Harṣa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Impero di Harsha al massimo del suo splendore.

Harṣa o Harṣa-vardhana[N 1] (in sanscrito हर्षवर्धन; 590647) è stato un imperatore indiano che dominò l'India del Nord per più di quarant'anni.[1]

Egli era il figlio di Prabhakar Vardhan e fratello minore di Rajyavardhan, un re del Thanesar. Al culmine della sua potenza il suo regno si estendeva dal Punjab, al Bengala, all'Orissa e in tutta la pianura Indo-Gangetica a nord del fiume Narmada.

Dopo la caduta dell'Impero Gupta a metà del VI secolo d.C., l'India settentrionale tornò a dividersi in piccole repubbliche e monarchie. Harṣa unì le piccole repubbliche dal Punjab all'India centrale e venne incoronato re nell'aprile 606, a soli 16 anni[2].

Durante il suo regno si dedicò attivamente alla diffusione della cultura e del Buddismo.

Harsa è noto anche come autore di canti buddisti e di alcuni drammi, quali la Ratnâvalî, la Priyadarçikâ e il Nâgânanda (La gioia dei serpenti).[3] I primi due si possono definire drammi di 'agnizione', per i quali Harsha si ispirò all'opera di Kālidāsa intitolata Mālavikāgnimitram.[3] Il Nâgânanda è incentrato sulla descrizione di un sacrificio del Buddha, non priva di riferimenti al culto induista e di immagini erotiche.

Le opere scritte da Harṣa si caratterizzarono per una notevole creatività scenica e per la sintesi riuscita del canto, della danza e dell'azione saldati assieme grazie all'utilizzo del 'meraviglioso'.[3]

Le sue imprese furono celebrate dal poeta e scrittore indiano Bāṇabhaṭṭa nell'opera Harsacarita (Le gesta di Harsa).

Società ed amministrazione

[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca di Harṣa, l'India era ancora piuttosto avanzata: ad esempio, il numero pi greco era calcolato con maggiore precisione rispetto alla Grecia (cfr. Brahmagupta). Tuttavia, l'alta cultura era stata a lungo limitata alle caste esclusive di nobili militari, sacerdoti e grandi mercanti che controllavano il sistema monetario, il commercio a lunga distanza, le corporazioni e l'amministrazione. Xuánzàng descrisse il popolo come segue: "La gente comune è generalmente spensierata, ma sincera e onorevole, onesta nelle questioni di denaro e attenta nelle questioni legali. ... I criminali e i ribelli sono pochi; raramente si deve sopportare qualcosa da loro".

Il re istituì un'amministrazione centralizzata e viaggiò costantemente attraverso i suoi territori per ispezionarli e risolvere le controversie. Nell'India antica, la sovranità immediata di un sovrano poteva raramente essere esercitata su un raggio superiore a 150-200 chilometri. Il resto dei territori era sotto controllo sporadico fino a un raggio d'azione di circa 2000 chilometri. Uno si accontentava di non ammettere alcun sovrano di pari rango e di eliminare o esiliare i singoli avversari. L'eliminazione completa delle famiglie nobili, tuttavia, era considerata poco cavalleresca, e questo era certamente un problema degli Stati indiani dell'epoca.

Il regno di Harṣa contò 30 anni di pace. Con il proprio denaro finanziò progetti pubblici e istituzioni caritatevoli per i poveri e i malati. Xuánzàng scrisse: "Poiché l'amministrazione del Paese si basa su leggi indulgenti, anche l'esecuzione è semplice. Le famiglie non sono registrate e non c'è lavoro forzato. Le proprietà della corona sono divise in quattro parti: Dal primo viene coperto il bilancio dello Stato, dal secondo vengono pagati i ministri e i funzionari, il terzo è disponibile per le ricompense degli uomini meritevoli, e dal quarto fluiscono i sostegni delle comunità religiose".

Tuttavia, lo stato di Harṣa aveva dei problemi: il suo impero era tagliato fuori a ovest dalle tradizionali rotte commerciali a lunga distanza con Roma orientale, l'economia si stava riducendo e la circolazione del denaro era in declino. Harṣa decise di regalare ai suoi bramini e ad altri dignitari terre statali perché le sue casse erano vuote. Questo, ovviamente, diminuiva la sua autorità e aumentava quella dei dotati, perché i bramini non esercitavano quasi mai funzioni sacerdotali, ma piuttosto amministrative come funzionari pubblici. Le terre cedute erano esenti da tasse, i funzionari e i soldati reali non potevano entrarvi. (Tuttavia, c'era ancora molta terra incolta che è stata sviluppata con queste procedure).

Nonostante ciò, l'esercito di Harṣa non era proprio piccolo: fin dall'inizio contava 5.000 elefanti da guerra, 20.000 cavalieri (i cavalli erano cinque volte più costosi in India che nell'Impero franco) e 50.000 fanti. In seguito, si dice che sia stata notevolmente aumentata.

Sebbene Harṣa abbia promosso l'università buddista di Nalanda, che all'epoca contava 4.000 studenti, egli stesso rimase probabilmente un seguace di Siva. A Kannauj c'erano oltre 100 monasteri buddisti, che davano da mangiare a 1000 monaci buddisti e 500 bramini. L'induismo, tuttavia, non poteva essere aggirato, poiché era troppo radicato tra la popolazione, mentre il buddismo era concentrato sulle classi più elevate. Le due religioni esistevano ormai fianco a fianco, con l'Induismo che sviluppò le sue sei scuole filosofiche (vedi Filosofia indiana) e si dice che il re abbia anche mitigato alcune leggi indù (il rogo delle vedove). Lo stesso Harṣa fu autore di tre opere teatrali che fondevano tratti buddisti e indù.

Ogni cinque anni, Harṣa organizzava una grande celebrazione religiosa. Nel 643 era così: il primo giorno si venerava Buddha, il secondo Visnù come dio del sole e il terzo Siva. C'erano 18 re vassalli, 3000 monaci buddisti e 2000 bramini e seguaci di altri insegnamenti. Tuttavia, il monaco pellegrino cinese Xuánzàng riferisce che Harṣa agì in modo autoritario nell'interesse del Buddhismo Mahāyāna. Minacciò di perdere la testa o la lingua chiunque avesse cercato la vita di Xuánzàng - un vigoroso sostenitore di questa fede - o l'avesse vilipeso.

Annotazioni
  1. ^ con grafie inglesi Harsha e Harshavardhana.
Fonti
  1. ^ Romila Thapar, Early India : From the Origins to AD 1300, Londres, Allen Lane, 2002
  2. ^ RN Kundra & SS Bawa, History of Ancient and Meddieval India
  3. ^ a b c Le Muse, vol. 5, Novara, De Agostini, 1965, p. 475.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN193711102 · ISNI (EN0000 0003 5697 689X · SBN IEIV044585 · CERL cnp00544118 · LCCN (ENn50082104 · GND (DE118983903 · BNF (FRcb11906956d (data) · J9U (ENHE987007262307705171