HMS Sussex (96)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Sussex
HMS Sussex (96).jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Incrociatore pesante
Classe County
Proprietà Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Identificazione 96
Costruttori R. and W. Hawthorn, Leslie and Company, Limited
Cantiere Hebburn-on-Tyne
Impostata 1º febbraio 1927
Varata 22 febbraio 1928
Entrata in servizio 19 marzo 1929
Destino finale Demolita a partire dal 23 febbraio 1950 a Dalmuir
Caratteristiche generali
Dislocamento 9.750 t (standard)
13.315 t (a pieno carico)
Lunghezza 193 m
Larghezza 20 m
Pescaggio 6,4 m
Propulsione 8 caldaie, turbine meccaniche Parsons, 4 assi
80.000 Shp
Velocità 32 nodi (59 km/h) nodi
Autonomia 2930 n.mi. a nodi 31.5( km a km/h)
Equipaggio 650 (in pace), 820 (in guerra)
Armamento
Armamento artiglieria alla costruzione:
  • 8 pezzi da 203 mm in 4 torri binate
  • 4 pezzi da 102 mm antiaerei
  • 4 pezzi da 40 mm "Pom-pom" antiaerei singoli
  • 2 pezzi da 40 mm "Pom-pom" antiaerei quadrinati
  • 2 mitragliatrici Vickers da 12,7 mm quadrinate
  • 2 lanciasiluri quadrupli da 533 mm
Corazzatura da 25 a 100 mm a protezione della stiva
30 mm sul ponte
25 mm torrette
113 mm cintura
Mezzi aerei 1 idrovolante Supermarine Walrus (successivamente tre), 1 catapulta
Note
Motto Fortier in rye

[senza fonte]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La HMS Sussex (Pennant number 96) è stata un incrociatore pesante della Classe County, sottoclasse London, della Royal Navy e terza nave a portare questo nome. Venne impostata nei cantieri R. and W. Hawthorn, Leslie and Company di Hebburn-on-Tyne il 1 febbraio 1927, varata il 22 febbraio 1928 e completata il 19 marzo 1929.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mediterraneo, Australia e Guerra Civile Spagnola[modifica | modifica wikitesto]

La Sussex servì nel Mediterraneo fino al 1934, anno in cui venne trasferita presso lo Squadrone Australiano dove rimase fino al 1936. Successivamente ritornò nel Mediterraneo per proteggere le imbarcazioni neutrali durante l'ultimo periodo della Guerra Civile Spagnola, insieme alle Cacciatorpediniere Intrepid e Impulsive. Riuscì a ottenere la liberazioni di quattro navi da trasporto catturate dalle forze nazionaliste spagnole ma non poté evitare la cattura della nave Stangate, legalmente registrata a Londra, da parte della nave Mar Negro al largo di Valencia, il 16 marzo 1939.

Durante la Seconda Guerra Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Atlantico[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 1939 operò con la Forza H nell'Atlantico meridionale durante la ricerca dell'incrociatore pesante tedesco Admiral Graf Spee[1]. Il 2 dicembre intercettò insieme alla nave da battaglia Renown la nave passeggeri tedesca Watussi, che però fu autoaffondata dal suo equipaggio prima di poter essere catturata. Dopo l'affondamento della Graf Spee in dicembre, tornò in Gran Bretagna, servendo nella Home Fleet durante la Campagna Norvegese. Andò in manutenzione a Glasgow e durante i lavori venne colpita da una bomba il 18 settembre 1940. Questa causò danni gravi e alcuni incendi, che portarono alla necessità di ampie riparazioni che la tennero fuori dal servizio attivo fino all'agosto del 1942.

Successivamente venne assegnata all'Atlantico, dove il 26 febbraio 1943 intercettò la nave appoggio tedesca Hohenfriedberg affondandola e venendo allo stesso tempo sfiorata da un lancio di siluri proveniente dall' U-264 di scorta alla nave.

Nel Pacifico[modifica | modifica wikitesto]

Il Generale Itagaki firma la resa di Singapore a bordo della Sussex

Durante il 1944 la Sussex, trasferita nel Pacifico, partecipò ad operazioni nell Indie Orientali Olandesi a seguito della fine delle ostilità. Il 26 luglio 1945 la sua Task Force venne attaccata da due Aichi D3A usati da kamikaze. Il primo venne abbattuto dalla HMS Ameer e il secondo dalla Sussex stessa. Sfortunatamente un aereo rimbalzò sulla superficie del mare e colpì la nave, danneggiando leggermente lo scafo sopra la linea di galleggiamento. Il 5 settembre successivo alle 11.30 la Sussex entrò nella baia di Singapore innalzando la bandiera del Contrammiraglio Cedric Holland per accettare la resa della guarnigione giapponese, firmata a bordo dal Generale Seishirō Itagaki, a conclusione della Operazione Tiderance preparata per ricatturare Singapore.

Radiazione e demolizione[modifica | modifica wikitesto]

La Sussex venne radiata durante il 1949 e ceduta alla British Iron and Steel Corporation il 3 gennaio 1950, per arrivare a Dalmuir, in Scozia, il 23 febbraio successivo per essere demolita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peillard, p. 57

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Colledge, J. J. and Warlow, Ben (2006) [1969]. Ships of the Royal Navy: the complete record of all fighting ships of the Royal Navy (Edizione aggiornata). London: Chatham.
  • British and Empire Warships of the Second World War, H T Lenton, Greenhill Books.
  • Conway's All the World's Fighting Ships, 1922-1946, Ed. Robert Gardiner, Naval Institute Press.
  • Léonce Peillard, La battaglia dell'Atlantico, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1992, ISBN 88-04-35906-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina