Guido Gonzato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guido Gonzato (Colognola ai Colli, 13 agosto 1896Mendrisio, 21 ottobre 1955) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Carlo e Maria Gonzato, primogenito di 10 figli. Emigra a Chiasso con la famiglia nel 1913 in seguito all'incendio della casa natale. Si diploma all'Accademia di belle arti di Verona nel 1921. Pochi anni dopo è colpito da una malattia agli occhi, ragion per cui da quel momento in avanti indosserà sempre un paio di occhiali scuri. A partire dal 1929 espone a Oslo, Roma, Parigi e in numerose città europee. Nel 1934 vince il Premio Campione d'Italia.

Sue opere, sia su tavola che come affresco, sono conservate in diverse chiese del Canton Ticino. Altre 4 sue opere sono conservate nel Museo Cantonale d'Arte in Lugano.[1]

Esposizioni personali[modifica | modifica wikitesto]

  • Circolo Coltura e Divertimento", Chiasso 1923 e 1924
  • "Italiensk Kunst", Galleria Hos Blomqvist, Oslo 1929 (con Adolfo Wildt e Filiberto Minozzi)
  • Galerie Bettie Thommen, Basel 1933
  • Galleria del Milione, Milano 1933
  • "Mostra personale d'arte sacra", Bellinzona 1934
  • Galleria "Bragaglia fuori commercio", 1935
  • Studio "Casorati e Paulucci", Torino 1935
  • Teatro Nuovo, Chiasso 1936
  • Galleria Genova, Genova 1936
  • Galerie d'art "Le Niveau", Parigi 1936
  • Galleria Santee Landweer, Amsterdam 1936
  • Basilea 1937
  • Galleria del Milione, Milano 1940
  • Galleria Genova, Genova 1940
  • Gallerie Aktuarius, Zürich 1945 (con Arnold d'Altri e Marino Marini)
  • Galerie Moser, Lausanne 1945
  • Salle d'exposition à l'Université, Fribourg 1946 (con Arnold d'Altri)
  • Galerie de la Guilde du Livre, Lausanne 1947
  • Kurbrunnen, Rheinfelden 1950
  • Kammermusikhaus, Kongresshaus Zürich 1951

Esposizioni collettive[modifica | modifica wikitesto]

  • Biennale Internazionale d'Arte, Venezia 1924
  • "Brignoni, Gonzato, Rusconi, Carugo, Cassina", Sala d'Arte, Bellinzona 1925
  • Sindacali Milanesi, Milano 1929, 1930, 1931, 1932, 1933
  • Quadriennale Romana, Roma 1931
  • Galleria Milano, Milano 1933
  • "Prima mostra del Sindacato Nazionale Fascista di Belle Arti", Firenze 1933
  • "Settimana d'Arte", Milano 1934
  • Biennale Internazionale d'Arte, Venezia 1934
  • Società Ticinese di Belle Arti, Museo Caccia, Lugano 1934
  • "Exposition d'Art Italienne", Musée de l'Athénée, Genève 1934
  • "Premio Campione d'Italia", Palazzo del Broletto, Como 1934
  • "Mostra d'Arte Sacra", Bellinzona 1934
  • "III Mostra d'Arte", Cenacolo Italiano, Lugano 1935
  • "Mostra dei Quarant'anni", Venezia 1935
  • Quadriennale Romana, Roma 1935
  • "Scènes de la vie bourgeoise", Galerie d'art "Le Niveau", Paris 1936
  • "Paysages", Galerie d'art "Le Niveau", Paris 1937
  • "Nature Morte et Fleurs", Galerie d'art "Le Niveau", Paris 1937
  • "L'enfant dans la Peinture Moderne", Galerie d'art "Le Niveau", Paris 1937
  • "Ausländische Maler in der Schweiz", Kunsthalle Bern 1945
  • Biennale Internazionale d'Arte, Venezia 1948
  • "Pittura italiana contemporanea", Chiostro San Giovanni, Mendrisio 1950

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 39, 115, 268, 281, 300, 424, 461.
  • Mario Mascarin, Guido Gonzato, Edizioni San Quadrato, Mendrisio, 1932
  • Mario Mascarin, Catalogo della mostra Guido Gonzato, Galleria Bragaglia Fuori commercio, Roma, 1935
  • Don Agostino Robertini, Guido Gonzato. La via Crucis di Rancate, Istituto Editoriale Cisalpino, Varese-Milano, 1936
  • Raffaello Giolli, in: "Bollettino della Galleria del Milione", N.65, Milano 9-24.III.1940
  • Juan Bay, Catalogo della mostra "Guido Gonzato, Galleria Genova, Genova 1940
  • Max Berger - Maurice Zermatten, Guido Gonzato, Editions Jean Marguerat, Lausanne 1945
  • Gianfranco Contini, Le maschere di Guido Gonzato, Edizioni del Milione, Milano, 1950 (seconda edizione 1952)
  • Giuseppe Ungaretti, "Le voci tragiche di Guido Gonzato", Edizioni del Milione, Milano, 1952 (édition française 1952 - riedizione a cura di Roberto Forlano, Como 1998)
  • Giuseppe Curonici - Amleto Pedroli, Catalogo della mostra Guido Gonzato, Mendrisio 1965
  • Amleto Pedroli, Guido Gonzato, Ed. Banca dello Stato del Cantone Ticino, Bellinzona 1984
  • Giuseppe Curonici (a cura di), Catalogo della mostra Guido Gonzato, Mendrisio, 1996

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74708883 · ISNI: (EN0000 0000 6684 301X · LCCN: (ENn85118319 · BNF: (FRcb120045928 (data) · ULAN: (EN500103088