Harsha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Impero di Harsha al massimo del suo splendore.

Harsha o Harshavardhana (हर्षवर्धन) o Harsha vardhan (590647) fu un imperatore indiano che dominò l'India del Nord per più di quarant'anni.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Egli era il figlio di Prabhakar Vardhan e fratello minore di Rajyavardhan, un re del Thanesar. Al culmine della sua potenza il suo regno si estendeva dal Punjab, al Bengala, all'Orissa e in tutta la pianura Indo-Gangetica a nord del fiume Narmada.

Dopo la caduta dell'Impero Gupta a metà del VI secolo d.C., l'India settentrionale tornò a dividersi in piccole repubbliche e monarchie. Harsha unì le piccole repubbliche dal Punjab all'India centrale e venne incoronato re nell'aprile 606, a soli 16 anni[2].

Durante il suo regno si dedicò attivamente alla diffusione della cultura e del Buddismo.

Harsa è noto anche come autore di canti buddisti e di alcuni drammi, quali la Ratnâvalî, la Priyadarçikâ e il Nâgânanda (La gioia dei serpenti).[3] I primi due si possono definire drammi di 'agnizione', per i quali Harsha si ispirò all'opera di Kālidāsa intitolata Mālavikāgnimitram.[3] Il Nâgânanda è incentrato sulla descrizione di un sacrificio del Buddha, non priva di riferimenti al culto induista e di immagini erotiche.

Le opere scritte da Harsha si caratterizzarono per una notevole creatività scenica e per la sintesi riuscita del canto, della danza e dell'azione saldati assieme grazie all'utilizzo del 'meraviglioso'.[3]

Le sue imprese furono celebrate dal poeta e scrittore indiano Bāṇabhaṭṭa nell'opera Harsacarita (Le gesta di Harsa).

Società ed amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca di Harsha, l'India era ancora piuttosto avanzata: ad esempio, il numero pi greco era calcolato con maggiore precisione rispetto alla Grecia (cfr. Brahmagupta). Tuttavia, l'alta cultura era stata a lungo limitata alle caste esclusive di nobili militari, sacerdoti e grandi mercanti che controllavano il sistema monetario, il commercio a lunga distanza, le corporazioni e l'amministrazione. Xuanzang descrisse il popolo come segue: "La gente comune è generalmente spensierata, ma sincera e onorevole, onesta nelle questioni di denaro e attenta nelle questioni legali. ... I criminali e i ribelli sono pochi; raramente si deve sopportare qualcosa da loro".

Il re istituì un'amministrazione centralizzata e viaggiò costantemente attraverso i suoi territori per ispezionarli e risolvere le controversie. Nell'India antica, la sovranità immediata di un sovrano poteva raramente essere esercitata su un raggio superiore a 150-200 chilometri. Il resto dei territori era sotto controllo sporadico fino a un raggio d'azione di circa 2000 chilometri. Uno si accontentava di non ammettere alcun sovrano di pari rango e di eliminare o esiliare i singoli avversari. L'eliminazione completa delle famiglie nobili, tuttavia, era considerata poco cavalleresca, e questo era certamente un problema degli Stati indiani dell'epoca.

Il regno di Harsha contò 30 anni di pace. Con il proprio denaro finanziò progetti pubblici e istituzioni caritatevoli per i poveri e i malati. Xuanzang scrisse: "Poiché l'amministrazione del Paese si basa su leggi indulgenti, anche l'esecuzione è semplice. Le famiglie non sono registrate e non c'è lavoro forzato. Le proprietà della corona sono divise in quattro parti: Dal primo viene coperto il bilancio dello Stato, dal secondo vengono pagati i ministri e i funzionari, il terzo è disponibile per le ricompense degli uomini meritevoli, e dal quarto fluiscono i sostegni delle comunità religiose".

Tuttavia, lo stato di Harsha aveva dei problemi: il suo impero era tagliato fuori a ovest dalle tradizionali rotte commerciali a lunga distanza con Roma orientale, l'economia si stava riducendo e la circolazione del denaro era in declino. Harsha decise di regalare ai suoi bramini e ad altri dignitari terre statali perché le sue casse erano vuote. Questo, ovviamente, diminuiva la sua autorità e aumentava quella dei dotati, perché i bramini non esercitavano quasi mai funzioni sacerdotali, ma piuttosto amministrative come funzionari pubblici. Le terre cedute erano esenti da tasse, i funzionari e i soldati reali non potevano entrarvi. (Tuttavia, c'era ancora molta terra incolta che è stata sviluppata con queste procedure).

Nonostante ciò, l'esercito di Harsha non era proprio piccolo: fin dall'inizio contava 5.000 elefanti da guerra, 20.000 cavalieri (i cavalli erano cinque volte più costosi in India che nell'Impero franco) e 50.000 fanti. In seguito, si dice che sia stata notevolmente aumentata.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene Harsha abbia promosso l'università buddista di Nalanda, che all'epoca contava 4.000 studenti, egli stesso rimase probabilmente un seguace di Shiva. A Kannauj c'erano oltre 100 monasteri buddisti, che davano da mangiare a 1000 monaci buddisti e 500 bramini. L'induismo, tuttavia, non poteva essere aggirato, poiché era troppo radicato tra la popolazione, mentre il buddismo era concentrato sulle classi più elevate. Le due religioni esistevano ormai fianco a fianco, con l'Induismo che sviluppò le sue sei scuole filosofiche (vedi Filosofia indiana) e si dice che il re abbia anche mitigato alcune leggi indù (il rogo delle vedove). Lo stesso Harsha fu autore di tre opere teatrali che fondevano tratti buddisti e indù.

Ogni cinque anni, Harsha organizzava una grande celebrazione religiosa. Nel 643 era così: il primo giorno si venerava Buddha, il secondo Vishnu come dio del sole e il terzo Shiva. C'erano 18 re vassalli, 3000 monaci buddisti e 2000 bramini e seguaci di altri insegnamenti. Tuttavia, il monaco pellegrino cinese Xuanzang riferisce che Harsha agì in modo autoritario nell'interesse del Buddhismo Mahayana. Minacciò di perdere la testa o la lingua chiunque avesse cercato la vita di Xuanzang - un vigoroso sostenitore di questa fede - o l'avesse vilipeso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Romila Thapar, Early India : From the Origins to AD 1300, Londres, Allen Lane, 2002
  2. ^ RN Kundra & SS Bawa, History of Ancient and Meddieval India
  3. ^ a b c Le Muse, vol. 5, Novara, De Agostini, 1965, p. 475.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN193711102 · ISNI (EN0000 0003 5697 689X · SBN IEIV044585 · CERL cnp00544118 · LCCN (ENn50082104 · GND (DE118983903 · BNF (FRcb11906956d (data) · J9U (ENHE987007262307705171 · WorldCat Identities (ENlccn-n50082104