I cavalieri della Tavola Rotonda (commedia musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Cavalieri della Tavola Rotonda
Lingua originaleItaliano
StatoItalia
Anno1995
GenereCommedia musicale
RegiaAlessandro Capone
SoggettoGalli e Capone
SceneggiaturaGalli e Capone
MusicheEnrico Riccardi
CoreografiaBaayork Lee
ScenografiaSergio Canevari
CostumiRaul Settimelli
Personaggi e attori
Gianfranco D'Angelo, Stefano Masciarelli, Sabrina Salerno, Daniele Luttazzi, Nadia Rinaldi, Adriano Pappalardo, Tosca D'Aquino

I Cavalieri della Tavola Rotonda - Storia di Graal e di Corna è una commedia musicale in due atti di Rosario Galli e Alessandro Capone, scritta nel 1995. Le musiche sono di Enrico Riccardi, le scene di Sergio Canevari e i costumi di Raul Settimelli e le coreografie di Baayork Lee[1]. La commedia debutta a dicembre 1995 e ottiene un lusinghiero successo e grandi incassi in tutta Italia, proponendosi, tra gli altri, al Teatro Sistina per cinque settimane, coprendo l'arco delle festività natalizie. Lo spettacolo è entrato nella terna del Biglietto d'Oro.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La commedia rivisita in versione comica il tradimento di Ginevra con Lancillotto.

Ginevra è una regina tarchiata che passa il suo tempo a mangiare seduta di fronte al globo luminoso inventato da Merlino, spendendo follie in vestiti e profumi e cercando d'irretire i cavalieri. Parsifal è un fissato con il Santo Graal che ha speso quasi tutti i possedimenti di famiglia in calici e che cade in estasi ogni mezz'ora sentendo le voci e vedendo la Luce. Mordred, che parla solo in rima, cerca di convincere Morgana, bellissima e con voce stupenda, ad aiutarlo a smascherare Ginevra, promettendole di giacere con lei. Alla fine Re Artù scopre il tradimento e condanna Ginevra a essere rinchiusa in un convento svizzero di Mességué e Lancillotto a seguire Parsifal nella sua ricerca del Santo Graal

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il cast è formato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina web di Alessandro Capone, su alessandrocapone.it. URL consultato il 7 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2006).