica
Inizio mandato 23 dicembre 2016
Predecessore Nicolae Timofti

Dati generali
Partito politico Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia

Igor Dodon (Sadova, 18 febbraio 1975) è un politico moldavo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Presidente della Moldavia dal 23 dicembre 2016. Deputato in Parlamento dal 2009, leader del Partito Socialista Moldavo, è stato vice-primo ministro dal 2008 al 2009.

Si è laureato in economia all'università agraria di stato della Moldavia. È stato vice-primo ministro nel governo di Zinaida Greceani. All'inizio faceva parte del Partito Dei Comunisti di Moldavia, poi del Partito Socialista di Moldavia ed infine indipendente dal 2016.

In seguito all'occupazione militare della penisola di Crimea da parte della Russia ha affermato che la Crimea "è un territorio della Federazione Russia".[1][2]

Il 23 dicembre 2016 ha vinto le elezioni presidenziali, sconfiggendo la candidata rivale Maia Sandu e diventa Presidente della Moldavia. È considerato filo-russo.[3] Ha proposto di indire un referendum per l'annullamento dell'accordo commerciale siglato a Bruxelles nel 2014 dalla Moldavia con l'Unione Europea, suo primo partner economico, per aderire all'Unione economica euroasiatica voluta dalla Russia.[4]

Dopo essere entrato nell'incarico si è rifiutato di nominare come Ministro della Difesa Eugen Sturza, indicato per quel ruolo dal Presidente del Consiglio dei Ministri, in quanto favorevole di una cooperazione con la NATO.[5] Il rifiuto ha determinato la necessità per il Governo di adire la Corte Costituzionale, che il 17 ottobre 2017, ha dichiarato contrario alla costituzione il comportamento di Dodon, statuendo che il Presidente della Repubblica di Moldova non può porre il veto sulla proposta dal Primo Ministro.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN315984435 · LCCN (ENn2015030370